• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Rignano flaminio e gino girolimoni
    12
    mag.
    2007

    Rignano flaminio e gino girolimoni

    Condividi su:   Stampa

    da ADUC.itComunque vada, le persone sbattute in carcere per i presunti reati di pedofilia commessi nella scuola di Rignano Flaminio (Roma), sono segnate, marchiate a fuoco. Innocenti o colpevoli, quando la nostra lentissima macchina giudiziaria emettera' la sentenza, il destino di queste persone e' definito e il danno irreparabile.

    Chi potra’ piu’ vivere in un paese ed essere additato come persona sospetta di un reato infamante? Quale genitore affidera’ i propri figli alla scuola e al personale reputato colpevole? Alla mente ci torna il caso di Gino Girolimoni che nel 1927 fu accusato di aver violentato e ucciso 7 bambini. Girolimoni venne arrestato, il suo volto, il suo nome, impressi nelle prime pagine di tutti i giornali, messo all’indice dalla folla e accompagnato al patibolo dall’inchiostro degli opinionisti del tempo. Eppure non ci vollero che una manciata di mesi, dieci, per far comprendere al giudice istruttore, Rosario Marciano, l’inconsistenza del castello accusatorio. Girolimoni fu scarcerato, l’imputazione, dopo parecchi anni, definitivamente archiviata. Nonostante l’assoluzione l’onta, il marchio, il sospetto non riuscirono mai piu’ a scollarsi dal suo volto e ancor piu’ dal suo nome. Ancora oggi la parola “Girolimoni” a Roma, nel Lazio, serve a designare l’immonda persona che molesta sessualmente i bambini, ancora oggi al suo nome e’ legato il pregiudizio piu’ autentico. Del mostro vero di Roma non si seppe piu’ nulla.Primo Mastrantoni, segretario Aduc.

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook