• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Francobollo americano
    11
    giu.
    2007

    Francobollo americano

    Condividi su:   Stampa

    Mentre Bush era a Roma, io ero a New York. Almeno avrò fatto meno danni. Ragionando su Ralph Nader, storico leader del movimento dei consumatori americani, mi dicevo che forse quello che ci vorrebbe in italia per resistere nella palude cui si fa riferimento in Italiopoli è, assai più che un partito, un movimento. Ma non dei consumatori, alla Nader o all'americana, bensì dei cittadini. Una forma di pressione sui partiti e su questa politica, per cambiarla alle radici e quindi nei rami, fiori, frutti oggi marci all'origine.

    Avendo la Costituzione come base e il disagio ormai intollerabile come altezza. Ma dipende da noi, da voi. Dando segnali di voler cambiare senza retoriche del momento. Un manifesto politico dell’antipolitica, insomma. Se si ha fiducia di salvare il salvabile pensando che ce ne sia ancora. Vedi l’iniziativa di www.repubblicadeicittadini.comO.B.

     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    gigio78 .
    Secondo me la verità è che noi siamo un paese di cacasotto.
    roberto .
    Penso anch'io che non cambierà nulla se non nascerà un movimento dei cittadini, che tenga sotto pressione questi politici perditempo e spreconi, visto che la stampa è per lo più imbavagliata e che l'arroganza dei politici è senza fine. Dopo ogni debacle elettorale, si sente dire:" è necessario un momento di riflessione". Sono 40 anni che riflettono, ma con quali risultati???

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook