• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Sanità pubblica?
    12
    gen.
    2007

    Sanità pubblica?

    Condividi su:   Stampa

    Sono vedova da quasi 9 anni, un episodio di malasanità (leggi imperizia, negligenza), ha causato la morte di mio marito a 43 anni. Uno dei pochi episodi che dopo 8 anni è stato giudicato dalla Cassazione e che, udite udite, ha dato ragione a me e ai miei figli, non voglio raccontarle tutta la vicenda, voglio riagganciarmi al putiferio che si è sollevato in questi giorni per quanto concerne lo"scandalo" degli ospedali. Ho letto il suo articolo sull’Unità e vorrei confermarle che molta gente non si rassegna, si ribella, ma pochi riescono a portare la loro voce alle orecchie che dovrebbero ascoltare.Non serve fare indagini e creare scompiglio, buttare tutto in aria e non cambiare nulla (anche se sono felice che Livia Turco abbia preso a cuore la faccenda), basterebbe che i nostri politici di tanto in tanto si facessero un bel giro (in anonimato) nei nostri ospedali, facessero le file per fare gli esami, per andare dal medico di famiglia, per farsi mettere in lista per una TAC o una risonanza magnetica, per andare in un pronto soccorso e restarci almeno 4 ore a patire l’inferno…

    Abbiamo fior di politici che elogiano pubblicamente (vedi articolo di CE sulla Prealpina del 9/1/2007) la sanità lombarda, la migliore del mondo, perché non ha chiesto a Bossi di farsi ricoverare in un ospedale lombardo o a Berlusconi come mai non è rimasto in Italia per l’applicazione di un semplice pace-make,?
    Perché non domandano ai miei genitori che sono anziani e con la pensione minima come è entusiasmante spendere 150 euro per farsi visitare privatamente da un neurologo altrimenti la visita con la sanità pubblica slitterebbe a 3 mesi dopo?
    Non so se è compito dei giornalisti occuparsi di questo, certo è che anche se tutti sanno nessuno interviene, i medici che lavorano in ospedale, gli infermieri, tutto il personale addetto e non, come possono tollerare di vivere in ambienti in cui persone civili non terrebbero i loro animali?
    Dimenticavo abito nel civilissimo NORD, in provincia di Varese dove la Lega dice che funziona tutto a meraviglia.
    Grazie per l’attenzione e scusi le banalità.
    m.monaca
     
     

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook