• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Truffe, furti, ritardi: la solita estate
    05
    set.
    2006

    Truffe, furti, ritardi: la solita estate

    Condividi su:   Stampa

    da Quotidiano.netCirca 8mila consumatori si sono rivolti al telefono blu per segnalare disserviziQuasi 8.000 turisti emiliano-romagnoli truffati o scontenti. Sono i dati resi noti oggi da Telefono Blu dell'Emilia-Romagna. Le segnalazioni sono pervenute all'associazione consumatori sia dal web, con 850 e-mail, sia per telefono, con oltre 600 chiamate. Il totale è di quasi 1500 contatti, pari appunto a circa 8.000 consumatori, con un aumento del 4% sugli ultimi dati registrati. Un quarto delle segnalazioni riguarda truffe di vario genere, in modo particolare sui pacchetti acquistati on line.

    Si tratta, nella maggioranza dei casi, di vacanze di almeno due giorni che hanno improvvisamente subito disdette, raggiri e problemi di vario genere, sorti prima o dopo la partenza. Tra questi, molto frequente la non corrispondenza tra quanto stabilito nel contratto e quanto poi rinvenuto sul luogo di vacanza, o addirittura il fallimento dell’agenzia di viaggi con la quale erano stati presi gli accordi. Il 21% delle lamentele sono relative alla qualità dei servizi offerti nei luoghi di soggiorno, non solo alberghi, residence e villaggi, ma anche agriturismi e case in affitto. L’inconveniente piu’ diffuso è stato l’overbooking, ma non sono mancate anche lamentele per l’alimentazione, per la scarsa pulizia e per i furti subiti. Identica percentuale per chi ha denunciato disagi nei trasporti: ritardi, mancati imbarchi, danni da trasporto, code in autostrada. Il 13% delle segnalazioni hanno invece come oggetto i disservizi nelle città visitate (multe, carenza di parcheggi, lentezza nello smaltimento dei rifiuti), mentre il 10% parlava di rumori, inquinamento delle acque e poca cura delle spiagge. Solo il 6% degli scontenti (ed e’ un dato in calo) si è lamentato dei prezzi troppo alti. La maggior parte delle segnalazioni (il 38%) è arrivata da Bologna. Il 13% da Modena, il 12% da Rimini, il 9% da Ravenna, il 7% da Ferrara e da Parma, il 6% da Forli’ e il 5% da Reggio Emilia. Telefono Blu invita a continuare le segnalazioni e indica la strade per ottenere il risarcimento: inviare al più presto una raccomandata alle agenzie presso le quali sono stati acquistati i pacchetti e conservare le testimonianze filmate o fotografate dei disservizi e dei disagi subiti. Non bisogna accettare liberatorie in aeroporto, sottolinea l’associazione dei consumatori, né per quanto riguarda i ritardi, né per quanto riguarda lo smarrimento di bagagli, e bisogna rifiutare il bonus dei tour operator se non si è soddisfatti, visto che resta sempre aperta la strada del giudice di pace.
     
     

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook