• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Clima, summit di nairobi: superato kyoto, nuovo protoc...
    18
    nov.
    2006

    Clima, summit di nairobi: superato kyoto, nuovo protocollo nel 2008

    Condividi su:   Stampa

    da Unità.it A forza di allarmi forse alla fine qualcosa si farà per ridurre l´effetto serra e le devastanti conseguenze che già l´inquinamento sta producendo sul clima. Alla conferenza internazionale di Nairobi venerdì si è deciso di iniziare il processo di revisione del protocollo di Kyoto nel 2008. I rappresentanti del mondo hanno deciso cioè di arrivare a un altro documento di regole e parametri per cercare di salvare il Pianeta. Ma che inizieranno a pensarci tra un anno.Gli ambientalisti speravano in qualcosa di più. Data anche la situazione di grave rischio planetario e la rinascita di una coscienza ecologista in paesi industrializzati finora tradizionalmenmte ostili a mettere freno e tasse al consumo inquinante di energia come la Gran Bretagna e la California negli Stati Uniti.

    In pratica alla conferenza di Nairobi è stato stabilito che Kyoto è superato. Nel febbraio prossimo sarà pubblicato il nuovo rapporto scientifico sullo stato di salute della Terra e della sua atmosfera ad opera del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico – in sigla il Giec – e sulla base di queste migliori previsioni e studi più dettagliati si inizierà a programmare il dafarsi. Il primo periodo di negoziati tra gli Stati sulle misure da adottare arriverà fino al 2012. All’inizio del vertice, due settimane fa era stata sottolineata da più voci la necessità di affrontare con la massima urgenza la minaccia dei cambiamenti climatici in atto. Poi, come racconta la delegazione di Legambiente, si è messa in moto la macchina della diplomazia a frenare e a scavare tra cavilli e tatticismo sotto ogni seria proposta di intervento. Gli Usa e l’Australia, in particolare, si sono dimostrati contrari a qualsiasi target vincolante. Mentre la Cina e i paesi in via di sviluppo pur accettando l´invito a misurarsi con il problema del riscaldamento della Terra, non hanno dimostrato disponibilità a prendere impegni precisi sulla riduzione dei gas serra. Il Canada ha addirittura affermato di non essere in grado di fare di più. Più sensibilità ha dimostrato l´Europa, dove la Germania ha preso l´impegno di ridurre le emissioni di anidride carbonica del 40% entro il 2020, la Gran Bretagna e la Francia, per legge, ridurranno le proprie emissioni entro il 2050 del 60% e del 75%.Quanto all’Italia, Legambiente ha sottolineato il positivo lavoro del ministro Pecoraro Scanio qui a Nairobi: «L’Italia deve però rimboccarsi le maniche – conclude l’associazione ambientalista – il 2012 è vicino e il nostro target del -6,5% di emissioni di anidride carbonica è lontanissimo (siamo oggi quasi a +13% rispetto ai livelli del 1990). Trasporti ed energia, con il loro carico di gas serra, saranno un importante banco di prova del Governo».«Evidentemente – commenta Roberto Della Seta, presidente nazionale di Legambiente – non si è ancora capito che i cambiamenti climatici sono in atto ora, adesso, e interventi per evitare disastri a tutte le latitudini devono essere immediati. Alla prossima conferenza sarà bene che i capi di Governo prendano il posto dei ministri. Il cambio climatico – conclude – è un argomento troppo importante per essere discusso dai soli responsabili dei dicasteri ambientali, serve un coinvolgimento dei Paesi ad alto livello».

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook