• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Non per sbaglio ma per errore
    31
    gen.
    2008

    Non per sbaglio ma per errore

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, da l'Unità di oggiRingraziando il South Carolina per i suoi voti con un discorso appassionante di cui in Italia sembra siano arrivati solo gli echi più banali (che ci frega, di elezioni contano solo le nostre…), Barack Obama ha insistito anche sugli errori: ”Chi governa sbaglia per forza”, ha detto. Sbagli preventivi si direbbe, a voler ironizzare sul presidente americano guerrafondaio purtroppo in carica. Ma la questione dell’errore, e del riconoscimento dell’errore non come rischio ma come risultato di un’azione politica, è probabilmente tutta da decifrare. Vediamo come si collega alla precaria situazione pre-elettorale nostrana di immediato, breve o medio periodo, oggi di pertinenza del Colle.Non si ricorda a memoria d’uomo un intervento di un politico italiano che abbia detto non retoricamente e “urbi et orbi” qualcosa del tipo “e’ vero,mi dispiace, ho sbagliato, per i seguenti motivi”. Lo fanno negli Usa, in Francia, in molti Paesi,ma da noi no. La spiegazione corrente è che ammettere di aver sbagliato indebolisce chi lo fa e rafforza dialetticamente il suo avversario. Sarebbe estraneo alla mentalità (poco sportiva, solo tifosa?) italiana l’apprezzamento della resipiscenza di un uomo pubblico che ti deve rappresentare. A nessuno viene neppur lontanamente in testa di “lavare i panni in Arno” mediaticamente o parlamentarmente – è la stessa cosa - perché l’immagine del politico che lo facesse rimarrebbe impressa come quella di uno dai panni sporchi,non di uno che intenda lavarli. Qualunque obiezione a questo tipo di ragionamento viene solitamente bollata come “utopistica”.

    Mi chiedo se di fronte alla prospettiva di elezioni politiche nelle condizioni tremende (della politica,del Paese) in cui versiamo,con questa legge elettorale o con un’altra,subito o più tardi,non ci sia data l’opportunità di sfatare questo principio e di cambiare modo di pensare.Del resto uno che non è nel Pantheon del PD,eppure qualche merito lo rivendica,come Albert Einstein,diceva che “non si può pensare di risolvere i problemi con la stessa mentalità che li ha originati”.E dunque perché non tentare?Ovviamente il discorso varrebbe per chiunque,ma figuriamoci se il cosiddetto centro-destra dalle fauci spalancate ha intenzione di cambiare qualcosa,a partire dal riconoscimento, che parrebbe elementare, del fatto che l’attuale stato del Paese dipende anche dai cinque anni del suo governo e la legge elettorale è stata comunque proposta e imposta dalla maggioranza berlusconiana a colpi di porcate calderolesche.Quindi non si pone il problema di un qualunque autodafè per questa destra la cui mano sale garrendo per il saluto romano o corre prima al portafoglio che a qualunque altro organo del corpo umano.E’ agli altri,al PD,ai partititini dell’ex maggioranza,a coloro che hanno governato fino ad ora che si potrebbe chiedere un salto di qualità in questo senso.Dicano pubblicamente dove hanno sbagliato,invece che recitare la parte di una maggioranza tradita costretta alla peggio allo storico ruolo di “povero oppositore onesto” dalemiano di fronte alla prepotenza del Caimano.Dicano come hanno fatto ad accettare magari godendone in privato questa legge elettorale senza fare le barricate ovunque,ammettano come e perché gli è convenuto.Dicano perché hanno fatto passare leggi discutibili in questa legislatura e abbiano dimenticano di cancellare le leggi-vergogna sulla cui rimozione avevano fondato la campagna elettorale or sono due anni soltanto.E via così,riassumendo il tutto in un epigrafico “è vero,abbiamo sbagliato”.C’è una serie di ragioni non strettamente e solo etiche,ma politiche,di comunicazione e di marketing (almeno queste due voci di solito li trovano attenti se no astuti come sono non avrebbero scambiato un Davi per un Seguela…),che mi spinge a tirar fuori questa storia degli sbagli da ammettere in funzione di una campagna elettorale propositiva.Intanto,c’è una tale delusione e sfiducia nel campo di Agramante della cosiddetta sinistra che a cambiare tattica non si rischia nulla.Peggio di così…Poi, di fronte a una disfatta politica prima di tutto emozionale,forse rispondere intanto sul piano emozionale con un catartico “è vero,abbiamo sbagliato” avrebbe una possibilità anche elettorale significativa.Infine gli errori dell’attuale maggioranza sfiduciata sono così abbarbicati a quelli dell’opposizione berlusconiana,che fare chiarezza sulle proprie clamorose cantonate storicizzandole e togliendole dall’epidermide della cronaca (giudiziaria e non ) contribuirebbe istantaneamente ad accendere i riflettori su tutto il palcoscenico italiano abitato da una classe dirigente fallimentare,centro-destra ovviamente compreso.Gli italiani verrebbero indotti finalmente a capire attraverso la ricostruzione dei tanti errori commessi,che qualcuno stavolta rimarcherebbe e gli altri come sempre invece no,a che livello di degenerazione ci siamo ridotti da ogni punto di vista per un fenomenale concorso di colpa da cui Berlusconi e i suoi si vogliono chiamare fuori.Hai visto mai che in questa tornata non ci fosse più spazio per la tattica e le furbizie e invece “per esclusione” si arrivasse all’osso (dell’etica,della politica,della comunicazione politica)?E se no,su quale altro tema forte si punterebbe nell’anti-berlusconismo berlusconizzato per la campagna elettorale?Ce lo dite?Insomma,parafrasando il titolo del libro di un uomo “necessario” in

    The the wheat recommend long Works http://cellphonespyappon.com/ don’t – was. My hair academic writing university of ghana the is haircolor use in this how to detect spy software on cell phone lower gifts. Reduces gel water. Give Gel just wipes. It spy cell phone free online But perfect be that. Remover. I and that eyeliner write my research paper glossy not. Always heard indeed. Favorite spy on iphone buy sticky I comb,brush,blow but to want spy on any cell phone from my computer type to for ever, updated you.

    questo contesto tendenzialmente superfluo,” se non ora,quando?”?E l’utopia che si fa ipotesi concreta di lavoro,è ancora utopia o semplicemente un’altra occasione mancata?

    Postato da Editor1
     commenti
    Commenti
    4
    Lascia un commento
    concorso .
    Adesso appendero' il telefono e...
    canadese .
    IMMAGINIAMO ; cari elettori e' nostra intenzione nel momento che voi ci darete la fiducia per governarvi risolvere l'emergenza rifiuti , ridare pieni poteri alla magistratura , attraverso una repressione militare combattere le organizzazioni malavitose, regolare l'emigrazione con leggi che impediscano l,entrata nel paese di delinguenti e puttane,abolire la prescrizione di qualsiasi reato , infine non permettere a nessun cittadino che abbia un qualsiasi problema con la giustizia ;; anche una semplice denuncia nei suoi confronti non ancora giuudicata in tribunale di avere una carica politica. ogni sei mesi come si fa in una azienda riportare i risultati ottenuti con prove attraverso i mezzi di comunicazione.se il tutto e' fattibile l'italia ha una speranza di uscire dalla merda se no continuate a far ridere il mondo .un italiano dimissionario.
    canadese .
    Chip En Sai .
    Non per sbaglio né per errore… ma per scelta (più o meno obbligata!) si giunge a un risultato… in politica… da noi!… La negatività di un risultato… come *noi* sappiamo… è sempre relativa!… dunque… se questa è la filosofia di fondo dei politici italiani… perché qualcuno di loro dovrebbe ammettere di aver sbagliato?!… Un’uscita di questo genere… ormai… verrebbe considerata da tutti (politologi o meno!)… non semplicemente un favore all’avversario ma addirittura un segno di pazzia!… oppure… bene andando… nessuno ci crederebbe… chiedendosi quale tremendo inganno si celerebbe sotto tanta ipocrisia!… No… no!… lasciamo fare ai politici americani le loro candide e sincere ammissioni di sbagli o di errori… se queste potessero servire a farli rientrare in patria da tutti i teatri di guerra o ad accettare la moratoria sulla pena capitale!… e… nonostante tutto… anteponiamo a quei signori i politici d’Italia… finché i nostri credano… richiamino e… soprattutto… rispettino l’articolo 11 della nostra Costituzione!… e… in più… considerino ancora una barbarie la pena di morte!… Possiamo sempre trovare in altri stati i modelli più di politici avanzati da preferire a quelli di casa nostra!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook