• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Calcio, calci e calciopoli
    28
    lug.
    2006

    Calcio, calci e calciopoli

    Condividi su:   Stampa

    Caro Beha, la stimo e la seguo in televisione e sugli articoli de l'Unità con molto interesse perchè è uno dei pochi giornalisti che espongono chiaramente e correttamente i fatti e li separano in modo chiaro dalla loro opinione.In questo caso mi riferisco alle vicende di "calciopoli"e sono d'accordo con lei anche in merito alle reazioni popolari per le decisioni della giustizia sportiva. Mi vengono in mente le reazioni degli abitanti i "bassi" napoletani in difesa dei "mariuoli" contro la polizia.A me pare però, che oltre la stampa in generale, anche lei non abbia colto la grossa novità delle squalifiche inflitte a Zidane e Materazzi.

    Al di là dell’equità o meno, a me sembra che si sia affermato un principio importante. La punibilità dei provocatori! (si era già arrivati alla punibilità dei simulatori). A tal proposito, mi ricordo di un fatto avvenuto durante una partita giocata a Milano tra Inter e Juventus. Il terzino Rava della Juventus, con un cazzotto, stese sull’erba la mezzala Quaresima dell’Inter. Era successo che il terzino Rava fu insultato dal centravanti Lorenzi (veleno) e per sbaglio, andò di mezzo l’incolpevole Quaresima. La stampa e l’opinione pubblica sportiva quasi scusarono il gesto di Rava. Questione di onore? La considerazione che ne uccide più la lingua che la spada? Che dire? Gradirei molto sapere il suo parere. Grazie. Cordiali saluti.
    Lucio Da Col Abbiategrasso
     
    Avrebbe ragione, se l’intento fosse questo. Invece la Fifa strumentalizza e basta.
    o.b.
     
    —————————–
     

    Comunque finisca, conserveremo inde­lebile il ricordo dello squallore di un processo e di un ver­detto orientati dalla campagna mediatica di organi di di­sinformazione e dal livore di personaggi (Come lei sigr. Beha) mediocri, fru­strati, capaci di esprimere solo i sentimenti di un bieco giustizialismo e l’antijuventinità tipica di quelli che non hanno mai vinto o visto vincere niente. Dimenticavo l’ol­traggio della commissione istituita per dare finalmente uno scudetto all’Inter. La storia recente ha evidenziato, però, che i nostri calciatori vincevano perchè erano i mi­gliori: Moggi o no. Gianluca Alparone e Farina Valaori
    Ma tu dimmi… o.b.
    —————————–
     
     

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook