• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Italia, it soffocato da un mercato blindato
    09
    mag.
    2006

    Italia, it soffocato da un mercato blindato

    Condividi su:   Stampa

    da Punto InformaticoQuesta la denuncia di AITech-Assinform, che snocciola cifre pesanti. E accusa: l'IT italiano è in deficit, gli investimenti della PA diminuiscono e il mercato è distorto. Nella UE, Italia indietroRoma - In Italia, e in particolare nel settore pubblico, si spende poco e male in informatica. Questo, in estrema sintesi, il giudizio di AITech-Assinform , l'associazione delle imprese IT italiane, che al Forum PA in corso a Roma ha presentato un quadro del mercato del tutto deludente.  I dati di un'indagine svolta dall'Associazione, infatti, parlano di un crollo degli investimenti da parte della Pubblica Amministrazione: - 38 per cento. Ed emerge, spiegano gli esperti, "la mappa di 30 piccole IRI dell'informatica che coprono il 46 per cento della domanda pubblica locale a costi interni ben più alti della media di settore". Tutto questo a fronte di un deficit con l'estero dell'industria IT di 678,5 milioni di euro (dati di novembre 2005).

    In definitiva, spiega AITech-Assinform, l’Italia spende in investimenti per l’innovazione l’1,9 per cento del proprio Prodotto Interno Lordo quando in Europa la media è del 3 per cento. Ma l’aspetto più preoccupante secondo le imprese di settore sta nelle modalità in cui la PA italiana si procura le proprie risorse informatiche. Si parla esplicitamente di aree protette che tendono ad escludere i privati a favore di società pubbliche costituite ad hoc: il 46 per cento della domanda della PA è coperta da queste ultime e dai servizi interni dell’Informatica ma anche delle TLC. Un fenomeno, sostiene l’Associazione, particolarmente sviluppato presso gli enti locali (Regioni, Province e Comuni) e presso le aziende municipalizzate. “Fra queste – spiegano gli esperti – spicca l’Emilia e Romagna con ben 5 aziende d’IT, seguita dal Lazio con 4, Toscana 3, Lombardia e Sicilia 2″. Tutto questo ha fatto sì che quelle società abbiano visto salire mediamente i propri ricavi del 15 per cento e in alcuni casi ancora di più, fino addirittura al 100 per cento . Dati che – spiega AITech-Assinform – non trovano riscontro in alcun mercato dei servizi IT. “È come una polizza a vita – sottolinea il presidente di AITech-Assinform, Ennio Lucarelli, parlando delle società pubbliche – offrendo un gonfio portafoglio di commesse senza rischi, senza passare da alcuna selezione e, a volte, senza controlli”. Una dimostrazione secondo l’Associazione viene dal dato che i costi interni pro capite di queste aziende pubbliche sono ben più elevati rispetto a quelli delle imprese private , registrando un costo medio di 72.650 euro per addetto a fronte di una media del settore di 43.700 euro per addetto (rilevato dall’ISTAT per l’anno 2003). L’accusa è chiara: così operando la PA, in particolare quella locale, introduce distorsioni del mercato che danneggiano tanto le imprese di settore quanto l’Erario, cioè i cittadini. L’Associazione parla esplicitamente di una protezione pubblica che fa da ombrello ad una serie di società pubbliche che, di fatto, vivono al di fuori del mercato, in un’area protetta, assumendo una quantità di commesse che avrebbero lo scopo o l’effetto, quantomeno, di stimolare il settore IT italiano. Conseguenza di ciò è una maggiore debolezza dei privati, che tra l’altro, come sottolinea Lucarelli, devono fare i conti anche con le “altre attività” delle società pubbliche: “Il rilevante potere politico e le disponibilità economiche di queste stesse società pubbliche le favoriscono nella partecipazione in altre regioni a gare condotte da strutture consorelle, allargando i confini di un circolo vizioso e non virtuoso”. “Malgrado gli sforzi compiuti nell’e-government e nella banda larga – attacca Lucarelli – la Pubblica Amministrazione italiana non solo continua a spendere poco e male in tecnologie informatiche rispetto a quanto avviene nei paesi europei nostri concorrenti, ma una parte sempre più rilevante della spesa pubblica in IT è assorbita dalla stessa PA. Ciò significa che la domanda pubblica sta sempre più venendo meno alla sua funzione di stimolo di un’offerta di servizi innovativi qualificata, per trasformarsi in uno strumento di condizionamento politico del mercato, a discapito della crescita e della competitività del sistema”. L’indagine “La domanda pubblica d’Information Technology: criticità e risorsa per il Paese” racconta di come l’Italia rimanga un grande importatore di tecnologie e servizi informatici , come si evince dal “profondo rosso” della bilancia dei pagamenti IT, che ha chiuso il 2004 con un passivo di 519 milioni di euro, mentre si annuncia per il 2005 un trend in ulteriore peggioramento, che a novembre scorso, come accennato, ha fatto segnare un deficit di 678,5 milioni di euro. E i dati sul fronte europeo sono sconfortanti: la spesa IT della PA è stata nel 2004 poco più della metà di quella francese e tedesca, e un terzo di quella inglese. La PA italiana spende 51,3 euro in informatica per abitante, rispetto ai 147 euro spesi dall’amministrazione pubblica del Regno Unito per ogni suddito britannico, ai 96 euro dell’Olanda, agli 86 euro della Francia, 72 della Germania, 63 dell’Irlanda fino ai 56 euro spesi dalla Spagna. Svezia, Danimarca e Finlandia spendono rispettivamente 254, 232 e 188 euro. Tutto questo cambierà? Per ora parrebbe di no : lo studio dell’Associazione spiega come le risorse stanziate in Finanziaria vedono una ulteriore diminuzione degli investimenti della PA pari al 38,9 per cento nel 2006 rispetto al 2005.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    99
    Lascia un commento
    seo katalog .
    20/03/2012 alle 07:04
    I wish I could find more such interesting blogs.
    15 marca .
    20/03/2012 alle 03:57
    Valuable information. Lucky me I found your web site by accident, and I'm shocked why this accident did not happened earlier! I bookmarked it.
    katalog .
    20/03/2012 alle 02:22
    The moment I pressed the button and visited this blog was one of the best decisions made today.
    kolonie .
    20/03/2012 alle 00:26
    It's not that I want to replicate your web-site, but I really like the design. Could you let me know which design are you using? Or was it especially designed?
    dsl vergleich .
    19/03/2012 alle 21:12
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    Komora do suchych k¹pieli w CO2 .
    19/03/2012 alle 20:23
    The http://www.olivierobeha.it/articoli/2006/05/1482n is definitely the freshest for this treasured topic. I concur together as well as your conclusions and might eagerly look ahead to your future updates. Saying thanks received't only be passable, for the good lucidity with your writing. Komora do suchych k¹pieli w CO2
    japan style .
    19/03/2012 alle 19:53
    Just desire to say your article is as astonishing. The clarity in your post is simply excellent and i could assume you're an expert on this subject. Well with your permission let me to grab your feed to keep updated with forthcoming post. Thanks a million and please carry on the enjoyable work.
    Errol Kulback .
    19/03/2012 alle 13:10
    Nice amount of comments in so little time, I have to agree, it's indeed a great blog post. the site is outstanding
    bottes timberland femme .
    19/03/2012 alle 10:51
    Good post. I study something tougher on totally different blogs everyday. It can all the time be stimulating to read content material from different writers and apply a bit one thing from their store. I’d desire to use some with the content on my blog whether you don’t mind. Natually I’ll provide you with a link on your net blog. Thanks for sharing.
    water cooler .
    19/03/2012 alle 05:32
    There is honour among thieves.
    Barry Ellanson .
    19/03/2012 alle 03:54
    Having read this I thought it was extremely enlightening. I appreciate you finding the time and effort to put this article together. I once again find myself spending a significant amount of time both reading and commenting. But so what, it was still worthwhile!
    refrigerator filter .
    19/03/2012 alle 02:51
    Adversity makes strange bedfellows.
    find a date .
    18/03/2012 alle 22:17
    Im no expert, but I think you just made the best point. You definitely know what youre speaking about, and I can really get behind that. Thanks for being so upfront and so genuine.
    water safety .
    18/03/2012 alle 20:23
    Better a wise foe than a foolish friend.
    polskierandki .
    18/03/2012 alle 13:28
    Thanks for every other excellent article - http://www.olivierobeha.it/articoli/2006/05/1482n. Where else could anyone get that style of information in such an excellent means of writing? I've a presentation thursday, and I'm on the looks for such info. polskierandki
    marzec 15 .
    18/03/2012 alle 08:41
    What i don't realize is actually how you're not actually much more well-liked than you may be right now. You're very intelligent. You realize therefore significantly relating to this subject, made me personally consider it from a lot of varied angles. Its like men and women aren't fascinated unless it’s one thing to do with Lady gaga! Your own stuffs outstanding. Always maintain it up!
    Andrew Pelt .
    18/03/2012 alle 05:24
    The Zune concentrates on being a Portable Media Player. Not a web browser. Not a game machine. Maybe in the future it'll do even better in those areas, but for now it's a fantastic way to organize and listen to your music and videos, and is without peer in that regard. The iPod's strengths are its web browsing and apps. If those sound more compelling, perhaps it is your best choice.
    analyse bourse .
    18/03/2012 alle 01:08
    Thanks for the sensible critique. Me & my neighbor were just preparing to do some research about this. We got a grab a book from our area library but I think I learned more clear from this post. I am very glad to see such fantastic info being shared freely out there.
    Incinerador De Grasa .
    18/03/2012 alle 01:06
    Precisely what I was looking for, appreciate it for posting.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook