• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Malelinguelettorali / stracciare i programmi nel mondo...
    11
    mar.
    2008

    Malelinguelettorali / stracciare i programmi nel mondo alla rovescia

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, pubblicato su l'Unità dell'11 marzoE’ proprio un mondo alla rovescia. Non lo dico per Prodi che lascia la politica proprio mentre la politica lascia Mastella. E’ che è tutto sottosopra. Dibattito e intemerate su Berlusconi che straccia della carta che sarebbero i programmi che sarebbero la politica del Pd, dopo quello che ha fatto con il contratto con gli italiani, che ha stracciato nelle cose. E la querelle sarebbe sulle “cattive azioni di Silvio che imbarbarisce il confronto”? Ma che ne strappi mille, di cartacce, invece che manipolare legislativamente il falso in bilancio. E i nostri eroi suoi avversari invece che frignare su questo avrebbero potuto semplicemente ripristinare il codice penale. Ma del resto è evidente il capovolgimento generale. In tutto. L’altro ieri era domenica, quindi sport. Si festeggiavano i 100 anni di storia dell’Inter, Internazionale come costola del Milan per disporre di calciatori stranieri (oggi hanno esagerato…). Ebbene, che ti dice Moratti? Che la storia dell’Inter è “limpida e senza macchie”. Italo Allodi si rivolta nella tomba e gli tira i piedi nottetempo, mentre il padre Angelo guarda il figlio Massimo con comprensione dalle fotografie. C’è poi Dalla, che mena gran vanto di aver confezionato l’inno del Coni per Pechino mentre Spielberg rinuncia a curare la manifestazione d’apertura dei Giochi 2008 per solidarietà ai morti del Darfur. Evidentemente uno dei due bara: chi?

     commenti
    Commenti
    3
    Lascia un commento
    ilBuonPeppe .
    Viviamo nel mondo che ci siamo scelti. Se questi signori si permettono queste cose, LA COLPA E' NOSTRA!!! Fate attenzione ai profeti del disfattismo! L'invito all'astensione favorisce i due partiti più grandi: davvero è questo che volete? Se vogliamo cambiare qualcosa non ci possiamo astenere, o saranno altri a decidere per noi. 1. Votare 2. Cambiare voto 3. Votare per i piccoli Se non facciamo queste tre cose, ci ritroveremo sempre gli stessi sopra la testa, e le cose non cambieranno mai. ============================================= http://www.pleonastico.it/modules/news/article.php?storyid=125 =============================================
    giulia .
    Il fatto è che diventa ogni giorno più difficile, per non dire impossibile capire e, soprattutto, distinguere chi bara da chi non lo fa. (Sono rimasta sbigottita anche dalla storia del giornalista che collaborava con Report). Non ci si fida più, il nemico si traveste da amico, mentre l'amico inganna con la furbizia, non se ne esce, non si vede luce in fondo al tunnel e intanto si continua a precipitare. Giulia.
    Chip En Sai .
    D'accordo con te sullo *strappo*!... e... come vado dicendo... "Cosa me ne frega se il nano strappa il programma del topo?!... Dia pure sfogo ai suoi istinti più bassi!... Servirà... se non altro... a misurare quelli degli italiani!"!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook