• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Maturità più severa. da giugno si cambia
    20
    dic.
    2006

    Maturità più severa. da giugno si cambia

    Condividi su:   Stampa

    da La Stampa.itTornano la commissione mista e lo scrutinio di ammissione.Massimo dei voti, «lode» e perfino premi in denaro, per i più bravi. Linea dura invece contro i somari, che non potranno neppure essere ammessi all’esame. Commissioni esaminatrici miste, con metà membri interni e metà (più presidente) esterni.Sono le novità di maggiore impatto del nuovo esame di maturità, varato ieri dalla Camera, in via definitiva (275 sì, 220 no) e la cui filosofia è quella della severità e dell’affidabilità: «Abbiamo restituito alla scuola un esame di Stato credibile di fronte all’Università e al mondo del lavoro», ha commentato Beppe Fioroni, ministro della pubblica Istruzione, che con la votazione serale alla Camera ha chiuso una giornata campale, iniziata parlando dei presepi nelle scuole, proseguita con un intervento sul bullismo e i videogames violenti, e gravata anche da una circolare di 42 cartelle sui provvedimenti disciplinari a carico del personale della scuola. 

    La riforma dell’esame di maturità è uno dei primi provvedimenti avviati da Fioroni come ministro: fu presentato il 4 agosto, passò in Senato il 16 novembre, poi di Corsa alla Camera. Entrerà in vigore a giugno, dopo che saranno assolti gli adempimenti amministrativo del caso. Il provvedimento riguarda direttamente quasi mezzo milione di studenti.AmmissioneAll’esame non si va più automaticamente alla fine del quinto anno, ma occorre superare uno scrutinio di ammissione, come un tempo. Inoltre bisogna aver sanato i debiti formativi degli ultimi tre anni (questa norma entrerà a regime nel 2009). Norme restrittive riguardano anche i privatisti.CommissioniNon più un esame fatto in casa con commissari tutti interni e un presidente per scuola, ma nuclei di esaminatori composti da sei membri, metà interni e metà esterni, più un presidente esterno che non potrà avere più di due classi.Le proveRestano tre quelle scritte. La prima è il compito d’italiano, secondo le varie tipologie ormai consolidate (saggio, articolo di giornale, letterario, eccetera). Novità per la seconda prova che, specie negli istituti tecnici e professionali, dovrebbe essere «laboratoriale». Quanto alla terza prova «pluridisciplinare», sarà affidata all’«autonomia didattica», in pratica verrà decisa dalle singole scuole e non più dall’Invalsi (l’istituto nazionale di valutazione) che però dovrà dare delle «indicazioni nazionali».ValutazioneUn forte credito verrà assegnato a chi è andato bene negli ultimi tre anni (e molto discredito, per contro, a chi è andato male). Più contenuto, di conseguenza, il peso delle prove d’esame in senso stretto. Esempio: il credito degli anni precedenti passa da 20 a 25, il peso della prova orale scende da 35 a 30. Abolito, infine, il bonus a discrezione della commissione.VotoSarà espresso in centesimi, ma la novità è che sarà possibile accordare la «lode» e i migliori potranno fregiarsi di un «cento e lode». Premio. Sono a disposizione 5 milioni di euro per premiare con una borsa di studio i più bravi. Ma gli studenti che prendono il massimo dei voti sono tra i 40 e i 50 mila l’anno, e c’è il rischio di dover dare cento euro l’uno. IspezioniPer mettere fine alle fughe di notizie e tranquillizzare tutti sulle regolarità delle prove d’esame, vengono istituite task force ispettive per monitorare lo svolgimento delle prove. Non più – quindi – traduzioni di latino trasmesse clandestinamente su Umts nascosti nei pantaloni?

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook