• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Domani, firma il manifesto per la riforma della politi...
    18
    lug.
    2007

    Domani, firma il manifesto per la riforma della politica

    Condividi su:   Stampa

    Caro amico/a,domani in oltre 100 comuni d'Italia saranno allestiti dei banchetti per la raccolta di adesioni al "Manifesto per la riforma della politica" e alla Lista Civica Nazionale. Si tratta di una iniziativa nazionale finalizzata alla diffusione del nostro progetto politico con particolare riferimento alla manifestazione del 6 ottobre a Piazza Farnese.A Roma saranno organizzati i seguenti banchetti dalle ore 17 in poi:Roma 1 - Largo Argentina (a cura di angelo De Florio, sarà presente anche Roberto Alagna)Roma 2 - Villaggio Olimpico - adiacenze GS (a cura di Mario Mariani, saranno presenti anche Roberto Alagna e Oliviero Beha)Roma 3 - vicinanze Piazza Bologna (a cura del Cons. Vittorio Giunta)Roma 4 - Via Casal de Pazzi 20 (a cura del Cons. Alessio Vella, sarà presente Oliviero Beha)Roma 5 - adiacenze sede VIII municipio (a cure del Cons. Annamaria Addante)Roma 6 - Ostia - Via Domenico Purificato 210 - (a cura di Matteo Zaccari)Roma 7 - Viale dei Colli Portuensi 522 (a cura di Tiziano Battisti).

    Ti pregherei nei limiti del possibile di fare un salto nel banchetto per te più comodo anche al fine di offrire un pò di collaborazione agli amici che hanno organizzato i banchetti.Un abbraccio, Roberto Alagna

     commenti
    Commenti
    5
    Lascia un commento
    menchindelborgo .
    Mah, mi risulta che il dr. Servadio ha avuto a che fare, per disgrazia della medesima loggia massonica, con la loggia Guardabassi di Perugia. Da cui pare sia stato espulso con disonore, fate voi.
    mariamaddalenaservadio .
    in relazione all'articolo su Veltroni e il museo dei giocattoli,vorrei pregare la giornalista di informarsi meglio sui fatti, dal momento che mio marito, Leonardo Servadio, non ha mai avuto il piacere di conoscere il sig.Licio Gelli ne di essere stato mai associato a nessuna loggia massonica di alcun genere. Per quanto riguarda l'avvistamento di alcuni pezzi della collezione al Kings dell'Argentario, consiglierei al frequentatore di Villa Ada, di richiedere un'accurata visita oculistica in quanto i giocattoli non hanno mai lasciato il deposito in cui sono stati collocati al momento del loro arrivo da Stoccolma se non per una piccolissima mostra ad Assisi, su richiesta del Comune. Tali illazioni pertanto sono talmente ridicole e prive di ogni fondamento che nella mia famiglia hanno riso tutti,tranne io che mi sono veramente scocciata di leggere i deliri di giornalisti che pur di scrivere qualcosa in cambio di una parcella,non indugiano a gettare fango addosso a chiunque. Per la stima che nutro per il Sig. Oliviero Beha, ho ritenuto doveroso chiarire la nostra posizione, invitandolo a verificare con maggiore impegno ciò che viene pubblicato sul suo Blog. Distinti saluti
    Luigi Iovino .
    ASSONANZE E SIMILITUDINI… - Per la serie: “Il lupo perde il pelo…, ma non il vizio…” FALCONE, GIOVANNI (1939-1992) È il primo magistrato a rompere il muro di omertà che protegge la mafia. Prima di Falcone, l?organizzazione interna di Cosa Nostra è un mistero per tutti. Grazie alle rivelazioni di Tommaso Buscetta (1928-2000), viene svelato una struttura verticistica e piramidale. Gli ?uomini d?onore? (così si definiscono i mafiosi) sono organizzati in famiglie, governate da un capo-famiglia di nomina elettiva. Accanto a lui ci sono il sottocapo e i consiglieri, mai più di tre. Ogni famiglia si divide in gruppi di DIECI uomini detti DECINE, comandate da un capo-DECINA. Per costituire alcuni circoli…, molto liberali…, molto pubblicizzati in questi giorni…, il numero minimo di iscritti richiesto… è di una DECINA…, ed hanno un capo, che adesso si potremmo chiamare capocircolo… A far proseliti sul territorio…, a diffondere il verbo…, mi consentano…, UOMINI DI PROVATA ESPERIENZA… …MALPENSANTE??? Sarà…, ma a pensar male ci si azzecca SEMPRE!!! A ‘pproposito… VAFFANCULO!!! FIRMATE TUTTI PER IL MANIFESTO PER LA REPUBBLICA DEI CITTADINI!!! www.luigiiovino.it
    pippo2007 .
    Aspetto con piacere questa iniziativa, dobbiamo liberarci da questa classe politica il cui unico posto sarebbe da trasferirsi a San Vittore nella patrie galere per alto tradimento alla costituzione repubblicana. Lo stato va restituito ai cittadini una riforma della politica e dei partiti è assolutamente prioritaria se vogliono ritornare ai sani principi di un stato veramente democratico. Aspetto altre notizie.
    comitatocontroindulto .
    PREGHIERA A OLIVIERO BEHA E A TUTTI GLI ALTRI GURU Signori, i tempi che viviamo sono estremamente tristi. I partiti e gli uomini che ne fanno parte, cioè coloro che dovrebbero rappresentare la Democrazia e permetterLe di prosperare e compiutamente realizzarsi, non solo non sono in grado di soddisfare tali basiliari prerogative, ma vivendo da tempo una realtà estremamente distaccata dai bisogni comuni dei cittadini italiani e legiferando in modo da non rispettarne gli interessi, stanno velocemente e incosapevolmente dando origine, all’interno del tessuto sociale del Paese, a quelle condizioni di totale mancanza di fiducia verso l’istituzione della Democrazia, che non possono che prima o poi, degenerare in un totalitarismo o comunque in qualcosa di simile a ciò che già nel nostro Paese è stato tristemente sperimentato nei primi decenni del XX secolo, con le conseguenze che tutti conosciamo. Il dissenso è enorme e cresce giorno dopo giorno. Nonostante ciò questi politici di mestiere continuano ad impedire l’avvio di quelle riforme utili a ridare credibilità nelle Istituzioni; credibilità quasi irrimediabilmente perduta agli occhi di tutti i cittadini italiani, e che potrebbe essere ricostituita solamente rinnovando totalmelmente l’intera classe politica italiana. Prima di arrivare all’irreparabile preghiamo perciò tutti coloro che sono portatori “sani” di dissenso di unirsi e di ricreare quelle condizioni utili a ridare speranza alla Democrazia e a tutti gli italiani. Unirvi perché le vostre parole hanno il “potere” di risvegliare la massa dormiente degli italiani e portarli a reagire agli angoscianti tempi che stiamo vivendo. Unirvi perché agli occhi degli italiani rappresentate quei valori di moralità, trasparenza e onestà che la nostra classe politica non è assolutamente più capace di esprimere. Unirvi infine, perché da soli per quanto seguiti non riuscirete mai a concretizzare ciò che da tempo predicate; non riuscirete mai a scalzare i partiti oramai schierati in difesa a riccio contro ogni forza veramente riformista. Difesa che voi solo se tutti uniti potrete facilmente distruggere. Signori, il dissenso è dissenso e non ha nessuna collocazione ideologica, perciò preghiamo ognuno di voi di lasciare perdere le ideologie che magari vi hanno formato. Ciò che vi chiediamo è ancora e solo di unirvi per portare avanti, politicamente e soprattutto concretamente le battaglie sugli argomenti che vi stanno più a cuore (che ci stanno più a cuore): L’acqua come bene pubblico, il trattamento biologico dei rifiuti e la raccolta differenziata con l’annullamento dell’incenerizzazione, un reale sviluppo per un uso diffuso delle fonti rinnovabili, un’informazione e una tv pubblica veramente libera, l’eliminazione di qualsiasi forma di lavoro precario, la cancellazione di tutte le mafie e camorre, il diritto dei cittadini ad una class action, la possibilità di avere in Parlamente rappresentanti non pregiudicati e tantissime altre azioni utili al concreto sviluppo del nostro Paese. Il dissenso è enorme ma non è organizzato e sopratutto è estremamente diviso. I tempi sono maturi per un reale cambiamento, per una rivoluzione pacifica, ma solo unendo questo frammentato dissenso si potrà avere una concreta speranza di scalzare l’ indegna classe politca che tiraneggia il Paese. Per questo vi chiediamo di smetterla di pensare al prossimo libro o al prossimo spettacolo teatrale o televisivo (e agli introiti che ne possono derivare) o al prossimo post del vostro blog e per una volta di pensare al popolo italiano. Pre questo vi chiediamo di lasciare perdere ogni personalismo e di unirvi con convinta coesione in un movimento in modo da combattere e mandare a casa una volta per tutte questi politici farabutti. Solo così in verità il nostro Paese potrà rinascere e diventare finalmente una nazione moderna libera dai potentati ed interessi più o meno occulti che da decenni ne hanno impedito un reale sviluppo relegandola a zimbello d’Europa, a paese di Pulcinella. Sperando che ognuno di voi si riveda in questo messaggio e agisca in modo da realizzare questa preghiera vi salutiamo rispettosi. Comitato contro l'indulto http://noindulto.blogspot.com

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook