• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Malelinguelettorali / stupefacenti e stupefatti
    15
    feb.
    2008

    Malelinguelettorali / stupefacenti e stupefatti

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, pubblicato su l'Unità del 15 febbraioIl termine più gettonato delle ultime ore elettoralmente parlando è “stupore”. Sono stupiti dell’apparentamento di Di Pietro con Veltroni Bertinotti da sinistra con i “se” e con i “ma” eppure senza falce e martello nel simbolo, e Capezzone da Berlusconia senza più né “rosa” né “pugno” ma solo tanta buona volontà…. Sono stupiti del ripudio subito dalla Destra di Storace e Santanché i “giovani della Fiamma Tricolore”, per la serie c’è sempre una destra più a destra. Sono stupiti  all’Udc di Casini che il loro candidato premier in solitario abbia detto no a Ferrara incursore nell’utero della politica. Sono stupiti in Forza Italia – anche senza essere il mutante Giovanardi - della resistenza (per ora) dell’Udc di Casini all’abbraccio forzato del Cavaliere. E potrei continuare, perché è tutto uno stupore per le novità della stagione politica in salsa semplificatoria. Che cosa abbiano da stupirsi, leggendo le loro longeve biografie, è pressoché un mistero. Non è un mistero invece, e neppure stupefacente, il nuovo inno del PdL: “Menomale che Silvio c’è”. L’aveva già anticipato anni fa il comico Antonio Cornacchione, ma era sembrato varietà.

     commenti
    Commenti
    7
    Lascia un commento
    oliviero beha .
    Caro Gino, non si tratta di giocare con le illusioni di nessuno. Ho messo a disposizione della Lista Civica Nazionale per una Repubblica dei cittadini quello straccio di reputazione, immagine e livello professionale di cui sono fornito. Abbiamo inziato un percorso faticoso e costoso, perdendo per strade per nequizie o per pigrizie due promotori su quattro. Si tratta dunque di evitare i velleitarismi e di costruire qualcosa di reale con il tempo che ci vorrà. Urlare nelle piazze materiali o virtuali contro il Residence del potere non mi pare sia risolutivo. A presto. o.b.
    luigi vlllani .
    Sono stupito (ma non tanto) dall'intolleranza di Veltoni verso il numero di partiti in Italia. La maggior parte di quei 40 partiti, sfogliati in una ben nota trasmissione televisiva, non è presente in parlamento. Essi insieme alla cosidetta antipolitica (cioè pare esser la politica che contesta l'attuale CASTA) non hanno mai governato l'Itaslia. L'abilità e la pericolosità di Veltroni nella veste di intollerante antidemocratico sta proprio nel fatto di additare i partiti e i partitini come responsabili dell'attuale crisi politica. Ricordo a Veltroni che i partitini sono l'effetto della mala politica e non la causa e che i cittadini che si organizzano in partiti politici sono garantiti dalla Nostra Carta Costituzionale. La caduta del governo Prodi è attribuibile ad un partito, i cui associati mentre "devono tenere una irreprensibile condotta morale e politica (art. 4 dello Statuto UDEUR ), non riescono a trovare un ministro in sostituzione di Mastella.
    luigi vlllani .
    Sono stupito (ma non tanto) dall'intolleranza di Veltoni verso il numero di partiti in Italia. La maggior parte di quei 40 partiti, sfogliati in una ben nota trasmissione televisiva, non è presente in parlamento. Essi insieme alla cosidetta antipolitica (cioè pare esser la politica che contesta l'attuale CASTA) non hanno mai governato l'Itaslia. L'abilità e la pericolosità di Veltroni nella veste di intollerante antidemocratico sta proprio nel fatto di additare i partiti e i partitini come responsabili dell'attuale crisi politica. Ricordo a Veltroni che i partitini sono l'effetto della mala politica e non la causa e che i cittadini che si organizzano in partiti politici sono garantiti dalla Nostra Carta Costituzionale. La caduta del governo Prodi è attribuibile ad un partito, i cui associati mentre "devono tenere una irreprensibile condotta morale e politica (art. 4 dello Statuto UDEUR ), non riescono a trovare un ministro in sostituzione di Mastella.
    camaleo66 .
    Volevo segnalare un interessante evento che potrebbe avere risvolti politici significativi. L'8 marzo 2008. si terrà un interessante convegno dal titolo: "LEGGI SCELTE O SUBITE: la MAGISTRATURA si INTERROGA - valori etici ed esperienze a confronto ", a cui parteciperanno Magistrati di chiara fama, tra cui il Procuratore Bruno Tinti autore di "Toghe Rotte". Ci si propone di fare una disanima del Sistema normativo dello Stato italiano che sembra programmato per non funzionare e proporre soluzioni alternative. Per informazioni visitare il seguente link: http://www.creaconvegni.it/html/DAMANHUR_CREA_CONVEGNI.html
    ginosanto .
    C'è anche un altro stupore caro Beha: lo stupore di chi come il sottoscritto aveva creduto che finalmente si potesse fare qualcosa di alternativo alle imminenti elezioni presentando una tanto dichiarata Lista Civica Nazionale.Manifestazione a Roma, sottoscrizione(come ho fatto io), creazioni di siti e blog con relative discussioni, e poi? Tutto finito!Perchè? Perchè alcuni,come Alagna e Pardi, sembra abbiano seguito il canto delle sirene; perchè i tempi erano ristretti; perchè uno come Grillo, prima sobilla mezza Italia e poi si tira indietro con la spada di Damocle/Di Pietro sulla testa. D'accordo, ma stiamoci attenti a giocare con le illusioni di quei cittadini che credono in un qualcosa di diverso. Allora caro Beha, ti lancio una proposta(scusa se ti dò del tu,ma la libertà delle rete lo permette), appuntamento al 15 aprile per continuare ad evidenziare un'Italia che non funziona, a colori o "zorresca"(come pensare che possa funzionare con Berlusconi o con il suo "walter-ego"?), e si costruisce per tempo ed essere pronti per la prossima scadenza.E' veramente la società civile che sceglie bi-partitismo o altre stupidaggini del genere?E' esattamente il contrario, sono loro che scelgono come debba organizzarsi la società civile.E allora diamo la possibilità(non dico il potere,che sarebbe antiquato) alla popolazione.Che pensi?Questo ed altro,se ti avessi incontrato o telefonato, avrei voluto chiederti.
    achillide .
    In una puntata di che tempo che fa di Fazio,il bravissimo Antonio Albanese nei panni di Cetto Laqualunque,a un certo punto si è svestito del suo personaggio dicendo che la realtà aveva superato la fantasia. Io mi sono ricordato in quel momento del suo dire chiù pilu per tutti e che voleva fare il ponte sullo stretto con u pilu. poi in campagna elettorale il nano a Messina disse "Si deve fare il ponte cosi gli uomini possono raggiungere più facilmente a Reggio le loro amanti,ed in quel momento ho compreso che per l'Italia non c'era molto da fare. Basta vedere la faccia di quelli che vanno in televisione per rendersi conto che oltre la realtà viviamo un incubo reale.In questo momento ho un'unica consolazione, magra ma consolozione,vedere la faccia di Casini e Mastella e pensare che quantomeno il loro potere ricattatorio per merito di Veltroni è andato a farsi fottere.E' una magra consolazione ma meglio che niente.
    Chip En Sai .
    Lo stupore di qualcuno... in genere... attira quello di qualcun altro o... meglio... la sua curiosità!... E' questo l'obiettivo della pantomima politica!... Lo spettacolo degli spettacoli... i cui protagonisti... con una bravura espressiva che supera qualsiasi tecnica recitativa mai prodotta dai maggiori artisti del palcoscenico teatrale... incantano e stupiscono le folle!... Siamo alla follia!... Nel vuoto di prospettiva... qualsiasi mossa si faccia può essere utile per dire la propria e ritagliarsi una parte!... Non in importa quel che si dice... purché si parli... si appaia e... così... soprattutto... si vinca!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook