• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Ricerca. arriva la gallina transgenica: una risorsa pe...
    16
    gen.
    2007

    Ricerca. arriva la gallina transgenica: una risorsa per curare il cancro

    Condividi su:   Stampa

    da HelpConsumatori.itTutto, davvero tutto ci saremmo aspettati di vedere, ma non le galline transgeniche. Eppure, sono arrivate anche quelle. A 'produrle' i soliti noti, i ricercatori del Roslin Institute di Edimburgo che qualche anno fa crearono la pecora Dolly. Le galline ogm da poco nate in Scozia, come racconta oggi la rivista 'Proceedings of the National Academy of Sciences', sono in grado di produrre uova che contengono sostanze farmacologiche che in futuro potranno essere impiegate per curare a basso costo malattie gravi come il cancro. In sostanza, il dna delle galline in questione contiene geni umani che producono proteine medicinali nell'albume delle uova. In alcune uova è stato trovata una sostanza simile all'inteferone umano, in altre un anticorpo che potrebbe curare l'artrite.

    Le galline per uso terapeutico sono già 500: tecniche di produzione di proteine curative provenienti da materiale ogm esistono già, ma sono complicate e costose. Il processo di estrazione risulta invece molto semplificato a partire dal bianco d’uovo. Gli studiosi del Roslin Institute hanno così utilizzato embrioni di galletto, ne hanno manipolato il Dna con l’aggiunta di geni umani grazie all’aiuto di virus. Dall’accoppiamento di questi animali ogm sono nate delle galline portatrici anch’esse di geni umani. Ovviamente le galline vanno geneticamente modificate in base alle specifiche proteine che si vogliono estrarre per utilizzarle a fini farmacologici. Esultano le compagnie bio-tech: la scoperta dovrebbe permettere in un futuro non lontano di produrre con pochissima spesa farmaci costosissimi. Fondamentale sembra il fatto che i geni umani inseriti nel genoma dei galletti vengono interamente trasmessi da una generazione all’altra. “La novità – spiega Roberto Defez, biotecnologo all’Istituto di Genetica e Biofisica Adriano Buzzati Traverso del CNR di Napoli – è che per la prima volta si è riusciti a creare una popolazione di animali con la capacità duratura e stabile di produrre molecole umane e utili all’uomo.
    Infatti le galline possono anche trasmettere questa loro capacità alle successive generazioni di galline”. “In pratica – continua lo scienziato – è come avere una fabbrica inesauribile di galline che producono a basso costo sostanze farmacologicamente attive. Finora non si era riusciti a creare animali transgenici che mantenessero dunque stabilmente la loro proprietà acquisita di produrre molecole umane. Inoltre la scelta delle galline – osserva ancora Defez – è ottimale in quanto anche l’isolamento delle sostanze da queste prodotte è più semplice, più sicuro, perché la sostanza non deve essere isolata dal sangue dell’animale, e meno cruento in quanto l’animale non deve essere sacrificato per isolare il prodotto voluto”. Sul piede di guerra gli animalisti britannici: “Il processo di modificazione genetica – ha denunciato Andrew Tyler, direttore di ‘Animal Aid’ – produce molte vittime. Molti giovani animali nascono con gravi difetti e le femmine soffrono di aborti e di altri problemi”.
    Prudente il commento in Italia di Coldiretti: “Occorre creare tutte le condizioni di sicurezza” per evitare che la gallina Ogm od i suoi derivati finiscano nel piatto dei consumatori. Coldiretti sottolinea “l’importanza di rispettare il principio della precauzione”. “L’importante risultato scientifico dimostra che – afferma la Coldiretti – serve più ricerca per verificare gli effetti della sperimentazione sulla salute e sull’ambiente ed evitare che si compiano errori irreparabili”.Si rende peraltro necessario, a giudizio dell’organizzazione agricola, “garantire la trasparenza dell’informazione con la rintracciabilità e l’etichettatura di origine trasparente soprattutto dopo il recente verdetto della Food and Drug Administration (Fda) statunitense che – ricorda infine la Coldiretti – ha autorizzato la libera circolazione degli alimenti

    provenienti da animali clonati”.

    Postato da Editor1
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook