• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Liberalizzazione energia… conviene veramente?
    19
    giu.
    2007

    Liberalizzazione energia… conviene veramente?

    Condividi su:   Stampa

    dal libro "Tutto quello che sai è FALSO" - pag.52Editore: Nuovi Mondi MediaNello scaffale della mia libreria c'era da diverso tempo questo libro...Ho iniziato a leggerlo e, per il momento, il capitolo che mi ha colpito di più è quello sulla globalizzazione e la privatizzazione...Mi ha colpito perchè in Italia siamo vicini alla liberalizzazione dell'energia elettrica...Posto allora alcune righe di questo capitolo e concludo con una riflessione:...La Globalizzazione ha tante altre storie di "successo". In Gran Bretagna, Margaret Thatcher ha preso il sistema dell'elettricità, lo ha privatizzato e deregolamentato.

    L’elettricità in passato era meno cara in Gran Bretagna che negli USA, ma ora i consumatori pagano il 70% in più per ogni unità rispetto alla controparte americana. Lo stesso processo è stato applicato al sistema del gas, i prezzi sono saliti a livelli così alti da risultare il 60% più alti di quelli americani, nei quali esiste ancora un certo tipo di regolamentazione.
    Riflessione personale: non sono uno studioso e un esperto di economia…Mi sembra normale che se c’è concorrenza i prezzi si dovrebbero abbassare…Almeno in teoria…Quello che è successo in Gran Bretagna non ci lascia però buone speranze. Perchè i prezzi non si abbassano mi sono chiesto?Forse perchè essendoci più società che erogano lo stesso servizio il mercato se lo devono dividere e bene che vada la loro quota di clienti-consumatori sarà sempre inferiore a quella di chi prima “controllava” l’intero mercato!? E per questo “devono” alzare le tariffe!?E poi, vale veramente la pena liberalizzare con lo scopo di abbassare i prezzi?…Le società che gestiscono questi servizi dovrebbero ”combattare una guerra” sui prezzi…e la qualità del servizio!?
    Aspetto risposte ;-) Grazie!!!
    Alberico Behablogger

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook