• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Family day, tra il dire e il fare c’è di mezzo ...
    15
    mag.
    2007

    Family day, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare

    Condividi su:   Stampa

    da ADUC.it - E' proprio vero che tra il dire e il fare c'e' di mezzo il mare. La manifestazione di sabato a Roma, il Family Day, ha visto la partecipazione di numerosi politici, in maggioranza di centro-destra, che hanno ribadito la loro volonta' di "difendere la famiglia".

    A parte le incoerenze personali, per le quali la manifestazione si sarebbe dovuta chiamare Families Day invece di Family Day, a costoro, che hanno governato per un periodo e con una maggioranza mai visti dalla nascita della Repubblica italiana, ci piacerebbe chiedere cosa hanno fatto per il sostegno alla famiglia, visto che le difficolta’ sono prevalentemente di carattere socio-economico. Ci si stupisce del fatto che in Francia le coppie hanno un numero di figli impensabile in Italia. Le ragioni le possiamo comprendere analizzando la percentuale di tasse in piu’ che nel 2006 una famiglia italiana ha pagato rispetto ad una analoga francese, con un reddito da lavoro dipendente e con due figli a carico: 1. Reddito di 25.000 euro l’anno…..+ 4826%.2. Reddito di 50.000 euro l’anno…..+ 424%.3. Reddito di 75.000 euro l’anno…..+ 325%.4. Reddito di 100.000 euro l’anno…+ 183%.5. Reddito di 150.000 euro l’anno…+ 111%.Come si vede la percentuale di tassazione in piu’ che paga una famiglia italiana rispetto a quella francese e’ davvero sconvolgente e a pagare di piu’ e’ proprio la famiglia con reddito basso, con un +4826% (quattromilaottocentoventisei)!!! E certi politici ci vogliono far credere che vogliono “difendere la famiglia”. Nella laicissima Francia le famiglie sono tutelate, come si vede, senza l’intervento del Vaticano. Ci prendono in giro? Ovvio che si’! Primo Mastrantoni, segretario Aduc

     commenti
    Commenti
    1
    Lascia un commento
    mek .
    qual'è spesso la maniera per discolparsi da parte dei bambini??.....puntare l'indice piccolo piccolo,ma già teso,verso il proprio fratellino o sorellina! Cosi la destra o comunque quell'accozzaglia di gente che stà li per farci credere che mentre stringe il cappio al collo dell'Italia,ci libera dei comunisti mangiapargoli. Per carità,non son cieco e manco sordo,per cui chi è senza peccato scagli la prima bustarella...ma cmq la nostra destra è di una pochezza e di una arroganza che solo chi non vuol vedere,non vede. La famiglia,questa parola nella bocca di Bondi,Cicchitto,Berlusconi è più intesa come quella che hanno in Sicilia,che con quella che è nostra opinione debba essere. La famiglia....vi rendete conto che a questa prima unità di Stato hanno dato gli incentivi per il decoder,certo la famiglia ha bisogno del decoder,visto che il focolare è solo per ricchi. L'ipocrisia è una parola in disuso,ma credetemi è una delle piaghe del nostro tempo,più dell'egoismo. Cmq a tutti dico,ops ho detto "dico".....vogliate bene al prossimo,anche perchè qui i prossimi ad essere fottuti saremo noi!! Ciao ciao

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook