• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > La cuccagna del voto anticipato
    29
    gen.
    2008

    La cuccagna del voto anticipato

    Condividi su:   Stampa

    UNA LEGGINA “BIPARTISAN” DEL 2006 STABILISCE CHE I PARTITI INCASSINO I RIMBORSI ELETTORALI ANCHE SE LA LEGISLATURA DURA MENO DI 5 ANNI – IN BALLO 300 MILIONI…Mariolina Sesto per “Il Sole 24 Ore” (tratto da Dagospia.com)C'è un motivo per il quale il voto anticipato conviene a tutti i leader nessuno escluso: se si andasse alle urne i partiti incasserebbero fino al 2011 rimborsi elettorali doppi. Sia quelli maturati per la quindicesima legislatura che quelli relativi alla sedicesima.Per le forze politiche la fine anticipata della legislatura si trasformerebbe in un business finanziario, per lo Stato in un aggravio di costi pari a circa 300 milioni di euro. E a poco vale a questo punto il taglio del 10% al fondo annuale per i rimborsi scattato con la Finanziaria: l'aggravio per lo Stato sarà di 270 milioni anziché di 300.

    I fondi elettorali di Camera e Senato ammontano infatti a circa 50 milioni di euro ciascuno e sono costituiti calcolando la cifra di 1 euro per ogni avente diritto al voto. Per le elezioni di aprile 2006 gli aventi diritto al voto erano precisamente 50.098.305 (47.258.305 gli aventi diritto al voto in Italia e 2.840.000 quelli all’estero). Da questo fondo ad ogni partito è attribuita una quota sulla base delle percentuali di voto ottenute.
    Una leggina ad hoc approvata con voto bipartisan a inizio 2006, poco prima di andare a votare, sancì il diritto dei partiti a continuare a incassare i rimborsi anche in caso di voto anticipato. Da qui l’affare: se la legislatura si esaurisce prima della sua naturale scadenza lo Stato deve comunque pagare le somme già maturate per tutti e cinque gli anni.
    Proprio in base a questa leggina Forza Italia ha potuto cartolarizzare i contributi che deve ancora riscuotere. Ed anche il Pd potrebbe avere la sua convenienza: Ds e Dl continueranno a incassare le risorse relative alla XV legislatura; il Pd avrà i fondi della XVI.
    «È evidente che se si fosse abolita la norma inserita nel febbraio 2006 si potevano risparmiare circa 100 milioni all’anno, che invece saremo costretti a spendere se le Camere verranno sciolte a giorni – calcola Silvana Mura, deputata dell’Idv –. Cosa che avevamo ampiamente annunciato e che per ben due volte abbiamo cercato di evitare con degli emendamenti alla finanziaria 2007 e 2008». «Purtroppo –commenta con amarezza Mura – questo non è stato possibile per l’ostilità di tutte le altre forze politiche».

     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    titto .
    Ho appreso dai tg di Stato che il sig. Berlusconi finalmente ha risolto il suo problema nel processo SME, definitivamente, con una assoluzione. Durante un'intrvista ha detto che "giustzia e' fatta". sempre con quel sorriso che fa incazzare solo a vederlo. Il signorino aveva predisposto tutto dal 2002, con una legge ad personam.Mi piacerebbe tanto capire cosa pensano gli Italiani di questa vicenda!.Vorrei da parte Tua una opinione che considero autorevole. La mia e' da conati di vomito. Ti ringrazio anticipatamente, Titto.
    lauratina .
    Il nostro Paese la nostra Italia divorata da mostri dalle bocche fumanti.... Come canta Ligabue nella sua bellissima c'è sempre qualcuno che tenta di farsela.... Vi chiedo cosa possiamo fare per fermare tutto questo! Ormai indignarsi e gridare alla vergogna ha il suono stanco e reiterato di vecchie litanie. Mobilitiamo le coscienze più pulite, facciamo crescere il movimento delle liste civiche! Anche se vi garantisco aumenta il numero di persone che forse auspica qualcosa di più "forte". Al di là delle esternazioni dell'incartapecorito showman il cui nome comincia con la B e finisce in oni e di qualche, purtroppo per lui, riconglion... dalla malattia il cui nome comincia, guarda caso, con la b e finisce in ossi o delle dichiarazioni dei vari lacchè i cui nomi finiscono in ini. Altrimenti alla prossima legislatura ci ritroviamo il povero Cuffaro, eroe siciliano, riciclato con qualche incarico delicato nella squadra politica targata Casa delle libertà. Ma il povero Cuffaro non riesce a fare un giro dalle parti di Napoli e incidentalmente finire in qualche cassonetto di smaltimento rifiuti?L'importante è cominciare. Con tutto il rispetto ovviamente. Baciamo le mani!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook