• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Gentiloni: banda larga in tutta italia entro il 2011 n...
    26
    dic.
    2006

    Gentiloni: banda larga in tutta italia entro il 2011 nasce la cabina di regia con tre ministri

    Condividi su:   Stampa

    da Assodigitale.itQuesta volta sembra che il governo voglia fare proprio sul serio, i Ministri Gentiloni, Linda Lanzillotta, Luigi Nicolais, sembrano sempre più decisi che mai a diffondere la banda larga su tutto il territorio nazionale: istituita una cabina di regia ad hoc.Ad annunciarlo sono stati i ministri delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni, degli Affari regionali, Linda Lanzillotta, dell’Innovazione, Luigi Nicolais, titolari dei dicasteri che fanno farte del “Comitato per la diffusione della banda larga sul territorio nazionale” istituito di recente con un decreto del Presidente del Consiglio.

    “Il nostro obiettivo è coordinare la spinta del Paese per la diffusione della banda larga, che è un aspetto cruciale per la modernizzazione dell’Italia”, spiega Gentiloni. Nicolais osserva come oltre al coordinamento tra le varie istituzioni la principale novità del progetto consista “nell’arricchire di contenuti e servizi l’infrastruttura sotto il segno dell’interoperabilità”.”L’accesso alla banda larga – ha concluso Linda Lanzillotta – fa parte dei diritti fondamentali perché consente il collegamento alla rete della conoscenza”.Il compito del Comitato, cui partecipano i ministri delle Comunicazioni, degli Affari regionali e delle Riforme e delle Innovazioni nella Pubblica amministrazione, è quello di esercitare, sulle iniziative già in corso d´opera, funzioni di coordinamento, monitoraggio e armonizzazione e individuare eventuali esigenze di abbattimento delle barriere tecnologiche presenti che impediscono la diffusione di nuovi progetti.
    Le risorse pubbliche destinate a queste attività sono pari a 1,1 miliardi di Euro che dovranno essere ottimizzate da un pool tecnico presieduto dall´ex commissario Agcom, Paola Manacorda. Le risorse pubbliche dovranno comunque essere integrate con quelle private delle aziende interessate.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook