• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Rifiuti, scontri a pianura
    07
    gen.
    2008

    Rifiuti, scontri a pianura

    Condividi su:   Stampa

    da Corriere.itTensione altissima, lanciati sassi contro gli agenti. Nella notte cassonetti ribaltati nel centro di Napoli

    NAPOLI – Mentre i soldati del Genio militare iniziavano alle prime ore dell’alba la raccolta dei rifiuti su ordine del governo, le forze dell’ordine hanno sfondato il primo blocco stradale a Pianura, dove un centinaio di manifestanti del presidio anti-discarica ostruiva la circolazione. Agenti della polizia e carabinieri hanno aperto la strada ai 30 camion del Commissariato per l’emergenza rifiuti in Campania, ma questi non sono arrivati in quanto sono stati fatti tornare indietro. Era questa una delle condizioni della trattativa tra forze dell’ordine e manifestanti, una mediazione che i presidianti non hanno accettato perché non hanno voluto sgomberare la strada. Durante la carica sono stati lanciati sassi contro le forze dell’ordine, che hanno risposto con decisione. Un uomo che era salito su una pala meccanica è stato preso a manganellate. Tre in tutto i feriti leggeri. All’ingresso dell’area della discarica la tensione è altissima. I manifestanti hanno cosparso di olio alcuni tratti di strada e hanno rinforzato le barriere preparate nel corso della notte. SCUOLE DESERTE – Le forze dell’ordine presidiano gli ingressi delle scuole a Pianura, ma gli alunni non sono arrivati perché i genitori li hanno tenuti a casa per il timore di scontri. Durante la notte, davanti agli ingressi degli edifici scolastici sono stati rovesciati cassonetti dei rifiuti. La dirigente scolastica del 72mo circolo didattico ha spiegato che anche molti insegnanti non sono riusciti a raggiungere il quartiere, completamente isolato, e sono presenti a scuola solo i docenti residenti a Pianura.
    CASSONETTI RIBALTATI – In tutta Napoli alcuni ragazzini in motorino nella notte hanno ribaltato i cassonetti dei rifiuti, trascinandoli al centro delle strade per tentare di ostruire la circolazione. Sino a oggi questi episodi erano avvenuti prevalentemente a Pianura e nelle zone di periferia più provate dall’emergenza, ma lunedì sono accaduti anche nelle arterie principali e centrali del capoluogo campano. Le forze dell’ordine segnalano cassonetti ribaltati in corso Umberto, in via Giordano, in via Santacroce e in corso Vittorio Emanuele.
    RACCOLTA – Il Genio militare ha cominciato la raccolta straordinaria dei rifiuti a Caserta. L’operazione era stata annunciata domenica sera in seguito alla promessa del premier Romano Prodi, che ha garantito l’apertura delle scuole nelle province più colpite dall’emergenza. Nel comune di San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli, si procede invece alla raccolta dei rifiuti con mezzi ordinari. «Il Genio è sicuramente una misura, anche se è ovvio che occorre ben altro per risolvere alla radice un problema del genere», ha detto l’arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe, in un’intervista al Messaggero.
     

     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    Eduardo .
    Ciao Oliviero, volevo portarti la mia testimonianza, quella di un ragazzo nato e cresciuto a Pianura. Ecco la mia voce di dentro: http://edu2doto.wordpress.com/2008/01/06/pianura-quartiere-di-napoli-italia/
    Juvi Not .
    Molte persone hanno un'idea distorta del problema rifiuti in Campania. Devono informarsi meglio, lontano dai quotidiani e dai TG. ALLARME CIBI AVVELENATI IN TUTTA ITALIA. Guarda tutto il video. http://www.la7.it/blog/post_dettaglio.asp? idblog=ILARIA_DAMICO_-_Exit_15&id=1509

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook