• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Dalla parte del giudice forleo – comunicato stam...
    26
    lug.
    2007

    Dalla parte del giudice forleo – comunicato stampa

    Condividi su:   Stampa

    “Proviamo un forte senso di smarrimento, di sconcerto e di disappunto di fronte all’appello del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che chiama in causa pur senza farne il nome il Gip Clementina Forleo”. Questo il commento di Oliviero Beha, portavoce della Lista Civica Nazionale per la Repubblica dei cittadini. “In una Repubblica il cui Primo cittadino nonché anche Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, interviene pubblicamente a censurare l’ordinanza di un giudice, sta succedendo davvero qualcosa di molto strano. E certamente di inedito. Infatti una rapida visura di sessant’anni di vita costituzionale ci dice che l’episodio che ha visto protagonista Napolitano non ha precedenti di alcun tipo. Per non andare troppo indietro nel tempo, non riusciamo ad immaginarci il suo predecessore, Carlo Azeglio Ciampi, fare appelli simili.

    Affermare questo, dati alla mano,non significa affatto “schierarsi con qualcuno”, in questo caso con la Destra, come purtroppo viene artatamente proclamato nel solito derby mediatico italiano tra schieramenti nei fatti troppo spesso oggettivamente complementari, bensì stare dalla parte della realtà verificabile.Dopo lo sdegno manifestato dal gruppo dirigente diessino perché nelle telefonate con Consorte gli intercettati sono D’Alema, Fassino e La Torre, dopo la indiretta solidarietà di Forza Italia (“Vi sta bene, quando toccava a noi esultavate”) e quella esplicita del premier Prodi, dopo la sortita “armata” del Ministro della Giustizia Mastella, dunque, anche il presidente della Repubblica è contro il Gip Forleo mentre le ordinanze di quest’ultima arrivano in Parlamento.Forse non è inutile oggi rifarsi a una Costituzione citata spesso e strumentalmente a sproposito (art.3: “Tutti i cittadini sono uguali di fronte alla legge”, quindi Consorte, Ricucci, Fiorani ma anche i parlamentari intercettati al telefono con loro) in attesa di sapere se una tardiva resipiscenza consiglierà l’Aula a concedere l’autorizzazione affinché la magistratura possa servirsi delle telefonate incriminate, magari anche soltanto per paura della cosiddetta “antipolitica” montante. Nel frattempo questo Movimento invita i cittadini ad esprimersi sui siti  internet (www.listacivicanazionale.it e www.repubblicadeicittadini.com) a partire dal caso Napolitano-Forleo su una questione così delicata come il rapporto tra politica e magistratura di cui è da anni pubblico docente Silvio Berlusconi, che evidentemente deve aver fatto clamorosamente scuola”.Oliviero Beha

     commenti
    Commenti
    7
    Lascia un commento
    Caldovento .
    Sono un normale cittadino che ha sempre votato a sinistra,non per questo credo che i politici che ci rappresentano siano il massimo,ma credo anche che noi elettori abbiamo semplicemente quello che ci meritiamo,credo altresì che il nostro Presidente Napolitano sia una persona di specchiata moralità e che nel suo intervento ha voluto ricordare ai Giudici di non dare giudizi di merito prima di un pronunciamento del Parlamento.Per quanto riguarda il fatto che siamo tutti uguali davanti alla Legge ,vorrei ricordare che anche i Giudici dovrebbero esserlo e, non mi sembra che quando sbagliano pagano per i loro errori,sono o non sono una casta anche loro?Vorrei portare un piccolo esempio per tentare di capire la reazione dei politici.Qualche tempo fa sono stato chiamato davanti al Giudice per un procedimento di sfratto,io diligentemente mi sono presentato sicuro che sarebbero state ascoltate le mie ragioni ed eventualmente accolte, ebbene, mi sono trovatodi fronte a un Giudice che in maniera arrogante senza neppure leggere la documentazione e con aria di sufficenza sentenzia "lei non paga l'affitto".Ora avendo io pagato puntualmente e sempre l'affitto mi sono sentito offeso da questo Giudice frettoloso nel giudicarmi ,forse non ero particolarmente curato come lo era lei che avrà perso per il trucco l'intera mattinata visto che si è presentata in ritardo e con aria sfastidiata pertanto gli ho risposto a tono e non dico come è andata a finire ma volevo solo dire che non sono dei martiri e che dovrebbero fare molta attenzione a quello che dicono senza avere pregiudizi di sorta.
    frangia .
    si sono rimasta sconcertata,dal commento del presidente della repubblica,pensavo fosse un garante della verità,della libertà della magistratura,questo commento lo trovo veramente disdicevole
    pippo2007 .
    Il presidente della repubblica chi la votato !!? la casta, quindi rappresenta la casta. Vedete poi non tanto difficile capire che il nostro presidente faceva parte della casta deve tutto a loro il posto di presidente della repubblica, quanto costa al popolo italiano il Quirinale il quintuplo di Buckingham Palace. Meglio chiuderlo no.
    frank .
    Accade in questo paese incivile che vi siano magistrati onesti quali FORLEO e DEMAGISTRIS che hanno deliberatamente scelto di servire il Diritto e l'Istituto della Giustizia , nel modo piu' scontato possibile : osservando il dettato Costituzionale e i Codici . L'esercizio di tali prerogative non ha contemplato alcun asservimento ai cosiddetti poteri forti con le conseguenze che oggi sono sotto gli occhi di tutti: Pubblica gogna -discredito - offese -distanze persino da garanti della Costituzione stessa ! Viene ribadito un sotterraneo (neanche tanto) concetto di intoccabilità dei potentati per cui i Codici non sono altro che un sistema discrezionale di autoregolamentazione ma un vero e proprio orpello . E' lecito ritenere che la gente comune non possa che rimanere terrorizzata da questo vergognoso apparato di poteri e perda inevitabilmente fiducia nella giustizia , nelle Istituzioni tutte. Corrado Alvaro scriveva che "la disperazione peggiore di una Società e' il dubbio che vivere onestamente sia inutile" Fate voi .
    lanaveinderiva .
    Il solito vizio della sinistra italiana,non fare a me cio' che puoi farei agli altri, o meglio agli altri puoi fare cio' che non puoi fare a me.In caso contrario (se cioe' fai a me quello che ti ho detto che puoi fare agli altri) vado da papa' Napolitano e piango forte forte, noi siamo diversi quindi per favore non rompete i cosiddetti,se noi attacchiamo la magistratura nn lo facciamo per interessi personali perche' a noi di noi stessi non ci importa nulla,se ci colgono con le mani nella marmellata e' stata la marmellata a sporcare le nostre mani e non viceversa.
    freesud .
    La politica italiana è una vergogna continua. Tutti contro Clementina Forleo. Chi tocca i politici muore. E' iniziata una schifosa campagna diffamatoria tesa a screditare il lavoro del magistrato Clementina Forleo rea di indagare sulle connessioni tra i furbetti del quarterino e i furboni della politica. I parlamentari di questa legislatura non meritano nessuna immunità politica perchè non sono stati eletti democraticamente dal popolo ma designati dai partiti. Designazioni spesso vergognose che hanno portato alla composizione di un parlamento intriso di condannati ed indagati per reati gravissimi. Se avete ancora un briciolo di dignità autorizzate la magistratura ad utilizzare le intercettazioni ed attendete che la giustizia faccia il proprio corso. Di che avete paura? se siete innocenti avrete modo di chiarire la vostra posizione, in caso di condanna rimarrete al vostro posto come molti vostri colleghi pregiudicati. La storia avrà un giudizio molto duro sull'attuale casta dei politici. WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM
    freesud .
    La politica italiana è una vergogna continua. Tutti contro Clementina Forleo. Chi tocca i politici muore. E' iniziata una schifosa campagna diffamatoria tesa a screditare il lavoro del magistrato Clementina Forleo rea di indagare sulle connessioni tra i furbetti del quarterino e i furboni della politica. I parlamentari di questa legislatura non meritano nessuna immunità politica perchè non sono stati eletti democraticamente dal popolo ma designati dai partiti. Designazioni spesso vergognose che hanno portato alla composizione di un parlamento intriso di condannati ed indagati per reati gravissimi. Se avete ancora un briciolo di dignità autorizzate la magistratura ad utilizzare le intercettazioni ed attendete che la giustizia faccia il proprio corso. Di che avete paura? se siete innocenti avrete modo di chiarire la vostra posizione, in caso di condanna rimarrete al vostro posto come molti vostri colleghi pregiudicati. La storia avrà un giudizio molto duro sull'attuale casta dei politici. WWW.RIBERAONLINE.BLOGSPOT.COM

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook