• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Saldi. adiconsum padova documenta con filmati i falsi....
    18
    gen.
    2007

    Saldi. adiconsum padova documenta con filmati i falsi. su 23 commercianti, ben 18 sono stati multati

    Condividi su:   Stampa

    da HelpConsumatori.itAdiconsum ha denunciato il malcostume dei falsi saldi e cioè il riprezzamento dei capi in vendita il cui prezzo finale rimane invariato o addirittura risulta superiore rispetto all'originale. L'associazione spiega " il prezzo di partenza di un capo di abbigliamento è di 100 euro; il commerciante lo riprezza a 140 euro, poi ci applica lo sconto del 30%. A questo punto il prezzo finale del capo passa dagli originari 100 euro a 98: un risparmio per il consumatore di soli 2 euro".

    Il consumatore – precisa Adiconsum – ha l’illusione di aver fatto un affare, ma è stato semplicemente raggirato.Il caso è stato documentato in alcuni negozi di Padova dalla sede locale dell’associazione che ha filmato i prezzi di alcuni capi di abbigliamento prima e dopo l’inizio dei saldi. Ebbene il prezzo riportato era quello antecedente ai saldi e in alcuni casi superiore.
    Adiconsum Padova oltre a denunciare alla stampa il falso dei saldi ha trasmesso la documentazione alla Guardia di Finanza che ha provveduto ad elevare una multa di 1032 euro a 18 commercianti e a denunciare il fatto alla Magistratura. L’associazione chiede alla Polizia urbana di effettuare controlli a campione e invita i consumatori a segnalare i riprezzamenti alla Polizia locale, alla Guardia di Finanza e all’Adiconsum.

     commenti
    Commenti
    1

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook