• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Malelinguelettorali / grazie alla n’drangheta progra...
    28
    feb.
    2008

    Malelinguelettorali / grazie alla n’drangheta programmi differenziati

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, pubblicato su l'Unità del 28 febbraioSi celebra oggi una settimana esatta da quando, giovedì 21 febbraio alle 13, il Tg2 ha disposto tra i titoli di testa uno straordinario “Milano, colonia della n’drangheta”. Da allora, e su ogni tipo di media, sulla faccenduola un silenzio di tomba. Avete letto bene, l’evidenza di un telegiornale nazionale non propriamente diretto da un marxista-leninista. Ora, la domanda è facile anche per i più piccini: è interessante oppure no, dal punto di vista della cronaca,dell’economia, della politica, quindi della campagna elettorale, una vicenda del genere? Va ripresa e illustrata? Sì, rispondereste ingenuamente, specie se dietro c’è la “prima generazione pulita” degli eredi delle n’drine calabresi diffusi capillarmente perfino nel Nord Europa. Ma nessuno ne parla. Giacché si levano alti lai sulla somiglianza dei programmi elettorali delle due corazzate “monovolume”, il Pd e il Pdl, con accuse del secondo al primo di “averli copiati”, la soluzione c’è, e pronta cassa: Veltroni si occupi della questione, e spieghi a Milano come a Pavia, a Forlì come a Sanremo, che cosa intenda fare contro le infiltrazioni mafiose nelle pubbliche amministrazioni eventualmente coinvolte. La relazione della Commissione Parlamentare Antimafia non sarebbe un ottimo punto di programma elettorale difficilmente copiabile da Dell’Utri & co?

     commenti
    Commenti
    6
    Lascia un commento
    luigi vlllani .
    Il conflitto non esiste più| Siamo tutti buonisti. I toni fra i partiti in lizza si sono abbassati e qualcuno se ne vanta. Nessun parla di Mafia e 'Ndrangheta. Un problema spinoso. Meglio non parlarne. Come ai tempi del conflitto di interessi di Berlusconi. Chi parlava di conflitto di interessi in piena campagan elettorale pare (come han fatto Veltri e Travaglio con la pubblicazione de "L'Odore dei soldi) abbia, a dire di Violante e company, addirittura agevolato lo stesso Berlusconi. Forse non si parla di 'Ndrangheta perchè si pensa che così si possa agevolarela. In effetti c'è solo incapacità e cinismo nell'affrontare il male più grande della nostra società globale. Globale come la mafia, come i soldi, come il business. Una volta era l'arte, la musica e lo sport a non avere frontiere. Oggi esse sono varcate dal business delle banche, dalle scarpe Puma confezionate in vietnam incorporanti manod'opera minorile e salari da qualche dollaro al giorno e dalla 'Ndrangheta. La società è infettata è malata da virus potenti che devastano ogni piccolo tessuto. E' una società malata quella che accetta la mafia. Perchè cinica perchè insensibile. Una società accomodante, una classe politica inetta che vive di questi mali e che ancrà avanti. La moneta cattiva che scaccia quella buona che marginalizza chi protesta, chi non condivide questo modo di fare. Chi non accetta questo stato di cose viene dichiarato antipolitico ed è fortunato che no sia ancora additato come terrorista o "disturbatore della quiete pubblica, agitatore di animi". Che vergogna. Non vado a votare.
    margherirosa .
    Alcune cose, molto brevemente; almeno ci provo. Come diceva e forse direbbe tuttora R.Benigni: “…Berlusconi, Veltroni, e tutti quegli, Altri, cogli-oni; che del resto possono essere, pure tanti-tanti, e sono tali, ed indipendentemente dal cognombre stesso; e il problema, antico, è che [più spesso] mancano proprio le palle, e pure i non-coglioni… Poi, quanto ai lài, mi viene il dubbio / sospetto che ci sia stata [in questi ultimi decenni] una / quella sorta di mutazione-ibridazione assolutamente silente tra i lài, e la stessa Haidi: per cui, nelle famose e impervie montagne calabresi, è nata una specifica “lahidicità” [ahi-ahi, ahi-ahi], di gran fatturato per le cosche e con tutto quello che ne è conseguito, per lo Stato e cittadini, e che ben sappiamo… Poi c’è stata la mutazione-nella-mutazione, altrimenti impensabile, e ancor più silente [?], da cui ciò che ha appunto denunciato quel servizio in Tivvì; ma forse, tanti di noi, certe cose pur le sapevano e le avevano metabolizzate... E cosa ci aspetta come ulteriore ricombinazione genetica ? Quanto alla Commissione antimafia, lo stesso Forgione, sì, in quel del potentino, e del materano, ha spiegato bene come già stanno le cose in Basilicata, ad esempio; il che è tutto un dire; tranne per chi voglia ancora giocare al “gioco delle tre [famose] scimmiette” e nascondersi; e infine giustamente il manico del coltello [come dice zetazeta] è pur una cosa determinante, ce lo vogliamo dimenticare..? La commedia dei “duellanti”: la bravissima cantautrice, C.Donà, c’ha scritta una canzone, col titolo omonimo e diverso tèma ovviamente; e per il momento mi rifugio ed ascolto volentieri solo quella canzone e ciò significa che anche per stavolta sono propenso a passare la mano, sì per la seconda di fila. Siamo tutti assimilati / assimilabili e a prescindere; viceversa in Tivvì [la stessa di cui prima] spesso impazzano faccendieri a vario titolo, anche contrabbandieri [persìno di cavolate / bestialità], e pure intrallazzatori della peggior risma, tutti rigorosamente ossequiati: quelli che in un certoperiodo dell’ anno, come questo, ogni anno, svernano spesso / immancabilmente in quel di San Remo; ma guarda un pò… Anche Televideo lancia, anzi rilancia, in pochi giorni più volte una sorta di allarme: pare che Cosa nostra […loro; di Altri…] stia attraversando una crisi profonda a causa degli arresti eccellenti, quasi in quantità industriale, e per carenza di [degni] successori; viceversa, emerge sempre più prepotente il peso e “caratura” [pure quotata in oro ?] della ’ndrangheta, varie cosche calabresi, che oramai è la componente più pericolosa delle organizzazioni malavitose, perfino in grado di esprimere una qual valenza pienamente eversiva [quella a 360°]… E poi basta, o quasi, coi forum, convegni, e tavole appositamente arrotondate e rigorosamente senza spigoli e sopratutto senza contenuti veri e contenitori-culturali fasulli; davvero basta ! Saluti. antonio
    sannitadovunque .
    Caro Oliviero, qualcuno si deve prendere la briga di far notare queste cose. Non possiamo più aspettare un'altra legislatura, bisogna andare a votare e votare quelle persone che più degli altri si battono per un Italia onesta. Solo così, spero, riusciranno a capire in che direzione devono andare, altrimenti sarà solo un continuo bla-bla-bla. Viva l'Italia onesta.
    zetazeta .
    La stessa domanda bisognerebbe porsela anche per la Val d'Aosta.....ma l'emergenza criminale in questo paese è importante solo ed esclusivamente quando tocca rumeni,albanesi,montenegrini,marocchini e assimilati.I nostri simpatici criminali,sono solo folklore,sono simpatici e ,spesso, fanno anche ottime pizze.Quindi sono una risorsa di questo paese.Vogliamo criminalizzare intere regioni solo per questi dettagli? Suvvia signori...abbiate un pò di cuore e non chiedete a Veltroni cosa succede a Loriero (presidente della Regione Calabria indagato anche lui),che cosa combina,da dove prende i voti, perchè ,semplicemente, non lo sa. Cosa volete che sappia la Moratti di quello che succede in Lombardia.L'importante è sapere come finisce il piano regolatore di Milano.Nessuno dei nostri politici sa nulla e si accorge di nulla.Probabilmente per molti di loro non c'è nessuna differenza tra il Billionnere e l'ambiente che frequenta tutti i giorni.Che poi in almeno 4 o 5 regioni d'Italia la sovranità statuale sia una barzelletta è cosa nota,però si organizzano degli interessantissimi forum e dibattiti sulla legalità dove magari qualche relatore ha qualche problemino con la giustizia.Ma si sà che tanto il convegno lo paga la Regione,quindi..perchè non approfittarne?Quanto a Dell'Utri...è un uomo colto,un bibliofilo raffinato,ma non disturbatelo più per quelle sciocchezze di poco conto,in fondo una condanna definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa è solo un dettaglio.La colpa non è sua ma dei giudici comunisti e pazzi.....e in Italia questa è una scusa che funziona sempre. Bene e comunque.
    Chip En Sai .
    Ho visto quel servizio un po' di sfuggita (come tutto ormai quello che passa la Rai!)!... e... perciò... non ricordo alcuna particolare circostanza!... Sì... sarebbe proprio opportuno che Veltroni si esprimesse in merito alle infiltrazioni mafiose nelle pubbliche amminisrazioni!... ma bisogna vedere da che parte è rivolto il manico del coltello!
    benzina58 .
    Sto maturando il proposito di non votare il 13/04 p.v.. E' una scelta sofferta, chè spazza via tanti sogni e tanti credo e ti fa sentire qualunquista...migliaia di persone , adulte e dignitose, ridotte all'impotenza xchè prive ( o private?)del famigerato "strumento di democrazia". Starò ferma per una legislatura, starò immobile a guardare con distanza la commedia dei duellanti. Anch'essi ridotti a mimi, disarmati come noi. Lo squallore regna sovrano ed il mio non è un commento ma un ultimo, flebile sfogo

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook