• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > 6 ottobre 2007: tutti in piazza farnese a roma
    04
    ott.
    2007

    6 ottobre 2007: tutti in piazza farnese a roma

    Condividi su:   Stampa

    da Namir.itDOPO IL GRANDE VDAY DI GRILLO - la classe politica attuale attende come avviene sempre in questa societa della DISINFORMAZIONE dove tutto si divora e si dimentica... che torniamo a dormire - torniamo davanti alla tv a berci le loro sciocchezze - i loro intrecci con l'economia - il loro menefreghismo alle nostre richieste - all'attuale disperazione sociale che attanaglia soprattutto le classi non ricche.SABATO QUINDI TORNIAMO A MANIFESTARE PER DECIDERE COSA FARE: 6 OTTOBRE 2007 ALLE ORE 15,00 TUTTI IN PIAZZA FARNESE A ROMA.

    NE ABBIAMO PARLATO IN UNA INTERVISTA CON IL GRANDE GIORNALISTA OLIVIERO BEHA
    uno dei promotori dell’iniziativa – insieme a F.PARDI – E.VELTRI – R.ALAGNA.NE ABBIAMO PARLATO IN UNA INTERVISTA CON IL GRANDE GIORNALISTA OLIVIERO BEHA
    uno dei promotori dell’iniziativa – insieme a F.PARDI – E.VELTRI – R.ALAGNA.
    per ascoltare l’intervista clicca sul sito sotto riportato e poi sul manifesto del 6 OTTOBRE

    http://artenamir.interfree.it

    LA REDAZIONE NAMIR SOSTIENE E PARTECIPA ATTIVAMENTE A QUESTA INIZIATIVA PERCHE’ PENSA CHE DALLE PAROLE BISOGNA NECESSARIAMENTE PRODURRE FATTI – quindi saremo in piazza anche noi a sostenere la nascita di una LISTA DEI CITTADINI – ricordando che
    SE NON TI INTERESSI DI POLITICA LA POLITICA CON I VARI INTRECCI ECONOMICI – SI INTERESSA COMUNQUE DI TE – DEL TUO FUTURO – DEL TUO PRECARIO LAVORO – DELLA TUA VITA…e’ ora di ribaltare questa vergognosa situazione …e dipende da noi.
    TUTTI A ROMA – IN PIAZZA FARNESE  – IL 6 OTTOBRE 2007 – ALLE ORE 15,00
    giornale namir – redazione.per aderire comunque CONTRO L’ATTUALE POLITICA – anche se non puoi venire a roma – invia tuo nome e cognome eta’ citta’ professione a – giornale@namir.it e soprattutto comunicaci cosa ne pensi. pubblicheremo il tutto.

     commenti
    Commenti
    8
    Lascia un commento
    gennaro guida .
    Per un movimento nuovo: perché e come Una proposta dal Cantiere per la Toscana Di fronte al quadro desolante che offre il paese, l'idea di voler costituire un soggetto politico nuovo, in grado di concorrere fattivamente al risanamento della società, non è di per sé originale, ma nemmeno peregrina: in molti si stanno occupando di un simile progetto, dai politici di professione, variamente impegnati nei loro più o meno sinceri tentativi di rinnovamento, fino agli esponenti della cosiddetta società civile della più disparata provenienza, dalle sale ovattate dei templi della cultura alle allegre atmosfere del cabaret. Ma, purtroppo, finora non si avverte alcun segno di effettiva inversione di rotta: quando va bene, siamo di fronte a banali interventi di maquillage. Aleggia il sospetto che gli attuali detentori del potere diffondano rumorosamente lo slogan del cambiamento affinché, come al solito, nulla cambi, mentre i movimenti spontanei non sembrano in grado di indicare quale debba essere il nuovo con cui sostituire il vecchio. Anche il nostro movimento partecipa a questo tentativo. E lo fa con la consapevolezza che per poter compiere con successo i primi passi occorre innanzitutto essere credibili e, subito dopo, avere veramente qualcosa da offrire. La gente è stufa dell'esistente. Ma non si fida di quanti a chiacchiere prospettano il nuovo. Sospetta, e troppo spesso ne ha avuto la conferma, che chi propone, a parole, il cambiamento, in realtà miri soltanto a sostituirsi al vecchio e a perpetuare l'andazzo. Per parte nostra siamo consapevoli che questo spregevole quanto diffuso disegno possa potenzialmente annidarsi anche fra noi e non millantiamo primati in fatto di purezza. Perciò vogliamo proporre regole che, come suol dirsi, taglino la testa al toro. Regole che nessuno, nell'attuale panorama politico, osa evocare, regole democratiche, pacifiche e condivise che faranno di ciascuno degli aderenti al movimento un protagonista, ma non conferiranno a priori il potere ad alcuno. Nel nostro movimento, ogni incarico verrà assegnato mediante estrazione a sorte fra tutti gli aderenti: dalle mansioni interne alle candidature alle cariche pubbliche. Con questa proposta fondante che, beninteso, saprà difendersi democraticamente non solo dagli opportunisti, ma anche dai deficienti, vogliamo presentare il 6 ottobre prossimo a Roma, in Piazza Farnese, un Movimento che provvisoriamente abbiamo chiamato Lista Civica Nazionale. A celebrare l'evento sono invitati tutte le donne e tutti gli uomini che vivono nel nostro paese. Ciascuno porterà il proprio patrimonio di idee, di programmi, di valori. E insieme concorreremo a inventarci un nome, a stilare uno statuto, a eleggere chi dovrà rappresentarci, scegliendo fra tutti gli aderenti, senza candidature precostituite di notabili e di papabili. Al giorno d'oggi non ci sono altre strade. Il percorso sarà difficile, ma l'entusiasmo di ciascuno di noi, protagonisti di questa avventura, l'intelligente utilizzo delle risorse tecnologiche moderne, il saggio consiglio dei promotori di questa iniziativa e di quanti, da pari a pari, vorranno mettere a beneficio comune le loro maggiori risorse tecniche e culturali, ci saranno di aiuto in questa ardua, ma affascinante impresa. Gennaro Guida - Il Cantiere – Coordinamento della Toscana
    angela b. .
    carissimi beha/alagna/pardi/veltri, sabato scorso ero a roma e ho apprezzato l'atmosfera della piazza: siete riusciti nonostante il tempo non favorevole a creare un'atmosfera politica realmente nuova perchè aperta ad interventi veloci e chiari, ad idee comuni contro le ideologie, a progetti praticabili e non voli pindarici, alla logica contro la ingannevole retorica. e mi sono sentita bene in mezzo a voi diventando parte integrante del vs movimento di "buona e fattiva democrazia". spero di poter contribuire nel mio piccolo a mantenere in vita qst inizio di rinnovamento affinchè possa evolvere e attecchire sempre più nei differenti contesti del territorio. grazie ancora, angela
    Dario Erre .
    Ieri ero presente in Piazza Farnese. Sono venuto fino a Roma partendo dal Limes del Friuli Venezia Giulia con l’intenzione di capire se esiste in Italia un “mondo”, un ambiente, una linea di pensiero, insomma un qualcosa in grado di raccogliere le mie istanze a cui io possa fare riferimento per le prossime elezioni politiche. Persone che abbiano il coraggio di battersi per la libertà, il pluralismo, la trasparenza, l’uguaglianza...In particolar modo dinnanzi alla legge, l’efficienza, la legalità, la difesa dello Stato di diritto e molte cose ancora. www.cercasicasaincuicollocarmiconlemiidee.it (it sta per Italy perché all’estero qualche punto di riferimento mi è rimasto). La risposta è SI, queste persone esistono ma operano in modo disgregato e autonomo. La LISTA CIVICA NAZIONALE vorrebbe mettere assieme queste realtà per dare delle risposte politiche concrete. Così come stanno le cose penso che aderirò volentieri a questa iniziativa e d’ora in poi mi adopererò affinché possa avere un seguito adeguato. Ho ascoltato molti interventi, tra i BIG ottimo Oliviero Beha che svolgeva anche il ruolo di moderatore, bravo Pardi e addirittura emozionante quello di Veltri, con il quale se potessi scambierei la pelle tanto mi riconosco nelle cose che dice. Un discorso a parte va fatto per l’ottimo Roberto Alagna con il quale ho avuto modo di scambiare quattro battute. Alagna ha portato ad esempio la gestione Illy sulla sanità nel Friuli Venezia Giulia. Ovviamente, essendo Illy un mio conterraneo ed essendo questa una gestione che provo sulle spalle, questo non poteva che innescare in me alcune riflessioni che avrò modo, immagino, di approfondire nei prossimi giorni anche su questo blog. Un saluto a tutti quelli che erano presenti. .
    Bianca Sacher .
    Ammetto di essere molto delusa che già oggi non ci sia un commento sulla manifestazione di ieri. nel forum di discussione di Annozero ho postato una discussione sul tema e queste sono le mie impressoni sulla giornata di ieri. Premesso che a me avrebbe fatto molto piacere se ci fosse stato il pienone, ma a me definirlo un successo mi pare eccessivo. La piazza era riempita (con spazi molto larghi. La gente insomma non era ovviamente "stipata" dato lo spazio rimanente) per un terzo, volendo andarci larghi per la metà, entro cioè delle incredibili transenne che non so perché siano state messe. C'erano peraltro incredibilmente tre camioncini (come si chiamano?) della polizia (chissà cosa pensavano accadesse! Forse avevano preso per oro colato quella str...ta detta dal direttore del TG2 Mazza sul rischio che qualcuno sparasse!). Benché abbia atteso parecchio ma due ore dopo la gente non aumentava (e sarebbe stato strano visto che la pioggia aumentava). Peraltro i manifesti per pubblicizzare la manifestazione erano parecchi per Roma. Persino una attivista accanita che conoscevo se n'è andata prima del tempo perché s'era stufata. Del resto l'ordine degli interventi era piuttosto monotono. Non credo si organizzi in questo modo una manifestazione efficace (una sequela di interventi perloppiù simili - a parte quello vibrante dell'assessore napoletano che raccontava come per le liste a Nola del PD veltroniano sia stato scelto un personaggio assai ambiguo mi pare collegato alla camorra) senza una scaletta efficace e differenziata degli interventi (sempre via associazioni conosco Laura Belli e francamente mi è sembrata una ossessa). Vabbè, speriamo per la prossima volta.... Oggi non ho potuto postare le foto perché non trovavo il cavetto di collegamento. Domani si potrà valutare con maggior cognizione di causa forse....
    sandrone .
    E' stata una manifestazione interessantissima, grazie a tutto per l'impegno manifestato. E poi... come si dice... manifestazione bagnata manifestazione fortunata!
    iskra58 .
    finalmente ieri a Piazza Farnese ho visto volti nuovi e finalmente parole nuove ottima manifestazione
    Carlo_1973 .
    Salve Oliviero, non riuscirò a venire a Roma purtroppo. Spero di riuscire a seguire l evento sul web. In bocca al lupo per tutto. Carlo T.
    ippodrillo .
    Egregio dott. Beha troverei utile nell'incontro di domani che alle seguenti domande fossero date risposte. Perchè una lista civica e non un partito? (domanda che ne presuppone un'altra: cos'è una lista civica e cosa un partito?) Per ragioni di bilancio o ragioni squisitamente politiche perchè più funzionali agli obiettivi? Nel deserto dell'apatia della destra e del centro ( mi riferisco alla società civile che in questi valori si identifica) nel trovare nuove soluzioni,come la vostra, per una vera riforma del Paese, come vi ponete nei confronti degli elettori di destra e di centro che non si riconoscono più nei partiti tradizionali? Arrivederci e buon lavoro.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook