• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Bankitalia. approvato nuovo statuto, adusbef: “a...
    28
    nov.
    2006

    Bankitalia. approvato nuovo statuto, adusbef: “a misura di oligarchi”

    Condividi su:   Stampa

    da HelpConsumatori.it"L'oligarchia della Banca d'Italia, direttamente presieduta da Goldman Sachs, ha approvato oggi il nuovo Statuto,vero e proprio capolavoro di trasformismo, che invece di ridurre le distanze con utenti e risparmiatori, le ha ulteriormente aumentate, moltiplicando le poltrone e la pletora di dirigenze e vicedirezioni per esaudire gli appetiti e sistemare gli amici degli amici". E' questo il commento dell'Adusbef alla notizia di oggi dell'approvazione del nuovo Statuto Bankitalia.

    “Non si comprendono le ragioni statutarie che hanno portato ad un ampliamento delle competenze del Consiglio superiore; – si legge dalla nota dell’associazione – la definizione dei provvedimenti di rilevanza esterna da riservare alla competenza del direttorio; la formulazione delle norme generali di funzionamento dello stesso, i cui componenti vengono aumentati a cinque con l’istituzione di un terzo vice direttore generale”.
    “Il governatore Draghi – dice l’Adusbef – ha accolto, verbalizzandoli, i piagnistei delle “banche partecipanti”, che dopo aver incassato 5 miliardi di euro di diritto di signoraggio,hanno lamentato una scarsa remunerazione del capitale,paventando addirittura il pericolo di “esproprio proletario” delle quote detenute in quella stessa Bakitalia che ha sempre “fiancheggiato”,come comprovano gli atti giudiziari,i desiderata delle banche contribuendo così a “truffare” con bond bidone,utenti e risparmiatori”.
    Per l’associazione “il nuovo Statuto non pone le condizioni per ridurre sperperi e sprechi di pubblico denaro,né pone rimedio all’assegnazione clientelare e senza evidenza pubblica (apposita commissione alloggi) di appartamenti a dirigenti,politici e ministri “tecnici” (ultime assegnazioni a Viale Mazzini e Largo della Chiesa Nuova), né pone un freno alle magalomani opere di edifici nuovi e/o in costose ristrutturazioni, confermando una gestione da parte di una casta di intoccabili”.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook