• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Class action parmalat: finalmente il sito internet per...
    23
    mar.
    2007

    Class action parmalat: finalmente il sito internet per chiedere i risarcimenti

    Condividi su:   Stampa

    Come e' noto, la Class Action Parmalat, avviata negli Usa ha iniziato a dare i primi frutti con una serie di accordi transattivi che hanno fruttato circa 50 milioni di dollari da distribuire ai risparmiatori. L'Aduc e' stata la prima associazione di consumatori a promuovere l'azione collettiva dagli Usa sebbene il giudice ha nominato come rappresentanti della classe soggetti diversi. Il 12 Maggio 2005, avevamo chiesto al giudice Kaplan ed ai soggetti che controllavano la class action, fra l'altro, di aprire un sito Internet sul quale fornire tutte le informazioni circa l'andamento della Class Action.

    Da oggi, finalmente, tale sito e’ a disposizione di tutti i risparmiatori. A questo indirizzohttp://www.parmalatsettlement.com/Italian/home.htm e’ possibile informarsi e registrarsi per ottenere, quando disponibili, i moduli per partecipare ai risarcimenti stabiliti nell’ambito dell’azione collettiva. Sul sito e’ possibile leggere, in italiano, il contenuto dell’accordo transattivo e la notifica emessa dal tribunale. Ricordiamo che alla class action partecipano tutte “le persone fisiche e giuridiche che abbiano acquistato titoli di Parmalat Finanziaria S.p.A. e delle sue controllate e affiliate tra il 5 gennaio 1999 e il 18 dicembre 2003 compresi, avendone subito danno”. Al momento non sono disponibili i moduli per partecipare ai primi risarcimenti perche’ il Tribunale non ha ancora deciso se dare la sua “approvazione definitiva” all’accordo. Quando saranno disponibili sara’ sufficiente, senza alcun costo, seguire le istruzioni presenti nel sito per ottenere i risarcimenti. Alessandro Pedone, consulente Aduc per la tutela del risparmiowww.aduc.it

     commenti
    Commenti
    1
    Lascia un commento
    giulia .
    Naturalmente il commento si riferiva al caso Sircana

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook