• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Tornano gli ignobel per le ricerche più pazze
    09
    ott.
    2006

    Tornano gli ignobel per le ricerche più pazze

    Condividi su:   Stampa

    da Corriere.itDagli studi sul picchio che non soffre il mal di testa a quelli sulle zanzare attratte dall'odore dei piediE dopo i premi Nobel, tornano anche quelli Ignobel, ironicamente dedicati alle ricerche più strampalate. Sono stati assegnati come di consueto in una cerimonia molto poco solenne, nell'aula magna dell'Università di Harvard (Massachusetts). Non c’è che dire, gli scienziati vincitori si sono rivelati tutti dotati di grande senso dell'humor: ognuno di essi ha ritirato il proprio Ignobel fra battute di spirito e incontenibili risate della platea, senza fare una piega.

    Ben dieci le discipline premiate (leggi tutte le motivazioni). Nell’ambito scientifico, fra i più applauditi, i matematici australiani Svenson e Barnes per avere calcolato il numero di scatti necessario affinché in una foto di gruppo nessuno venga con gli occhi chiusi; gli ornitologi californinani Schwab e May per avere scoperto il gene che evita al picchio di avere il mal di testa; i biologi Knols e Jong i quali hanno accertato che la zanzare della malaria sono attratte in egual misura dall’odore dei piedi e dal quello del formaggio di vacca Limburger. Ai limiti della decenza la motivazione dell’Ignobel alla Medicina, assegnato ai ricercatori Fesmire (Tennessee) e Odhe (Haifa), per evere sperimentato un rimedio contro il singhiozzo persistente, consistente in un massaggio digito-rettale. Un trionfo pure per l’inglese Howard Stapleton che ha messo a punto un’apparecchiatura elettronica che emette un sibilo ultrasonico efficace a tenere lontani gli adolescenti fastidiosi. Ma in questo caso non si è capito bene perché gli sia stato assegnato l’Ignobel per la Pace. Anche la Letteratura ha avuto il suo Ignobel, attribuito quest’anno a uno studio dell’americano Daniel Oppenheimer sull’abuso erudito delle parole troppo lunghe. Gli Ignobel non comportano premi di sorta e neppure il rimborso-viaggio: tuttavia i premiati si sono egualmente presentati a Harvard a proprie spese per la soddisfazione di vedersi assegnato l’ambito titolo.
    Franco Foresta Martin
     
     
     

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook