• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Consumatori: indagine su presidi tutela in province e ...
    20
    apr.
    2007

    Consumatori: indagine su presidi tutela in province e comuni

    Condividi su:   Stampa

    da Formautonomie.itAppaiono abbastanza in ritardo le amministrazioni Provinciali e i Comuni capoluogo di provincia sul fronte della tutela dei consumatori: su 107 Province contattate soltanto 17 (pari al 16% del totale) hanno costituito un Presidio per la loro tutela; mentre tra i 111 Comuni capoluogo di Provincia intervistati soltanto 11, pari al 10% del totale, affermano di aver attivato una struttura ad hoc a garanzia dei consumatori.

    In questo quadro gli strumenti di tutela si concentrano in misura maggiore al nord, rispetto al centro e al sud Italia, così come sono tendenzialmente di più le risorse impiegate ed il numero di utenti assistiti. Questi alcuni dati che emergono da un’indagine documentale e telefonica condotta, per conto del Ministero per lo Sviluppo Economico, da FormAutonomie e Formez, e presentata oggi in un incontro svoltosi a Roma presso l’Anci nazionale. L’indagine – che si inserisce nel progetto Autonomie Locali per la tutela dei cittadini-consumatori, promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico, in collaborazione con Formez e la stessa FormAutonomie – nasce dall’esigenza di tracciare la mappatura dei presidi stabili per la tutela dei cittadini-consumatori attivi in Italia presso le Amministrazioni “fisicamente” più vicine al cittadino, appunto i Comuni e le Province. Nel dettaglio, delle 17 amministrazioni provinciali che si sono dotate di una struttura di tutela dei consumatori, la metà è localizzata nel nord Italia, mentre nessuna Provincia delle due isole maggiori ha attivato un presidio. Infatti, la Provincia di Siracusa che aveva attivato tale servizio attraverso un numero verde gestito dall’URP, a causa dello scarso utilizzo dello stesso da parte dei consumatori, ha successivamente deciso di disattivarlo. “ Più in generale – afferma il rapporto – laddove presente, talvolta è stato fatto notare che non si tratta di un Presidio stabile e che tale ufficio è dedicato anche ad altri servizi”. Del tutto speculare la situazione registrata nei Comuni capoluogo con, ancora una volta, più della metà dei Presidi localizzati al nord. Tuttavia, in questo caso l’indagine evidenzia una buona prestazione di una regione del centro, il Lazio dove si trovano il maggior numero di Comuni con un Presidio attivo (a Roma,Latina e Frosinone). A differenza della rilevazione condotta presso le Province, l’unico presidio attivo nel sud Italia si trova in Sicilia, a Catania. Inoltre, da un confronto con la rilevazione condotta presso le Province, emerge che solo in 3 casi è attivo un presidio sia presso la Provincia che presso il Comune capoluogo: Bologna, Latina e Roma. Infine, nel 64% dei casi, i Comuni che hanno dichiarato di avere un Presidio attivo, si riferiscono ad un presidio non stabile o comunque dedicato anche alla realizzazione di altri servizi. L’indagine – realizzata sotto la supervisione scientifica del prof. Aldo Berlinguer, Ordinario di Diritto privato comparato nelle Università di Cagliari e Siena, con il coordinamento di Walter Tortorella, Responsabile Osservatorio e attuazione programmi di FormAutonomie – offre un monitoraggio completo delle risorse e delle funzioni attivate a tutela dei consumatori da Comuni e Province. “Enti – si legge nell’indagine – il cui contributo potrebbe essere essenziale ad assicurare una protezione capillare dei consumatori e degli utenti sia dai disservizi delle stesse amministrazioni che dalle pratiche commerciali delle imprese”. Il testo dell’indagine è disponibile nella sezione del sito dedicata al progetto ‘Autonomie locali e tutela consumatori’.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook