• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Associazione per delinquere finalizzata alla diffamazi...
    08
    ago.
    2007

    Associazione per delinquere finalizzata alla diffamazione a mezzo stampa

    Condividi su:   Stampa

    Chiarissimo Dr. Beha, sono uno degli "associati", anzi meglio, uno dei capi. L'altro è il Capitano dei Carabinieri Pasquale Zacheo. Da quando l'ho appreso, durante la perquisizione della mia abitazione seguita da quella di mio padre (80 anni, appuntato CC in pensione) tento inutilmente di dare ordini ai miei sottoposti (Vulpio - Corsera, Carbone - Rai 3) senza riuscire ad ottenere granché. Purtroppo si ostinano a non credere a quanto la D.ssa Annunziata Cazzetta è andata sostenendo e scrivendo.Eppure, alla base della gravissima ipotesi di reato, ci sono solari evidenze. Ben 52 articoli de "Il Resto" - settimanale distribuito nella provincia di Matera - e diverse intercettazioni telefoniche. Nessun'altra evidenza, nessuna prova che quanto scritto non corrisponda al vero. In verità, ogni articolo fa esplicito e monotono riferimento a documenti ufficiali, sedute del CSM, atti notarili e verbali della banca d'Italia.

    Come smentirli? “sostiene il querelante” (che poi sarebbe l’avv. Emilio Nicola Buccico, senatore AN, sindaco di Matera ed ex CSM). Il fatto che il querelante affermi il contrario di quanto riportano documenti processuali e verbali del CSM, per l’ottima D.ssa Cazzetta, è assolutamente secondario.Di fatto, noi abbiamo subìto il più grave atto di censura dai tempi del ventennio e, quel che è più grave, in pochi se ne sono accorti. Voglio chiarire che non siamo soliti pietire alcunché, sapevamo di andare contro poteri forti e l’abbiamo fatto a nostro rischio e pericolo. Continueremo a farlo perché siamo sereni e forti della verità che emerge ad ogni seria verifica. Ci dispiace per quanti, invece, non hanno capito che questo genere di violenza colpisce tutta la società perché colpisce la democrazia nella sua primaria manifestazione: la libertà di espressione.La ringrazio per la ferma posizione assunta e per la chiara testimonianza resa.Cordiali SalutiNicola Piccenna (Capo banda)

     commenti
    Commenti
    10
    Lascia un commento
    gmaruca .
    CON MIA GRANDE SORPRESA IL TITOLO DEL MIO SITO "LA GIUSTIZIA E GAETANO MARUCA" è STATO TOLTO DAI PIù IMPORTANTI MOTORI DI RICERCA, A CHI HA DATO FASTIDIO? SAREI CURIOSO DI SAPERLO. ADESSO DIVENTA DIFFICOLTOSO TROVARLO Eì DIVENTARTO ANONIMO E ACEFALO. EPPURE ANCORA E' TRA I PRIMI POSTI DI LYCOS. QUESTA DOVREBBE ESSERE L'ITALIA DEMOCRATICA? GLI SCHELETRI SECONDO ALCUNI DEVONO RIMANERE NEGLI ARMADI, NON RENDERE IL NOSTRO PAESE PIù TRASPARENTE. GAETANO MARUCA
    gmaruca .
    sito tra altro sul Sostituto Procuratore della Repubblica Cazzetta Annunziata http://utenti.lycos.it/gmaruca1 gaetano maruca
    gmaruca .
    Altra attività della dottoressa Cazzetta nei miei confronti. Anno 1994 denuncio un'estorsione al Comando dei Carabinieri di Taurianova RC. Viene formulata nei miei confronti per questo fatto la richihiesa di rinvio a giudizio per simulazione di reato da parte della dottoressa Cazzetta, sostiyuto procuratore persso il Tribunalr di Palmi, all'inizio del 1997, La notizia del rinvio a giudizio mi viene comunicata diversi anni dopo. Nel frattempo la polizia arresta la persona che io avevo indicato come presunto autore della mia estorsione perchè autore presunto di analoghe e svariate richieste di estorsioni. Viene fissta il processo contro di me, imputato per simulazione del reato di estorsione. Scrivo a varie autorità del mondo giudiziario e finalmente io vengo incluso come persona offesa assieme con gli altri che avevavo subito richiesto richieste estorsive da parte della stessa persona. Nel procedimento in cui ero imputato vengo assolto per non aver commesso il fatto. Anzi il Giudice scrive nella sentenza : se si fosse creduto al Maruca nel 1994, non sarebbero accadute le richieste estorsive del 1998. il Processo in cui sono parte ofesa si svolge mi sembra nel 2000. Sei anni per un processo in cui sono ora imputato ora parte offesa per lo stesso fatto. Nessuno mi ha risarcito del danno subito e delle spesse affrontate. Diceva un canzone sicikiana: " GUVERNU TALIANU T'ARRINGRAZIO ....SE PER CACARE NON SI PAGA DAZIO E PER FARSI UNA BELLA PISCIATA NON C'E' BISOGNO DI CARTA BOLLATA ". Tutto questo nell'ottocento....anche ora la storia continua... Italiani, mazziati e fessi secondo i governanti. Visitate il mio sito per questa vicenda e altre dello stesso tenore: http;//utenti.lycos.it/gmaruca1 gaetano maruca
    lucianopetrullo .
    leggo pe la prima volta questo blog, e ci trovo fatti a me vicini, e commenti ben condivisibili. Mi associo al coro di protesta, anzi al trio di protesta. Chissà mai se diverrà una orchestra.
    margherirosa .
    Mettiamola così: ovvero moltissimissimi italici frequentano il presente blog; e pochissimissimissimi lasciano il proprio commento; è come se da noi, lungo lo Stivale e Isole annesse e connesse, vigesse una sorta di clima da far west o meglio ancora come fosse un megasaloon dove campeggian-dettano legge quei cartelli che recitano “non voglio noie nel mio locale” “non sparate sul pianista” e via così e coniugati in concreto però da ogni avventore…e non dal proprietario del locale stesso ! questa è la stranezza vera, tutta italica; è quel disinteresse, per le storie comuni; cui fà da contraltare “Sporta-a-sporta” mi pare di un certo di Vespa... e dove quella s di troppo non è affatto casuale perché ognuno degli ospiti riesce ad ogni “puntanata” [come direbbe il Frassichino] a portare un pochino di spesa a casa…, che pure non è poco, di questi tempi. In pratica agli italici piace divertirsi nel mega-saloon e non vogliono distrazioni, di sòrete, come avrebbero detto nei migliori avanspettacoli di una volta. La differenza in fondo, e forse, è solo tutta lì ? Nel frattempo mi fa molto piacere che sia stato restituito ai legittimi proprietari, tutto quel materiale informatico, computer e altro, sequestrato appunto nell’àmbito dell’inchiesta; è solo un atto tecnico? come dicono, e direbbero, coloro che masticano poca-assai di cose e procedure legali... o forse è già qualcosa di più importante e significativo ? Saluti. Antonio Pace - Avigliano [Potenza]
    piccenna .
    Gent.ma Signora Olivia, se lo ritiene opportuno e se non vi sono altri impedimenti che Lei conosce, Le sarei grato se potesse fornirmi la documentazione del "fatto" di cui ha scritto. A mio avviso, è fondamentale far conoscere fatti, nomi e cognomi dei magistrati che si avventurano oltre la soglia della decenza. Anche per evitare le generalizzazioni che danneggiano tutti, compresi quei magistrati (non sembrano molti) che lavorano in coscienza e abnegazione. Cordiali Saluti Nicola Piccenna (Capo Banda) 333.9089153
    Olivia .
    Un commento all'intervento di Gino Fiore, che mi sembra molto molto appropriato. Forse bisognerebbe cominciare a chiedersi quali sono i problemi della Magistratura oggi. Chi se lo chiede è una persona che, dopo aver dato fastidio a certi comitati d'affari e poteri forti, si è ritrovata rinviata a giudizio per un'accusa platealmente falsa. Ma quel che è più grave è che i documenti che dimostravano tale falsità erano agli atti del PM !
    lorec .
    www.ilsensodellamisura.com
    gino fiore .
    CARO OLIVIEVO, NOTO COME SEMPRE CHE IL TUO BLOG E' POCHISSIMO COMMENTATO, FIGURIAMOCI SU QUESTI FATTI. IN MERITO ALLA QUESTIONE DELL'AVVISO DI GARANZIA AI GIORNALISTI, TRA QUESTI L'AMICO CARLO VULPIO, MI CHIEDO SE ESSERE ANCHE AMICI DI QUESTI TIPI STRANI DI GIORNALISTI, COMPORTI PERQUISIZIONI DOMICILIARI. FATEMELO SAPERE COSI' MI ORGANIZZO. NOTO CON MOLTA SORPRESA CHE CHI RIPORTA I FATTI, VIENE PERSEGUITATO DALLA MAGISTRATURA, E ANCORA PIU' STRANO CHE LA MAGISTRATURA INDAGHI E INTERCETTI UN'ALTRA MAGISTRATURA. MA STIAMO PARLANDO DI DELINQUENTI O DELLA LEGGE? CASO MOLTO SIMILE SUCCEDE AD UNA RADIO DI ALTAMURA, RADIO REGIO, CHE DENUNCIA MOLTI FATTI GRAVI DI INTRECCI TRA POLITICA-AFFARI-MAFIA, E HA SUBITO OLTRE 20 PERQUISIZIONI DAI PIU' DISPARATI ORGANI DI CONTROLLO, ED E' STATO IL PRIMO CASO DI CHIUSURA PER 2 MESI, ED E' STATO RINVIATO A GIUDIZIO PER DIFFAMAZIONE A MEZZO RADIO. AUGURO AI VERI GIORNALISTI DALLA SCHIENA DRITTA, UN FUTURO MIGLIORE IN UNA CITTA' LIBERA.
    margherirosa .
    Egregio signor Piccenna, due brevi righe che Le scrivo per dire solo questo: fottutissima la costante disattenzione di una parte, sì purtroppo significativa, della Società e dell’opinione pubblica-giornali, nel sottovalutare l’importanza di queste vicende che non sono solo personali. Invece semplicemente straordinaria la sua ironia; è anche con questa piccola / grande arma, intelligente, che si vincono non soltanto le cosidette scaramucce e ci si toglie degli sfizi, ma si contribuisce a svegliarne le coscienze un tantino sopìte e sia dei più distratti o timorosi. Saluti. Antonio Pace - Avigliano [Potenza]

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook