• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Cuba in ginocchio per l’epidemia ma il regime im...
    04
    ott.
    2006

    Cuba in ginocchio per l’epidemia ma il regime impone il top secret

    Condividi su:   Stampa

    da Corriere.itI siti dissidenti: migliaia di persone contagiate dalla febbre. Nascoste le cifre reali». L'Oms: «Ci è giunta notizia di mille morti» di Alessandra Farkas Negli ultimi giorni i piccoli aerei militari gialli hanno preso a sorvolare l'Avana con crescente frequenza. Al crepuscolo e al tramonto si alternano senza sosta nei cieli della capitale cubana, lasciando al loro passaggio una densa ed irrespirabile scia biancastra di insetticida. Sotto di loro dozzine di camion dell'esercito rivoluzionario perlustrano ogni angolo della città vecchia a caccia dello stesso, insidioso nemico. La guerra che sono chiamati a combattere - paragonata dal leader sindacale Pedro Ross Leal a quella contro "l'imperialismo fascista di George W. Bush" - mira a debellare un avversario minuscolo e insieme grandissimo. L'«aedes aegypti», un tipo di zanzara che trasmette il dengue - volgarmente noto come febbre spacca-ossa - una malattia febbrile acuta che nella forma emorragica, la più grave, ha un tasso di mortalità molto elevato.

    Nonostante la massiccia campagna di disinfestazione delle autorità, l’epidemia – iniziata ad aprile – avrebbe raggiunto dimensioni ancora più drammatiche dell’ultima grande ecatombe di dengue, nell’81. Quando il governo denunciò 158 morti, 100 dei quali bambini, e ben 345mila contagi. Secondo vari blog e siti Internet di dissidenti cubani, in patria e all’estero, i morti supererebbero ormai il migliaio, mentre i contagi sarebbero nell’ordine di decine – forse centinaia – di migliaia. «Non esistono cifre ufficiali perché il regime ha imposto il top secret», spiega la giornalista Yolanda Martinez sul quotidiano messicano “Reforma”. Reduce da un viaggio a Cuba, la Martinez spiega che «in una sola provincia i morti sono 270, tra cui dozzine di bambini». Se protetti dall’anonimato, medici ed infermieri cubani parlano di «crisi che ha messo in ginocchio l’isola». Ma appena spunta fuori un registratore ritrattano tutto. «L’indiscrezione è punita severemante», spiega la Martinez. «Nessuno si azzarda a pronunciare in pubblico la parola dengue».In mancanza di cifre ufficiali, anche l’Organizzazione Mondiale della sanità annaspa nel buio. «C’è giunta la voce di oltre mille morti», dichiara Gregory Hartl, portavoce dell’Oms a Ginevra, «Ma non siamo in grado né di smentirla né di confermarla». Gravi focolai sono stati identificati in province quali Santiago, Ciego de Avila, Camaguey, Holguin e Pinar del Rio e Guantanamo. Ma la situazione più critica riguarda l’Avana, che con i suoi 2 milioni e 300 mila abitanti è la città più contaminata di un’isola che ne conta 11.2 milioni. «Gli ospedali della capitale sono stracolmi di malati di dengue», rivela all’agenzia di stampa Inter Press Service una fonte vicina al Ministro della Salute Pubblica, «medici ed infermieri dell’Avana sono in servizio 24 ore su 24». Il Dr. Josè San Martin Martinez, responsabile del settore malattie infettive del Ministero nega: «Il pericolo di una epidemia di dengue a Cuba non esiste», afferma. Ma lo scorso 21 settembre il giornale ufficiale del regime, Granma, è stato il primo a rompere il muro di omertà. «Il nostro compito è talmente immenso che non abbiamo abbastanza risorse umane per assolverlo», ha scritto in un editoriale il funzionario incaricato della crociata anti-dengue nel quartiere Cerro dell’Avana. Tutto d’un tratto, sui siti della International Society for Infectious Diseases e della Harvard School of Public Health è apparso un memorandum confidenziale emesso lo scorso 1 settembre dall’Instituto Nacional de Higiene, Epidemiologia Y Microbiologia dove si legge che «il governo rivoluzionario cubano invita i turisti a rimandare le loro vacanze e a non visitare l’isola nei mesi di settembre ed ottobre perché a causa delle forti piogge i focolai di infezione di zanzare non potranno essere eliminati». La situazione è talmente grave che Fidel Castro ha interrotto la convalescenza per dettare al Paese la ricetta per uscire dalla crisi. Dietro suo ordine, il 19° Congresso del Sindacato dei Lavoratori Cubani Central de Trabajadores de Cuba (CTC) appena conclusosi all’Avana si è impegnato a «convertire immediatamente il movimento dei pensionati in una forza permanente di lotta contro l’aedes aegypti». I 300 mila anziani iscritti al CTC andranno ad aggiungersi ai giovani del servizio militare, agli studenti liceali, all’armata giovanile del lavoro (EJT) agli inservienti di ristoranti ed imprese statali che tutti i giorni, inclusa la domenica, perlustrano la città spruzzando insetticidi e dispensando consigli igienici per prevenire la formazione di nidi di zanzare nelle acque stagnanti. Dopo ogni visita disinfestante, la popolazione è costretta a lasciare la porta di casa chiusa per 40 minuti, per permettere al fumo dal fortissimo odore chimico di fare il suo effetto. Ispettori del governo passano in rassegna le abitazioni per verificare che il lavoro sia stato bene effettuato, multando chi si rifiuta di ottemperare alle direttive del lìder maximo, ponendo così in pericolo il vicinato. A dare una mano ai più sprovveduti ci pensano le catene radio e TV nazionali, che mandano in onda dei martellanti slogan per esortare tutti i compagni «all’offensiva contro il nemico». E il cartone animato di uno spot studiato ad hoc mostra un uomo che disputa un incontro di boxe contro l’odiosa zanzara, mettendola KO. Secondo la stampa messicana le autorità starebbero investigando se il contagio è stato introdotto intenzionalmente nell’isola. Nel 1984 un dirigente della organizzazione anticastrista ‘Omega7′, Eduardo Arocena, confessò durante un processo in Florida di aver introdotto i germi del dengue emorragico a Cuba, tre anni prima.
     
     

     commenti
    Commenti
    95
    Lascia un commento
    Vivienne Westwood Bracelets .
    20/03/2012 alle 11:00
    Thank you a bunch for sharing this with all of us you actually recognize what you're talking approximately!
    Jessie Guinane .
    20/03/2012 alle 06:30
    This really answered my problem, thanks!
    Wilbert Dowen .
    20/03/2012 alle 03:24
    I have been examinating out some of your articles and i can claim pretty good stuff. I will make sure to bookmark your blog.
    strecz .
    20/03/2012 alle 01:37
    One thing I desire to say is that in advance of purchasing more pc reminiscence, take a look around the machine in to which getting installed. In the event the cutter is usually running Windows xp, for instance, the particular memory upper limit is 3. 25GB. Setting up a lot more than this would only constitute any waste. Be sure that one's mother board are designed for the upgrade amount, as well. Interesting blog post Cuba in ginocchio per l’epidemia ma il regime impone il top secret | Oliviero Beha. strecz
    air jordan 2011 .
    19/03/2012 alle 23:01
    This web site is really a walk-through for all of the info you wanted about this and didn’t know who to ask. Glimpse here, and you’ll definitely discover it.
    quick step laminate flooring .
    19/03/2012 alle 22:48
    Some really excellent info, Sword lily I observed this.
    japan style .
    19/03/2012 alle 15:07
    I must show my thanks to you for bailing me out of this type of issue. Because of surfing throughout the search engines and finding tips that were not helpful, I assumed my life was over. Being alive without the presence of solutions to the difficulties you've solved by way of your main short post is a crucial case, and ones that could have in a negative way damaged my entire career if I hadn't noticed your web blog. Your good competence and kindness in touching everything was priceless. I am not sure what I would've done if I had not discovered such a point like this. I can also at this time look forward to my future. Thanks a lot very much for this reliable and result oriented guide. I will not be reluctant to refer your blog to anybody who ought to have care on this situation.
    Deon Adkinson .
    19/03/2012 alle 15:00
    I?¯d been thinking about this info. I am just publishing a paper for college and I hope you don't mind if I use a lot of the facts in here. I'm going to place your blog as my source. Thank you
    strom vergleich .
    19/03/2012 alle 14:59
    Das Leben wird nicht billiger doch ein Preisvergleich mit Gutscheinen kann Ihnen helfen, Geld zu sparen. Nutzen Sie unseren Service völlig kosten. Wir zeigen Ihnen, wie Sie bares Geld sparen können.
    Barcelona vs live stream .
    19/03/2012 alle 06:36
    Good article and straight to the point. I don't know if this is in fact the best place to ask but do you guys have any thoughts on where to employ some professional writers? Thanks :)
    Andrew Pelt .
    19/03/2012 alle 05:19
    Hands down, Apple's app store wins by a mile. It's a huge selection of all sorts of apps vs a rather sad selection of a handful for Zune. Microsoft has plans, especially in the realm of games, but I'm not sure I'd want to bet on the future if this aspect is important to you. The iPod is a much better choice in that case.
    removing floor tile .
    19/03/2012 alle 05:14
    hi!,I like your writing so a lot! percentage we keep up a correspondence extra approximately your article on AOL? I need a specialist in this house to unravel my problem. May be that is you! Taking a look forward to peer you.
    forex tools for website .
    19/03/2012 alle 04:43
    Enjoyed reading through this, very good stuff, appreciate it.
    Aubrey Jarnutowski .
    18/03/2012 alle 20:20
    An outstanding share! I've just forwarded this onto a colleague who had been conducting a little research on this. And he actually bought me breakfast because I discovered it for him... lol. So let me reword this.... Thanks for the meal!! But yeah, thanks for spending some time to discuss this topic here on your web page.
    Liverpool vs live stream .
    18/03/2012 alle 19:45
    You really make it seem so easy with your presentation but I find this topic to be really something which I think I would never understand. It seems too complex and extremely broad for me. I am looking forward for your next post, I’ll try to get the hang of it!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook