• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Malelinguelettorali / lo scambio di persona e i cannol...
    08
    mar.
    2008

    Malelinguelettorali / lo scambio di persona e i cannoli di cuffaro

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, pubblicato su l'Unità dell'8 marzoCondanniamo naturalmente con sdegno (laico, democratico e antifascista si sarebbe detto una volta) l’aggressione all’arbitro Bergonzi. Tutto previsto, per carità. Solo che a quanto pare è stato aggredito in vece sua un direttore di banca che gli somigliava assai, scambiato per lui. Proviamo a ragionarci sopra. Visti i tempi, non sarebbe più logico che aggredissero un arbitro scambiandolo per direttore di banca (specie se coinvolto nei bond Cirio o Parmalat ecc.)? E trasferito altrove il concetto, questa vicenda non è applicabile alla politica, meglio se intrecciata a qualchecos’altro? Pensate: invece che “Aggredito Cuffaro mentre mangiava i cannoli perché scambiato per un mafioso”, un più inquietante “Aggredito un mafioso mentre mangiava i cannoli perché scambiato per Cuffaro”. Il condannato Totò Cuffaro, candidato al Senato come testa di serie per l’Udc, intendo. Peggio sarebbe, non vi pare? Ma anche più realistico. E non sto qui a divagare sul tema dello scambio, fino al surreale “Aggredito il candidato premier del PdL, Berlusconi, dopo la sconfitta con l’Arsenal in quanto scambiato per il presidente del Milan”…

     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    Anonimo .
    Bergonzi, Cuffaro Berlusconi e il direttore di banca. L’unico che non c’entra nulla è il malcapitato direttore di banca. Personalmente aggredirei tutti i componenti del Parlamento, da noi stipendiati, incapaci di produrre leggi, non porcate, che vietino l’accesso alle stanze dei bottoni a personaggi come Berlusconi e Cuffaro. Può Berlusconi produrre una seria legge sul conflitto di interessi che vieti a se medesimo e a quelli come lui di accedere al Parlamento? Può il neonominato futuro parlamentare Cuffaro proporre o votare una legge che vieti a condannati (seppure in primo grado) come lui l’accesso al parlamento? Io credo di no. Per il semplice motivo che “porcata” non è solo la legge elettorale ma anche le candidature di certi personaggi. Pardon intendevo le “nomine di certi personaggi”, vista la prima “porcata”.
    Chip En Sai .
    Beh manca solo la variante... “Aggredito il presidente del Milan, dopo le elezioni politiche del 13-14 aprile, perché scambiato per il candidato premier del PdL, Berlusconi”!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook