• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > News tlc. proposta contratto tele 2, utente rifiuta ma...
    06
    dic.
    2006

    News tlc. proposta contratto tele 2, utente rifiuta ma è inutile. mdc lecce: “comportamenti scorretti”

    Condividi su:   Stampa

    da HelpConsumatori.it MDC Lecce: "E' necessario concordare tra Operatori di Telefonia ed Associazioni dei Consumatori un codice deontologico di comportamento. In mancanza di accordi riteniamo opportuno avviare azioni di risarcimento per danno esistenziale per far cessare comportamenti scorretti." I cittadini leccesi ricevono ogni giorno continue telefonate dai vari call center delle compagnie telefoniche che propongono svariate offerte commerciali. Il caso. La signora Anna riceve presso la propria abitazione una proposta di contratto inviata da Tele2 e la cestina perché non è interessata a cambiare gestore telefonico. Dopo un poco di tempo si accorge che, senza alcuna sua autorizzazione, la sua utenza telefonica ha la preselezione con Tele2 e che non è più servita da Telecom.

    L’utente scopre che, in sua assenza, una persona ha risposto ad una telefonata del call center di Tele2 e che era stato acceso a suo nome un contratto con Tele2. La signora Anna, dopo aver chiamato Telecom e Tele2 senza alcun risultato, si rivolge allo sportello di MDC Lecce ed invia una lettera con la quale chiede l’annullamento del contratto inesistente e di rimanere cliente di Telecom riservando di agire per il risarcimento dei danni, anche esistenziali, subiti.
    Nonostante le numerose telefonate e la lettera inviata da MDC Lecce, alla signora viene addirittura sospeso il servizio telefonico. Il Movimento Difesa del Cittadino aggiunge: “Con una lettera sono arrivate le scuse di Tele2, l’annullamento del contratto e la promessa di rimborso dei costi di riallaccio a Telecom. Chiederemo, comunque, alla nostra iscritta se si ritenga soddisfatta o se intenda farsi risarcire da Tele2 i disservizi ed i fastidi subiti e metteremo a Sua disposizione il nostro Ufficio Legale.”
    “I cittadini – continua l’associazione – non sopportano più le continue telefonate, a qualunque ora del giorno e della sera, che arrivano indesiderate dai vari call centers delle compagnie telefoniche. E’ necessario concordare tra Operatori di Telefonia ed Associazioni dei Consumatori un codice deontologico di comportamento. In mancanza di accordi riteniamo opportuno avviare azioni di risarcimento per danno esistenziale per far cessare comportamenti scorretti ed eccessivamente insistenti da parte degli addetti ai call centers”.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    1

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook