• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Cappon: in rai 50 compensi oltre la soglia
    15
    mar.
    2007

    Cappon: in rai 50 compensi oltre la soglia

    Condividi su:   Stampa

    Personaggi come Vespa, Angela, la Ventura, Biagi e Conti potrebbero andarsene. Lettera di richiamo a SantoroAlla Rai ci sono 40-50 persone con compensi annui superiori a 250 mila euro, il limite inserito nella Finanziaria 2007 come soglia massima degli stipendi nelle aziende pubbliche. Lo ha rivelato il direttore generale dell'ente radiotelevisivo di Stato, Claudio Cappon, alla commissione di vigilanza Rai.

    Fonte: Corriere.it«La norma della Finanziaria sui compensi è un tipo di regola che non limita i compensi solo del Festival di Sanremo, ma dell’intera attività dell’azienda», ha riferito Cappon, il quale ha spiegato che se «per Sanremo solo un contratto di un ospite internazionale è stato virtualmente coinvolto», in realtà sono «40-50 i soggetti che ogni anno superano il limite che si aggira orientativamente intorno ai 250 mila euro». BIG A RISCHIO – Cappon ha citato personaggi come «Bruno Vespa, Piero Angela, Simona Ventura, Enzo Biagi e Carlo Conti», ma anche autori e registi. Secondo Cappon «è bene che nel fissare le regole generali si abbia la consapevolezza di quali saranno le conseguenze. La Rai deve partecipare alle regole dell’industria dello spettacolo e tali paletti ridurrebbero l’ambito d’attività dell’azienda che dovrebbe cambiare la propria programmazione». SANREMO – Cappon ha detto che la Rai ha già ridotto i costi, e ha citato il caso del Festival di Sanremo dove i costi sono stati ridotti di 944 mila euro rispetto agli anni precedenti con risultati positivi sia per ascolti che per introiti pubblicitari (20 milioni di euro). Il contratto di Pippo Baudo era stato firmato prima della Finanziaria, e quello di Michelle Hunziker faceva parte di un contratto complessivo.
    SANTORO – Cappon ha reso noto che sarà inviata una lettera di richiamo a Michele Santoro, conduttore di «Anno Zero», per chiarire su quali elementi si devono basare le puntate prossime perché continuino ad andare in onda.
    ANNUNZIATA – Il presidente della Rai, Claudio Petruccioli, in audizione presso la commissione di Vigilanza della Rai, ha detto invece che la trasmissione «In 1/2 ora» condotta da Lucia Annunziata su Raitre mostra «un evidente squilibrio» a sfavore del Polo. «Stando alle prime sette puntate – ha spiegato Petruccioli – la trasmissione dell’Annunziata fa registrare un evidente squilibrio a svantaggio degli esponenti della Cdl». La direzione generale della Rai, ha spiegato Petruccioli, ha preso contatto con il direttore della Rete e con la stessa Annunziata «rivolgendo loro la richiesta di programmare la prosecuzione del ciclo in modo da eliminare l’attuale squilibrio. Ambedue hanno risposto positivamente a questa richiesta precisando che erano già consapevoli del problema».

     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    astronik .
    La prima cosa che verrebbe da dire: e chi se frega! Sarebbe però più giusto rinegoziare i compensi, almeno per persosonaggi di un certo spessore, come Angela o Biagi. Se la Ventura o Bruno Vespa cambiassero aria non staremo certo a rimpiangerli.....
    sandrone .
    Trovo giusto limitare - in maniera ragionevole - i compensi delle aziende di stato: il valore aggiunto, nel caso RAI, è la visibilità. Che vadano a lavorare per le tv private, non li perderemo anche se sono i nostri beniamini. E la RAI direte voi... magari sarebbe la volta buona! Invece di prima porta (porta a porta) avremmo un programma decente condotto da un giovane emergente, e invece dell'isola dei famosi un bel film di quelli che non trasmettono più. Allora sì che guarderei la RAI!!!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook