• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > E fu iphone: da apple il comunicatore universale
    09
    gen.
    2007

    E fu iphone: da apple il comunicatore universale

    Condividi su:   Stampa

    da L'Unità.itE fu iPhone. Nessuno ci credeva davvero più, visto che i siti di rumours ne hanno parlato ogni volta come imminente, per essere poi puntualmente smentiti. Una chimera tecnologica che adesso sembra essere ben viva e presente. Ma, come molti avevano previsto, chiamare il "telefonino" di casa Apple un "telefonino" non sarebbe fargli giustizia.

    «Aspettavo questo momento da due anni e mezzo – ha detto il patron di Apple, Steve Jobs chiaramente soddisfatto – Di tanto in tanto esce un prodotto che cambia l´industria. Apple è stata fortunata perché ne ha presentati alcuni di questi prodotti: il Mac nel 1984 e l´iPod nel 2001. Adesso presentiamo tre prodotti rivoluzionari: un iPod con lo schermo panoramico e controlli sensibili. Il secondo è un telefono mobile. Il terzo è un apparato per comunicare su Internet. Il tutto dentro un singolo apparato. Non apparecchi separati, ma un singolo apparato chiamato iPhone. Apple reinventa il telefono». L´eccitazione della folla di duemila fedelissimi nella sala del Moscone Center di San Francisco dove si apre il salone di MacWorld è palpabile. Ma del resto si sa che Jobs gestisce con grande sapienza la sua istrionica capacità di comunicatore. Sfrondato dalle iperboli, l´annuncio è uno di quelli che faranno discutere per giorni, se non per settimane. Nello stile Apple, del resto. La grande novità, a prima vista, è l´interaccia utente, rivoluzionaria come fu quella del primo Mac e dell´iPod in giorni a noi più vicini. Uno schermo che occupa tutto un lato dell´iPhone è allo stesso tempo un sistema di visualizzazione di video e pagine internet e un mezzo di controllo di tutte le funzioni: un touch-screen, uno schermo tattile con il quale si interagisce semplicemente con il tocco delle dita. E tutto si controlla da lì. Alla base dell´iPhone vi è una versione “mobile” di Mac OS X, il sistema operativo che fa funzionare tutti i computer Macintosh. È anche questa è una novità, che tra l´altro la dice lunga sulle capacità del nuovo prodotto. Con uno schermo da 3,5 pollici (circa 9 centimetri in diagonale) e uno spessore di appena 11 millimetri, l´iPhone è anche un oggetto molto maneggevole che si può tenere in un taschino. Ha naturalmente il Bluetooth per comunicare con il computer e con altri apparecchi, il WiFi per usare la rete di casa per telefonare e navigare su Internet senza collegarsi alla rete Gsm. L´interfaccia, come dicevamo, è il segreto del successo di tutti i prodotti Apple e l´iPhone non sembra fare eccezione. Si attiva semplicemente facendo scorrere le dita sullo schermo, e con le dita si controllano tutte le applicazioni. «Killer applications» le chiama Jobs. Tra queste un motore di ricerca integrato firmato da Google, il leader indiscusso del settore. E da Google, ha annunciato Eric Schmidt. Amministratore delegato di Google che è salito sul palco con Steve Jobs, vengono anche le Google Maps, mappe satellitari del mondo anch´esse integrate nell´iPhone. Chi non dovesse stare nella pelle per averlo, sarà bene che si dia una calmata. L´iPhone sarà disponibile negli Usa a giugno, e in Europa a fine 2007. il prezzo? Negli Usa 499 dollari per il modello da 4 gigabyte di memoria e 599 per quello a 8 gigabyte.

    Argomenti:
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook