• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Energia – 30,00 euro di tasse occulte sulla boll...
    30
    apr.
    2007

    Energia – 30,00 euro di tasse occulte sulla bolletta elettrica

    Condividi su:   Stampa

    da Adiconsum.itPaolo Landi, Adiconsum: «Condividiamo la segnalazione dell'Autorità; il Governo inizi a rinunciare a questo prelievo ingiustificato. Oltre 800 milioni di euro passano ogni anno dalle tasche delle famiglie al bilancio dello Stato, attraverso due tasse occulte che gravano sulle bollette elettriche».

    L’Autorità per l’Energia ha segnalato al Governo e al Parlamento due ingiustificati prelievi dello Stato sulle bollette elettriche, a carico dei cittadini.Il primo riguarda la decisione della Finanziaria 2006 del Governo Berlusconi (riconfermata dall’ultima Finanziaria del Centrosinistra), di trasferire al Bilancio dello Stato una parte del gettito proveniente dalla tariffa elettrica (componenti MCT e A2), con un aumento della tariffe elettriche di circa 150 miliardi di euro all’anno. Il secondo prelievo riguarda l’applicazione dell’aliquota IVA anche sui c.d. oneri di sistema (oneri nucleari, stranded cost, energivori, ecc.). Trattandosi di oneri e non di prestazioni o servizi usufruiti dai clienti elettrici, l’applicazione dell’IVA su tali importi è anomala e pretestuosa. Si tratta di un altro onere di circa 670 miliardi di euro all’anno a carico delle famiglie.Conclude Landi: “Se questi prelievi fossero aboliti, come sarebbe giusto, ogni famiglia risparmierebbe circa 30 euro all’anno”.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook