• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > La disinformazione sul ”caso” de magistris
    19
    gen.
    2008

    La disinformazione sul ”caso” de magistris

    Condividi su:   Stampa

    Scusatemi la presunzione, ma sembra che una vera e propria campagna di disinformazione rischia di ottenere quel risultato nefasto che nemmeno tutti i poteri forti (e corrotti) non sono riusciti ad ottenere. Mi riferisco, ovviamente, all'annichilimento della persona, del magistrato e del cittadino Luigi De Magistris; e con lui le sue temute inchieste. Gli stessi suoi estimatori, coloro che ne apprezzavano la limpidezza e trasparenza istituzionale e umana, rischiano di concorrere a questo vero e proprio massacro mediatico senza nemmeno rendersene conto.

    Per cortesia smettiamola con l’indignazione, i proclami di vergogna, le dichiarazioni di sconfitta. Il Corriere della Sera (non so ancora gli altri) arriva addirittura a sostenere che De Magistris “non si sa a quali compiti sia assegnato”. Falso, letteralmente e tragicamente falso.Il Dr. Luigi de Magistris è ancora pm a tutti gli effetti; titolare dell’inchiesta “toghe Lucane” a tutti gli effetti; incardinato nella Procura della Repubblica di Catanzaro a tutti gli effetti. Non diciamo puttanate!Ci sono magistrati componenti della “disciplinare” del CSM che si sono sottoposti all’onta di aver accordato l’unanimità alla scellerata (vergognosa e infame) decisione sul magistrato solo per consentirgli di restare “in sella” per altri 6-7 mesi e poter concludere l’attività giudiziaria vera, quella su cui si misurerà concretamente e terribilmente questo coacervo di poteri deviati che ha tentato (inutilmente per ora) di metterlo a tacere. Non è un caso che Mancino perlava di “farlo fuori” e”Libero” oggi titoli “hanno ucciso De Magistris”.Per tutto questo, chiedo a ciascuno di diffondere, spiegare, far conoscere la verità; affinché la “gente comune” sappia che non è nulla perduto, che l’istanza di giustizia è più che mai attuale e vicina a trovare compimento.Non sono fortissimi, non sono imbattibili: i poteri deviati sono ormai allo sbando. Questa è la verità.L’ignominiosa uscita di scena di Clemente Mastella e tutta l’accozzaglia di pover’uomini alla sua scalcinata corte dei miracoli, la condanna di Cuffaro che aiuta alcuni mafiosi ma non la mafia (?!?), l’immondizia che sommerge l’incapace e corrotto Bassolino e la ciurmaglia che ancora lo sostiene,l’invereconda situazione del governo in cui il Premier, già indagato di suo, prende l’interim della giustizia il cui ministro si dimette perché indagato; ebbene tutto questo va spiegato ai cittadini, devono essere coscienti che siamo agli ultimi giorni di Pompei e farsi carico della ricostruzione dell’Italia. Cosa che non possiamo certo delegare a nessuno; men che meno all’attuale classe dirigente (politica, giudiziaria, imprenditoriale, professionale).Nei limiti del possibile ed anche dell’impossibile, fate circolare ilgiudizio del documento che vi allego e che troverete sul sitowww.ilresto.net in home page.Grazie e buon lavoro a tuttiNicola Piccenna

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook