• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Malelinguelettorali / tarocchi elettorali
    14
    feb.
    2008

    Malelinguelettorali / tarocchi elettorali

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, pubblicato su l'Unità del 14 febbraioChi è arrivato primo nella corsa ai manifesti elettorali? Ma proprio lui, Sergio de Gregorio, leader di “Italiani nel mondo”,  che ha tappezzato Roma dall’inizio di questa settimana. Pazienza se lui risiede a Napoli e dice di presentarsi da solo col suo movimento nella “circoscrizione Europa”, di cui nei sobborghi romani purtroppo si sa poco. Naturalmente per capire la persona basta quello che ha fatto finora, candidandosi con l’Italia dei Valori di Di Pietro, venendo eletto senatore, passando poi all’opposizione da presidente della Commissione Difesa e riscuotendo 300 mila euro da Berlusconi per “il buon lavoro svolto in Italia e nel mondo” (il virgolettato è suo). Ma per apprezzare appieno il manifesto di oggi, dove troneggia il suo coloratissimo faccione lombrosiano, bisogna coglierne le sfumature. La scritta principale è “Il Coraggio dei Valori”, che evidentemente conta sulla confusione con il passato dipietrista, come in quei filmacci in cui S. Connery in locandina era invece un tal Silvio. O Silvano. Poi c’è la spiegazione: ”L’unico confine è la tua volontà”. Ha ragione: farebbe e ha fatto di tutto. E infine l’invito: ”Aderisci al nostro progetto”. Quale? Non farebbe prima a precisare quanto si guadagna, e da chi?

     commenti
    Commenti
    9
    Lascia un commento
    margherirosa .
    Achillide, porca-zozza! innanzitutto chiamami per nome, per favore. E poi quel litigare era proprio, e rigorosamente, sottinteso come virgolettato, è ovvio. Mettiamola così: che i suddetti “eroi” di cui sopra li si possa annoverar in quella ampia “categoria”, biologica e politica al tempo stesso, dei neo-bufo, ovvero dei neo “rospi”, e decisamente bruttarelli, tanto per cominciare, seppur non-gracidanti, ma al contempo ampiamente infestanti e tossici, anche al solo contatto…; ben peggio che quelli dell’Amazzonia; e non ne parliamo più. Tanto loro sempre schifo fanno / farebbero, già, come si suol dire: a prescindere. Va bene così ? Forse anche il Lombroso sarebbe d’accordo, con questa sorta di neo-rivisitazione rigorosamente sol zoologico-biologica, una neo-classificazione, assolutamente parziale, e strettamente / limitatamente al “fenotipica”; chissà. Va da sé, che anche se venissero annoverati in quella dei “bubo” [dei gufi e affini] la situazione non migliorerebbe, anzi peggiorerebbe [e non certo per colpa dei gufi quelli veri] e se soltanto pensiamo al fatto che tali “eroi” portano sfiga, o peggio ancora, se pensiamo al ruolo di veri-autentici bubboni [regionali, e nazionali, e oltre…], il che a sua volta non è l’indicare semplicemente un grosso-bubo, e pure con la doppia b rafforzativa, ovviamente… Il problema vero è appunto, e allo stesso tempo, come estirparli certi / questi bubboni nazionali… Piuttosto, non ti sei espresso, non hai detto la tua circa i “funghi” di cui sopra; ed anche qui scherzo ovviamente. In questo caso però basterebbe mangiarne pochi, o quanto basta; o addirittura evitarli... i funghi. Per il resto sono pienamente d’accordo su quanto dici su A.Albanese e il suo “chiù pìlu pe’ tutti…”. Saluti, e ricambio anche il buona giornata a te e a Chip. ciao, antonio
    achillide .
    Scusa margheritarosa,dove hai visto un nostro litigio? Si cercava di dare un'interpetrazione al "lombrosiano",io sono convinto che Beha ha usato quel termine in modo dipregiativo per dimostrare tutto il suo disgusto,anche perchè le teorie di Lombroso sono assolutamente inesatte. praticamente ha lo stesso effetto che si aveva di dare del "Socialista" a qualcuno nel periodo craxiano. Ciao e buona giornata.
    margherirosa .
    [Cfr.: converrebbe rivedere / risentire le puntuali-esilaranti dichiarazioni del sudetto De Gregorio, al microfono di S.Iàcona (e il conseguente mio precedente, scritto, una sorta di pamphlet, già satirico, seguente) nella puntata, semplicemente fenomenale, della serie: W L’Italia, “Pane & Politica”…]. Da cùi il mio pensierino della sera, inevitabile; ma com’è sto fatto che: Chi “non débbe” [vedi già lo stesso De Gregorio, appunto] ebbene alla fine ebbe [da Silvio, guardacaso], e si sistemò per sempre, o quantomeno alla meglio, tanto per non-affogare; e chi invece “non bebbe” [verbo bere], o sì “non fébbe” [voce anomala, assai, del verbo fare] o “non vebbe” [ancor più anomala / già arcaicissima, quasi-desueta voce del verbo vedere o addirittura volere], allora, in questi casi come la mettiamo..? Allora, quel detto antico, ben noto, all’uopo diventa: “nunc est bimbendum” !! Perché, certi politici-politicanti manifestano sempre più cose / comportamenti / robacce da bimbi viziati e capricciosi…e spessissimo confusionari; di quelli che se gli si toglie il lecca-lecca [sopratutto se tipo “origginale”, con due g] possono esser / creare anche guai seri, e purtroppo pure per noi… A proposito di Lombroso [e della sua interpretazione biologica del fatto / esser delinquenziale, e per cui occorreva curare lo stato anomalo e patologico psichico e fisico assieme del paziente da educare e piuttosto che punire] ebbene: pare che orami sìano tutti d’accordo ad accettar questa impostazione ritenuta plausibile, nelle sue linee generali, ma di per converso non è più sostenibile la connessione fra particolari somatici [cosiddetto o altrimenti detto fenotìpo] e tìpi / stati di anomalìe fisiche, con particolari tipi di delitto [vedi infatti i vari “faccia d’angelo”]; ed allora le tante teste di cxxxo ? [sì, sempre fenotipicamente, e poi anche materialmente parlando, ovviamente…] come la mettiamo ? e dove li mettiamo ? La antica questione, lombrosiana, potrebbe, forse, riaprirsi [?]. Mah. Breve e sintetico, laconico, mi sembra proprio difficile, altrimenti quasi impossibile; e forse non accadrà mai più. Per favore poi, Chip e Achillide, vedete di non litigare. A ciò, a dar cioè i numeri, bastiàmo già io e quel bravo Astronik, quando siamo in piena forma..; a proposito, chissà che fine ha fatto; non vorrei che mi si sia “eclissato”, o abbia mangiato dei funghi, “buoni”…, particolarmente; perché sì, a volte càpita, succede che i funghi troppo-buoni rèstino sullo stomaco per tanto-tanto tempo. Porca-zozza ! Mi ero ripromesso anche stavolta di scrivere poche righe, e invece come al sòlito… Vabbè, pazienza. Ciao / saluti. antonio
    Thomas .
    Non solo gli ex dipietristi ma anche gli attuali hanno tutti lo stesso stile. Povero Di Pietro, per salvare la pelle ha dovuto accettare il diktat degli stessi dirigenti che gli avevano promesso un posto blindato in senato. Caro Beppe Grillo proprio di Di Pietro ti sei voluto fidare? Thomas
    achillide .
    OK chip buona giornata.
    Chip En Sai .
    Certo... certo... Achillide!... ma tra i due l'unico criminale ufficialmente accertato (anche se solo in primo grado!) è Cuffaro!... e... di riflesso... per somiglianza... Mi sono spiegato meglio ora?!
    achillide .
    Lombroso sostenne sempre con forza la necessità dell'inserimento della pena capitale all'interno dell'ordinamento italiano. Riteneva infatti che, se il criminale era tale per la sua conformazione fisica, non fosse possibile alcuna forma di riabilitazione, individuando in tal modo l'obiettivo cui il sistema penale doveva tendere nella sicurezza della società. Nel 1898 inaugurò a Torino un museo di psichiatria e criminologia (più tardi chiamato "di antropologia criminale"). ecco il significato di lombrosiano riferito alla faccia di merda di questo individuo insulso e vomitevole. Ciao
    Chip En Sai .
    Appena mi è comparso... ci ho visto Cuffaro!... "lombrosiano" è riferito a questa somiglianza... o mi sbaglio?!
    achillide .
    Scusa Oliviero ma in questo caso non c'è nulla da commentare,basta la faccia,anzi un commento lo faccio volentieri che faccia di merda.

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook