• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Cinema. il tar da’ ragione al codacons: apocalyp...
    08
    gen.
    2007

    Cinema. il tar da’ ragione al codacons: apocalypto vietato ai minori di 14 anni

    Condividi su:   Stampa

    da RAI.itTroppa violenza, troppe scene di torture, sevizie, uccisioni. E così la seconda sezione del Tar del Lazio, presieduta da Italo Riggio, ha deciso di vietare provvisoriamente ai minori di 14 anni il film di Mel Gibson, Apocalypto.

    Il Codacons, contestando la decisione della Commissione di revisione cinematografica di non imporre alcun divieto, aveva infatti presentato un ricorso d’ urgenza al Tribunale Amministrativo, chiedendo di vietare il film ai minori di 14 anni per l’ eccessiva violenza di molte scene.
    Il presidente della seconda sezione del Tar del Lazio ha infatti convenuto che le scene di estrema violenza che si ripetono continuamente per tutta la durata del film non sono adatte ad un pubblico di minori. Essendoci quindi i “presupposti dell’ estrema gravità ed urgenza,  il presidente ha ritenuto che “al pregiudizio lamentato puo’ ovviarsi inibendo la visione del film sopra citato ai minori di 14 anni”, accogliendo così il ricorso del Codacons.   Sul film, diretto da Mel Gibson e uscito nelle sale italiane tre giorni fa, era intervenuto anche il ministro per i Beni e le Attività culturali Francesco Rutelli, che aveva chiesto agli esercenti di far entrare in sala i minori solo se accompagnati.
    Ma, essendo stato accettato oggi dal Tar il ricorso del Codacons, presentato questa mattina dagli avvocati Marco Ramadori, Gino Giuliano e Carlo Rienzi, da oggi in poi le sale cinematografiche, per non rischiare pesanti sanzioni, dovranno immediatamente adeguarsi impedendo l’ingresso dei minori di anni 14.  Tutto ciò, comunque, fino alla discussione della vicenda in camera di consiglio, già fissata al prossimo 17 gennaio 2007.
    Intanto però, in un comunicato stampa lo stesso Carlo Rienzi, presidente Codacons, ha ringraziato il Tar per aver riconosciuto il ruolo del Codacons nella tutela dei minori, chiedendo adesso al ministro Francesco Rutelli di inserire anche i consumatori all’interno della Commissione censura, finora composta da rappresentanti dei genitori scelti con inopportuni criteri ideologici e politici.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook