• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Piazza farnese battezza la lista civica
    08
    ott.
    2007

    Piazza farnese battezza la lista civica

    Condividi su:   Stampa

    Sabato in piazza Farnese alle quindici sotto un cielo piovoso c'erano tremila persone, per partecipare alla manifestazione organizzata dalla Lista Civica Nazionale. Sopra il palco, oltre ai promotori, si sono susseguiti decine di rappresentanti delle più diverse realtà sociali. C'erano la rappresentante del movimento "no Dal Molin" di Vicenza, il comitato "No coke" di Civitavecchia, i bloggers di CittadiniAttivi.it, il MeetUp dei "grillini" di Lecco: con Beha, Veltri, Alagna e Pardi hanno dato il loro appoggio alla nascita della Lista Civica Nazionale, che sembra ormai prossima a vedere la luce in forma concreta."Al punto in cui siamo oggi - ha concluso Elio Veltri - la manifestazione ha raggiunto un obiettivo e ha messo un punto: la lista civica nazionale si farà".

    L’idea è chiara: creare una lista civica nazionale che possa candidarsi a portare in Parlamento la società civile, come vera alternativa elettorale alla “casta”. Il sentimento diffuso è che questo soggetto politico dovrà essere al di fuori del sistema dei partiti e staccato sia dal centrodestra che dal centrosinistra, per dare voce ai cittadini che da questa politica della casta non si sentono più rappresentati. Un soggetto ben preciso e organizzato dunque, ma costruito su quali basi? I punti fondamentali li ricordano gli interventi dal palco: la riforma del sistema dei partiti, la rimozione dei conflitti di interesse e la riduzione dei costi della politica. Non è certo sufficiente per essere un vero programma, ma i promotori non vogliono scendere nel dettaglio: si riservano di costruire il programma con l’apporto di quanti vorranno impegnarsi in questo progetto. Apertura ad ogni proposta dunque, ma anche un modo di mettere in pratica la famosa “democrazia partecipata” di cui tanto si parla e un percorso “per creare insieme le regole per garantire trasparenza alle primarie per questa lista”. “Qui – ha spiegato in conclusione Roberto Alagna – non ci sono dirigenti e chi vorrà candidarsi dovrà sottoporsi alle primarie”. Un netto taglio, dunque, rispetto al modus operandi delle segreterie di partito, accusate dal palco di piazza Farnese di ben poca democraticità: “E chi non è democratico al proprio interno non può essere garante di democrazia nella società”, ammonisce Veltri.A cercare di chiarire i rapporti con Beppe Grillo è Oliviero Beha: “Beppe va bene come detonatore, ma poi dalla protesta si deve passare alla proposta diffusa della gente comune che deve riprendersi questo Paese, noi siamo a metà tra il popolo delle caste e quello dei vaffa”. Così si prova ad abbassare il tono di una polemica che può fare danno ai nascenti movimenti. In piazza c’è qualche MeetUp, soprattutto dalla Lombardia, dal Lazio e dalle Marche, a testimoniare che i gruppi nati sul territorio locale, ben lontani dall’essere solo cassa di risonanza del comico genovese, sono dotati di autonomia di pensiero rispetto alle proposte politiche che giungono da più parti. Il prossimo passo, annunciano dal palco, sarà l’organizzazione in ogni regione di appuntamenti in piazza, culminanti in una manifestazione a Roma il primo dicembre. Ora ci saranno due mesi per scoprire se questo progetto riuscirà ad affascinare la società civile e a darle rappresentanza, o se sarà sepolto dai sentimenti di divisione, male storico di ogni movimentismo.Fonte: http://www.rivistaonline.com——————-Nasce “Lista civica”, il partito di Grillo?da l’Unità di oggiNonostante la pioggia, moltissime persone hanno raggiunto Piazza Farnese, a Roma, per la manifestazione nazionale delle “Liste civiche per il rinnovamento della politica”. Secondo gli organizzatori, tra Campo dè Fiori e Piazza Farnese ci sono almeno tre mila persone. Sul posto è stato montato un palco sul quale si alternano gli interventi degli organizzatori. Tra i cittadini arrivati alla manifestazione, qualcuno ha esposto striscioni inneggianti al movimento nato dopo il V-day di Beppe Grillo. Un manifesto che campeggia sulla piazza inneggia a Michele Santoro.

    Tra gli organizzatori della manifestazione Elio Veltri, Roberto Alagna, Oliviero Beha e Francesco Pancho Pardi. «Oggi nasce la lista civica nazionale. La proposta è di mettere insieme le liste civiche, i girotondi e il movimento di Beppe Grillo in un grande contenitore politico, per fare ciò che il ceto politico non riesce a fare» ha detto Alagna. Per Oliviero Beha «bisogna passare dalla protesta a una proposta diffusa». Nelle intenzioni degli organizzatori questa è solo la prima delle tappe. Ne seguiranno altre in ciascuna regione e il 1 dicembre si terrà una grande manifestazione a Roma per «darci delle regole» ha affermato ancora Alagna.
    «Abbiamo di fronte un’oligarchia. Per contrastarla è necessario introdurre una logica per cui il mestiere del politico non sia a vita». Lo ha detto Francesco Pancho Pardi, durante il suo intervento alla manifestazione di presentazione della Lista civica nazionale. «È necessaria anche – ha continuato Pardi – una riforma della politica incisiva, che stabilisca incompatibilità tra cariche elettive e cariche di rilievo pubblico».
    Alagna ha poi annunciato che manifestazioni come quella di oggi si terranno in tutte le regioni d’Italia e che il primo dicembre, dopo due mesi di dibattito telematico, si terrà una grande manifestazione a Roma «per creare insieme le regole per garantire trasparenza alle primarie per questa lista. Qui – ha spiegato in conclusione – non ci sono dirigenti e chi vorrà candidarsi dovrà sottoporsi alle primarie».
    Elio Veltri è stato l’ultimo dei quattro promotori a intervenire sul palco e a ricordare i tre pilastri sui quali deve fondarsi la riforma della politica: la riforma del sistema dei partiti, la rimozione dei conflitti di interesse e la riduzione dei costi della politica. «Al punto in cui siamo oggi – ha concluso – la manifestazione ha raggiunto un obiettivo e ha messo un punto: la lista civica nazionale si farà».
    ———————- 

     commenti
    Commenti
    17
    Lascia un commento
    brighella .
    Per favore aiutate PINO MASCIARI, sta attraversando un momento difficile. Dopo 10 anni di coraggio e di lotta contro la criminalità organizzata, l'osteggiamento e il mobbing continua. E' una questione di giustizia... che oggi è toccata a lui domani chissà... Andate sul suo sito (http://pinomasciari.altervista.org/?p=276) e lasciategli un commento per favore. Grazie.
    rob .
    la mia opinione è che il sito sia oramai morto così come la forza di promozione di Beha, lo dimostrano i dati il sito di grillo parla con 500.000 persone al giorno, quello di Beha neanche con 500, mi spiace in quanto lo ritengo sicuramente un valido giornalista, forse i tempi sono cambiati. Rob
    liolà .
    Con tanta amarezza dico: finalmente si è fatto il grande passo! Perché con amarezza? Perché credo che si siano persi due anni preziosi, aspettando la benedizione di chissa chi e illudendoci fino alla vigilia delle ultime elezioni politiche che da parte di Prodi ci sarebbe stato l'appoggio che invece non c'è stato. Io, che vivo e opero come rappresentante del movimento di "Primavera Siciliana"( nulla a che vedere con l'Orlando narciso di oggi, per carità) in una delle provincie più difficili d'Italia (Trapani) e che conosco uomini e cose del centro sinistra e non solo, con grande immodestia, oggi, come allora, sostengo che il grande passo andava fatto in quella occasione adoperando un poò più di coraggio. E confesso anche che provo oggi un pò di fastidio per essere considerati come quelli che avrebbero appreso la lezione da certe cose positive sostenute da Grillo e di averne carpito il copyright! Ad ogni buon conto, megli tardi che mai e cerchiamo di accelerare i tempi, con la consapevolezza che tutto sarà più difficile se non useremo l'arma della concretezza sollevando i problemi quotidiani della gente. Che sono tantissimi, credetemi.
    Ghibli62 .
    Io penso che due mandati siano sufficienti per i parlamentari e che si debba tenerne conto anche per la carica di Premier. In special modo il premier deve rispettare i due mandati.
    petruff .
    Caro Oliviero, l'inzitiva e meritoria bisogna solo stare molto attenti a tutti i riciclati dei partiti che pur di restare a galla sono disposti a vestirsi da civici e a sotenere tutte le proposte per riformare la politica (anche se poi si comportano in modo diverso). Ad esempio nella manifestazione di sabato 6 ottobre uno dei partecipanti più convinti e vicino a Roberto Alagna è l'ex sindaco di Montelibretti (Roma) Pasqualino Imperi, politico di lungo corso ex PCI, che alle ultime elezioni, nonostante avesse già ricoperto la carica di sindaco per due mandati, si è candidato per la terza volta alla faccia del rinnovamento della politica. Lo stesso Alagna durante la campagna elettorale appoggiò il terzo mandato contravvenendo alla legge. Ora però entrambi sono d'accordo sulla proposta di modifica della legge che richiede il terzo mandato pr tutte le cariche istituzionali
    faldo .
    Carissimo Oliviero, sono approdato alla "lista civica" attraverso la lettura del tuo blog e del libro Italiopoli. Sono più di due anni che seguo con passione le battaglie di Beppe Grillo. Settimanalmente ne stampo il suo periodico "La settimana" e a casa mia lo si legge e lo si discute. Leggo quotidianamente il blog di Beppe Grillo, di Oliviero Beha, di Chiare Lettere (Il cannocchiale) dove trovo gli interventi di Marco Travaglio, Pino Corrias e Peter Gomez. Tutto questo mi porta a notare una certa condivisione di idee e di contenuti all'interno vari blog. Ora ho una domanda da farti, perchè Beppe Grillo, dopo essere stato tra i primi firmatari del manifesto della "Repubblica dei Cittadini" ora se ne è "distaccato"? Una FORZA mediatica come la sua sarebbe stata di grande utilità nel pubblicizzare l'evento di Piazza Farnese prima e ancora più oggi per rendere pubblico quanto di buono è emerso. Ritengo che per raggiungere gli scopi "onorevoli" proposti nel manifesto per la riforma della politica si debba necessariamente essere uniti e solidali. GRAZIE e a presto. Aldo
    TAGLIAFERRILUCA .
    Ci sara' da lavorare molto, ma il terreno della cittadinanza è molto fertile e darà i suoi frutti. Un fraterno saluto Luca Tagliaferri - Borgo San Lorenzo FI - Lista Civica Libero Mugello.
    csta79 .
    Ancora una volta Mastella da prova di arroganza quando dice che nonvuol farsi processare dalla piazza, ma a me pare che non voglia neppure che la Giustizia faccia il suo corso con tranquillità e correttezza. Se DeMagistris commetterà errori il CSM sarà garante per l'eventuale presunto imputato. Non si può continuare a fare di tutta l'erba un fascio,ma i singoli casi, se sono riconosciuti come tali, vanno perseguiti. Saluti Costa
    Ghibli62 .
    Mi sono iscritto appena adesso ma l'idea di una lista civica a democrazia partecipativa mi sembra assai interessante. Come al solito la TV non ne ha parlato: noi veniamo a sapere le vicende sessuali della Handerson, ma non sappiamo poi nulla delle cose che ci interessano molto direttamente..Ascolto qualche rete radiofonica privata e mi fa orrore il messaggio che si cerca di far passare: la rete e le chat come fonte di probabili stupri, come se lo stupro che avvenisse ai danni di una donna da parte di un conoscente fosse "qualitativamente" più accettabile!! Siamo paragonati ad una razza inferiore, quasi che ci sia ancora la "segregazione razziale"! Questa cultura è profondamente illiberale e va contro dei principi democratici: ovviamente, se questa maniera di pensare è predominante nel "palazzo", non può esserci che una cultura profondamente illiberale in economia e nell' informazione! Io sono profondamente contrario alla TAV, per esempio, e mi chiedo perchè mai non sia possibile utilizzare l' aeroporto di Malpensa (è sottoutilizzato) come hub per il trasporto delle merci da tutta Europa per tutte le destinazioni. La TAV si deve fermare lì, secondo me: forse si riuscirebbero a mantenere gli attuali posti di lavoro senza eccessive cure "dimagranti"! Nel comune pensare della politica "old style", c'era anche il vezzo di non lasciar pensare a possibili soluzioni ai cittadini, quasi fossimo dei deficienti! E con questo è stato parzialmente "ucciso" anche il nostro senso critico! Io non penso si debba aver paura di proporre anche qualcosa di strano o assurdo: perchè questo è per me il segno della vitalità di un popolo. Un saluto a tutti.
    lucy73 .
    E' stato interessante, civile e concreto. grazie a tutti.
    provedel .
    Carissimi promotori, ero in Piazza Farnese ieri. Grazie intanto per la passione e l’impegno che avete messo nell’evento. Grazie per aver invitato a parlare gli attori principali e cioè i cittadini attivi e produttivi. Grazie per aver confermato e rafforzato la volontà di sostituire l’attuale classe politica con cittadini attivi, responsabili e competenti. Vorrei inaugurare lo stile della “proposta” dando solo suggerimenti e valutazioni utili a procedere verso questi obiettivi. Inizio dalla comunicazione, intesa come informazione e coinvolgimento. Io la chiamo “espressione” perché deve avere anche una carica emozionale e trasmettere fiducia. E’ necessario ed urgente aprire nuovi canali di comunicazione a due sensi, che siano efficaci ed indipendenti; sono, a mio avviso almeno tre: 1. il blog della lista civica nazionale dove si esprimano azioni politiche di rilievo, in tempo reale rispetto ai bisogni sentiti dai cittadini. Esempi ? biocarburanti e aumento dei prezzi degli alimenti primari (pane, latte); abusi dei Comuni nell’uso del territorio (banalmente i parcheggi gratuiti che non ci sono; se volete vi illustro il caso dell’aeroporto di Genova); abusi continuati sugli utenti di telecomunicazione (chiedete alle associazioni di consumatori quante sono le cause di privati contro gli OLIGOPOLI); occupazione dell’economia da parte del potere politico nelle migliaia di società controllate dalla PAL e dalla PAC (facciamo l’elenco dei consiglieri, verifichiamo i redditi-sono pubblici, identifichiamo le reti); e posso proseguire per due pagine, immagino che voi possiate per almeno quattro ! 2. pubblichiamo le denunce di fatti antidemocratici, illegali e violenti sulla rete mondiale Internet sui siti ad alta frequentazione (flickr, youtube, slideshare, eccetera); ossia sfruttiamo l’enorme potere di comunicazione della nuova frontiera di Internet, nota come WEB 2.0. Ho sperimentato, per motivi professionali, e posso assicurarvi che l’effetto è grandioso e stupefacente. 3. la televisione pubblica e non, specialmente le reti private locali, devono essere poste sotto assedio e devono dare spazio alla “espressione” dei cittadini; facendo molta attenzione a NON delegare le associazioni, che in molti casi sono oligarchie, con vecchi slogan e pensieri, senza alcuna creatività e forza. Sono i singoli cittadini che devono essere presenti. Se osservate le televisioni vi accorgerete che nei dibattiti c’è sempre il presidente di qualche cosa, MAI il cittadino esperto di, capace di, che ha fatto e così via. Non parliamo poi della ASSENZA TOTALE dei giovani, il più delle volte presentati come apprendisti e con benevolenza. L’energia, l’intelligenza della proposta, l’espressione deve venire soprattutto da loro. Avrei tanto da dirvi e tanto da darvi ma termino qui la mia prima collaborazione diretta alla vostra iniziativa che deve diventare, come avete anche detto ieri, la nostra lotta per ripristinare i diritti di libertà politica (azzerati dalla legge elettorale golpista e bipartisan), di libertà economica (negata dagli oligopoli e dalle mafie), di libertà sociale (ostacolata da associazioni pilotate dal potere economico). Renzo Provedel
    fabio_marzella .
    Sabato non ho potuto esserci fisicamente, ma sono molto vicino ai vostri intenti e a ciò che proponete. Cercherò di partecipare e di diffondere le proposte.
    guy la sgrosce .
    Bravo Oliviero, un bel modo di presentare l'iniziativa. Far parlare gli altri e cioè tutti coloro che da tutt'Italia sono venuti a Roma (sorbendosi pioggia e temporali) per appoggiare la lista civica nazionale è stato un ottimo modo di gestire l'iniziativa. Pancho Pardi, Elio Veltri, Alagna e tu siete stati essenziali nei contenuti e nelle proposte. Ora bisogna unire l'Italia. Sono con voi con i miei mezzi per il raggiungimento dell'obiettivo. Sono venuto a Roma con copie del mio periodico indipendente Bar Condicio offrendo una semplice collaborazione a tutti i referenti accorsi. Mi auguro di poter raggiungere l'obiettivo di iniziare un nuovo percorso editoriale che dia voce locale con una forma (e contenuti) nazionali. Penso sia ora necessario istituire giornate di studio per operare al meglio in ogni parte d'Italia, per iniziative, comunicazione e orientamento del movimento. p.s. non ho comprato tutti i giornali ma tra questi il CORRIERE sia sabato che domenica NON HA MINIMAMENTE DATO NOTIZIA dell'evento... ora capisco i tuoi attacchi "velenosi" al CORRIERONE nei tuoi libri. Saluti e buon lavoro (ne avete bisogno). R. Cucciolla
    alberico4 .
    Ciao a tutti, sono stato a Piazza Farnese, ed ogni tanto inserisco degli articoli sul Blog...Per chi non c'era sabato, in questi giorni pubblicherò su YouTube e sul Blog alcuni video che ho realizzato...Mi hanno colpito tutti gli interventi e il fatto che il numero dei partecipanti aumentasse di minuto in minuto, nonostante la pioggia.
    csta79 .
    Come mi aspettavo la televisione non ha ritenuto di dover far vedere il successo che hai o avete avuto a piazza Farnese. Ma è necessario andare avanti ancora con forme democratiche di lotta magari più incisive e nuove.I parlamentari li abbiamo eletti noi e si riuniscono in un palazzo che utilizzano grazie ai nostri soldi pagate con le Tasse (almeno quelli che li pagano ). La RAI lo stesso. Allora che aspettiamo ad andare a chiedere di lasciarvi fare una trasmissione? Il canone lo paghiamo e pretendiamo di vedere le trasmissioni che ci interessano, come Anno Zero ed altre che potrebbero essere sollecitate dalla gente. Fate una petizione in tal senso. Coraggio, bisogna inventarsi nuove forme di lotta democratica. Andiamo in Parlamento e facciamo petizioni ed interrogazioni. Se il MInistro Di Pietro è con voi e con noi potr à intervenire e chiedere di farvi parlare con la ripresa in diretta! Saluti Costa
    faldo .
    Evviva!!!!! Grazie per il vostro impegno e la vostra serietà. Diamo la giusta dignità a questo paese. Grazie Oliviero. Aldo
    carlo_1973 .
    Complimenti Oliviero, ho letto in giro che è stato un grande evento , mi dispiace non esserci stato. A presto.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook