• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > ”pezzo di m…”, rissa nell’udeu...
    24
    gen.
    2008

    ”pezzo di m…”, rissa nell’udeur e il senatore sviene

    Condividi su:   Stampa

    Il capo dei mastelliani Barbato aggredisce Cusumano che ha deciso di votare la fiducia a Prodi. "Traditore". Strano (An): "Frocio, checca squallida". De Gregorio: "Gli ha pure sputato". Lui dice: "Non l'ho trattato bene". La Finocchiaro (Pd): "Una barbarie".Barbato, l'altro senatore del partito di Mastella, aggredisce il collega. "Traditore" e prova a picchiarlo. L'ex Dc si sente male e svieneda Repubblica.itPer questo, in solitudine, voto la fiducia al governo Prodi". E' un attimo. Il senatore Nuccio Cusumano, democristiano agrigentino posteggiato sotto le insegne dell'Udeur di Mastella, finisce di parlare e nell'Aula del Senato irrompe come un cataclisma Tommaso Barbato, anch'egli senatore Udeur. Al grido di "pazzo di merda, traditore, cornuto", Barbato sale i gradini che lo separano dall'ormai ex amico e prova ad avventarsi sul malcapitato.

    Pochi minuti e l’aula della Camera Alta si trasforma in un bar da angiporto. Barbato è irrefrenabile. “Gli ha sputato” riferisce agli increduli cronisti il senatore De Gregorio. Il tutto mentre il seguace di Fini Nino Strano urla all’indirizzo del povero Cusumano: “Squallida checca”.
    Il presidente Marini, fatica a capire, i parlamentari dell’Unione più vicini all’insultato cercano di fare scudo ma le troppe emozioni hanno la meglio. Cusumano non ce la fa più e sviene, sostenuto a fatica dal vicino di banco. Arrivano i medici del Senato che portano via in barella il senatore colpevole di restare fedele a Prodi.
    Seduta sospesa e con essa la diretta televisiva che ormai ha mostrato a tutto il Paese la gazzarra. E mentre l’ormai ex Udeur in infermeria viene fatto rinvenire ed accudito l’aggressore, Barbato, sovraeccitato e rosso in faccia spiega: “Non l’ho aggredito, certo – sogghigna – non l’ho trattato bene. D’altra parte ha votato contro le decisioni dell’ufficio politico e quindi è un traditore”. Concetto ribadito anche dal gran capo, Mastella in persona. “Tradimento atroce”, lo definisce l’ex ministro indagato. “ma non parliamo più di lui, non è mica un eroe”.
    E in attesa delle possibili sanzioni che dovrà decidere l’ufficio di presidenza di cui, ironia della sorte, lo stesso Barbato è segretario, i senatori dell’Unione denunciano “la barbarie avvenuta nell’Aula del Senato della Repubblica”. E, ad aggiungere scherno ad una situazione già di per sé così incresciosa, ci pensa Fancesco Cossiga: “Mastella e Barbato, per carità: salvate il soldato Rayan, e cioè il povero Cusumano, che rischia di morire nella trincea, avendo equivocato gli ordini del capo…”. “Magari – aggiunge l’ex capo dello Stato rivolto a Clemente Mastella – fatevi dare cinque Asl in più in Campania…”.
     

     commenti
    Commenti
    6
    Lascia un commento
    akira .
    Vorrei anche io espatriare!Ma voglio resistere!Oggi la resistenza è il saper proporre le proprie idee liberamente,senza il timore ancestrale del rifiuto e dell'insabbiamento.Non voglio dimenticare che ,la demagogia del potere mass-mediale, ha reso le idee una sottoclasse della retorica.Prego me stessa di restare e combattere,giorno per giorno, per la mia patria..aveva ragione Battiato(povera patria,schiacciata dagli abusi di potere)Per non subire la non realtà, e demoralizzarsi voglio aderire ad un progetto sano e libero.Ho apprezzato molto l'iniziativa delle liste civiche.Essere uniti per ottenere i nostri diritti basilari,scritti da coloro che hanno scritto la costituzione,non significa negare lo stato.Ma la visibilità è importante!In breve,come in un gioco delle parti,si andranno a rioccupare i luoghi del potere informativo!(forse anche la libera informazione sul web?)Gentile Beha,lei che è uno dei promotori,non facciamo che tutto venga ingoiato dall'indifferenza e che passi sotto silenzio.Sono con lei.
    ippodrillo .
    Cusumano espulso dal partito per indegnità politica. Io proporrei all'Udeur di Mastella qualche espulsione per "indegnità morale." Come può un parlamentare della Repubblica agire come l'ultimo dei più beceri individui di periferia. Alla faccia della difesa dei valori cattolici. Violenza verbale e fisica. Io cattolico non mi sento per nulla rappresentato da questi signori. Ipocriti!
    canadese .
    direttive di partito non rispettate? MASTELLA la moglie agli arresti domiciliari e lui che fa' il paladino della giustizia, CUSUMANO grazie per la sua onesta'.
    AndreaP .
    Non rieco più a dormire, veramente... La gente normale si alza la mattina e va a lavoro per carcare di poter pagare il mutuo, di dare un futuro ai figli, di poter andare una volta al mese in pizzeria... per sentirsi un pò bene con la famiglia... E POI VEDE DEGLI IMBECILLI CHE NEL SENATO ITALIANO APRONO DELLE BOTTIGLIE DI CHAMPAGNE E MANGIANO PROSCIUTTO... NON è REALE QUESTO... I NOSTRI NONNI HANNO AFFRONTATO DELLE GUERRE... NON CI CREDO.. Oliviero, scusa se ti do del tu (mi piace poter credere di parlare liberamente) ma come è possibile tutto questo..?! La responsabilità di questo squilibrio è anche colpa nostra..? L'italiano, non può veramente cambiatre o è destinato a sopravvivere in un girone dantesco, con Caronte che gli corre dietro..?!
    veleno1970 .
    Il governo Prodi è caduto .. per chi cerca una VIA alternativa alla POLITICA(italiana)suggerisco di farsi un giro su: 24 Gennaio 2008 Liste Civiche, si parte Vai su www.beppegrillo.it/listeciviche Ve ne sarete accorti. Ogni giorno esce una notizia di distrazione di massa. Contrada, la legge sull’aborto, il Papa alla Sapienza. Le prime pagine dei giornali sono solo per loro. I giornalisti servi discutono solo di aria fritta. Sono titoli di copertura, nascondono la realtà. Servono per lavorare nell’ombra. Per evitare ogni cambiamento. Come è avvenuto dopo l’omicidio Moro nel 1978, dopo le stragi di Capaci e di via D’Amelio nel 1992 con le morti di Falcone e Borsellino. In seguito sono diventati presidenti del Consiglio i prescritti Andreotti e Berlusconi. La politica è un’attività di copertura del potere. La legge elettorale e il conflitto di interessi sono le vere partite su cui si gioca il destino del Paese. Di queste si deve discutere in diretta in Parlamento di fronte agli italiani. Da oggi il blog fa politica attiva con un sito dedicato alle liste civiche, al cittadino che prende in mano il proprio destino, il proprio Comune, la propria Regione. V-Day OGGI e SEMPRE! Liste civiche CERTIFICATE e POLITICI provenienti dal POPOLO SOVRANO! Fine delle trasmissioni ..
    lucy73 .
    Non è possibile, non possiamo davvero essere rappresentati da questa gentaccia, gente che neanche ubriaca in autogrill si comporta così, non ci posso credere. Me ne vogli oandare all'estero, basta.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook