• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Assistenza wind infostrada: solo per i nuovi clienti
    19
    dic.
    2006

    Assistenza wind infostrada: solo per i nuovi clienti

    Condividi su:   Stampa

    da Codacons.itIL CODACONS DENUNCIA WIND INFOSTRADA ALL'AUTHORITY DELLE COMUNICAZIONI - IMPOSSIBILE PARLARE CON GLI OPERATORI DEL 155Impossibile avere assistenza con Wind-Infostrada. Dopo numerosissime segnalazioni da parte dei consumatori , impossibilitati a contattare il 155, il Codacons ha provato a comporre il numero. Lo scopo era riuscire a parlare con un operatore per fare le due cose più importanti per un abbonato Infostrada, ossia contestare una bolletta o segnalare un guasto.

    Abbiamo provato per svariati giorni. Il risultato è un’attesa media di 25 minuti, 25 minuti nei quali si è costretti ad ascoltare una musichetta assordante a tutto volume. Questo nella misura in cui si riesce poi a parlare con qualcuno, perché nella maggior parte dei casi la linea cade dopo un’attesa snervante e bisogna ripetere la lunghissima telenovela delle opzioni.Abbiamo poi provato una via alternativa, abbiamo finto di essere nuovi clienti interessati a scoprire le nuove offerte. Ebbene, magicamente, i tempi di attesa si sono ridotti sotto i 2 minuti. Un vero e proprio miracolo. A quel punto abbiamo segnalato il guasto o il problema all’operatore, che naturalmente ci ha detto di non essere abilitato a rispondere e che avevamo sbagliato opzione.Insomma, è evidente che il numero di operatori del call center viene ripartito dall’azienda a proprio esclusivo vantaggio, ossia per catturare nuovi clienti invece che per assisterli nel momento in cui poi questi hanno effettivamente bisogno.Il Codacons ha deciso di denunciare Wind all’ Autorità per le Comunicazioni. Nell’esposto si chiede all’Authority di obbligare le aziende di telefonia a predisporre un numero di linea diretta esclusivamente dedicato alle riparazioni dei guasti, separandolo dalle altre informazioni di tipo commerciale (la cosa vale anche per il 187 della Telecom). Si chiede altresì di stabilire l’obbligo per i call center di mettere un’opzione in cui si possa parlare con un operatore indipendentemente dal tipo di richiesta, commerciale o meno.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook