• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Aduc: chi non vuole windows nel pc chieda il rimborso
    24
    ago.
    2006

    Aduc: chi non vuole windows nel pc chieda il rimborso

    Condividi su:   Stampa

    da Rai.it NewsL'indicazione dell'Antitrust garantirebbe la libertà del consumatoreL'associazione dei consumatori: tuttavia ottenere il rimborso non è facileChi acquista dei pc con il sistema operativo Windows già installato può rifiutare l'offerta e chiedere al venditore un rimborso. E' l'associazione dei consumatori Aduc a ribadirlo, segnalando agli acquirenti l'opportunità già indicata dall'autorità Antitrust.L'Aduc, ricorda che già "lo scorso 27 ottobre 2005 avevamo chiesto all'Antitrust di verificare se Microsoft e le aziende che vendono i propri pc di fatto obbligando i consumatori ad avere installato il sistema operativo Windows, non stessero abusando della propria posizione dominante di mercato. L'Autorità, dopo la seduta dello scorso 20 luglio 2006, ci ha comunicato che secondo lei questo abuso non c'è: per Microsoft l'Autorità ritiene che quanto da noi segnalato riguarderebbe soprattutto le imprese produttrici di hardware che pre-installano Windows nei computer."

    Sempre secondo quanto l’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato avrebbe riferito all’associazione - “è anche emerso che sul mercato vi sono imprese che offrono prodotti che non installano tale sistema operativo e che comunque i consumatori possono rifiutare l’installazione di Windows e ricevere un rimborso”. Tuttavia l’Aduc si mostra insoddisfatta della presa di posizione del Garante: ”il fatto che ci siano accordi tra Microsoft e i produttori di hardware al punto tale che l’”accoppiata” rappresenti quasi il 100% del mercato, non ci sembra che giovi ad un mercato concorrenziale e libero – afferma infatti in un comunicato –  Comunque, questa Autorità, per esempio, ritiene che non ci siano abusi di posizione dominante neanche per Telecom riguardo alla telefonia fissa, per l’Enel riguardo all’energia elettrica, per la Rai riguardo la comunicazione tv, etc. … quindi non ci stupiamo più di tanto!!!”. Inoltre, prosegue sempre l’Aduc, “non è così semplice e lineare, come invece dice l’Autorità, ricevere il rimborso del costo del sistema operativo da un produttore che vende il pc con Windows pre-installato. Tant’è che noi, dal 25 novembre 2005, siamo in causa con la Hewlett-Packard italiana srl, titolare del marchio Compaq, proprio per avere questo rimborso che ci viene negato”. “Comunque – conclude l’Aduc – prendiamo atto e facciamo tesoro di quanto afferma l’Antitrust sui rimborsi, per dare forza alle richieste di rimborso che noi consigliamo ai consumatori. Sarà un motivo in più per cercare di ottenere dai produttori questo rimborso o per vincere le cause, ma – ribadiamo – non è un rimborso che è nella quotidiana vita commerciale, perché non ci risulta che sia stato ottenuto senza le messe in mora e le cause”.
    www.aduc.it
     
     
     

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook