• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Un calcio alla decenza
    20
    mar.
    2008

    Un calcio alla decenza

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, pubblicato su l'Unità del 20 marzoE’ un po’ come vedere un uomo o una donna nudi, invece che in costume da bagno. Manca davvero poco per l’immaginazione al mare, eppure uno nudo è diverso. Uguale, ma diverso. E’ la sensazione che forse in molti abbiamo provato vedendo ieri esposta in bella evidenza sulle pagine della “Gazzetta dello sport” la busta paga di un calciatore. Per l’esattezza di un “panchinaro” di un grande club di A, uno che gioca poco ma che ha uno stipendio considerevole: 541 mila euro al mese, ma lordi, attenzione…, perché netti con le ritenute di Fisco ed Enpals il tutto si riduce a circa 300 mila euro. Al mese. La “Gazzetta” poi didascalicamente spiega le cifre, precisa che non è esattamente questa la media di un calciatore professionista sia pure al massimo livello, si infila in distinzioni e asterischi certo molto più familiari a un dipendente tipo, ad un insegnante, a un operaio metalmeccanico e quindi a un Cremaschi che a un Kakà. Diciamo che normalizza o tenta di normalizzare il tutto: in fondo sia pur speciali sono lavoratori dipendenti anche loro. Questa normalizzazione dovrebbe in un certo senso tranquillizzare. Sotto il costume sono come noi, siamo tutti figli di Dio.

    E poi il punto è che c’è la legge della domanda e dell’offerta, che le società non sarebbero obbligate a pagare tanto ma pagano, che c’è un giro di intermediari e di indotto da paura, che l’emotività della gente italica si sfoga per lo più allo stadio o in tv nel tifo evitando-si dice da sempre-di farlo in altro modo. Quindi un oppio ben remunerato, una religione alla portata di tutti i fedeli, una guerra simulata (sempre meno) ecc. Roba nota. Eppure quella busta paga con quelle cifre fa effetto, fa effetto ai lettori di questo giornale che scrivono le lettere che leggete, fa effetto comunque in un contesto come quello italiano e specialmente di questi tempi. La busta paga della “Gazzetta” è renitente a “fare solo la busta paga”, sembra dirci che suo malgrado oppone resistenza a questo processo di normalizzazione che vorrebbe candeggiare con la trasparenza i grandi guadagni di cui nel calcio si ciancia da sempre, ma sempre di più. Perché allora questa resistenza, che cosa c’è che non torna al di là delle ovvie considerazioni di sempre, della demagogia a volte retorica a volte motivata che ingoia i ragionamenti e le distinzioni, del sangue agli occhi che viene per un momento ma forse di più nel leggere “541 mila euro al mese” complessivi, magari con il corredo di un’invidia montante dura da padroneggiare?E ancora: con chi paragoniamo questi campioni o sedicenti tali in fatto di emolumenti nel panorama italiano?Con un attore, un cantante, un uomo di spettacolo?No, se non nel caso di un rapporto di lavoro a termine con un’emittente tv o radio, ma solitamente le cifre non coincidono…Metti Vespa e Maldini, e poi vedi…Forse il paragone potrebbe calzare di più con lo stipendio/ingaggio di un manager d’alto bordo. Ma un manager è più vicino alla realtà che non un “mito” in mutande. E poi c’è la doppia natura del calciatore, lavoratore dipendente per il periodo del contratto e comunque pur sempre un prestatore d’opera per le caratteristiche del suo lavoro nell’evoluzione della normativa che lo riguarda, in Italia prima e in Europa (Boosman) poi. Forse è questa doppia natura che genera questa resistenza a leggere come “normale” la suddetta busta paga, peraltro facilmente immaginabile come un bagnante nudo invece in costume sulla spiaggia. Si annida poi, forse, nei recessi psicologici di chi strabuzza gli occhi davanti a cifre, tipo di lavoro e status di dipendente del calciatore, una contraddizione in termini tra un generatore di felicità o di distrazione o di oppio o delle tre cose insieme, autentica supplenza della vita quotidiana, e lo specchietto contabile di una busta paga. Non si vorrebbe accettare che è “una busta come un’altra”, un po’ perché le cifre sono astronomiche e non come le altre, e molto credo perché normalizzare un luogo dell’immaginazione fa a cazzotti con l’idea che “prendano tanto perché sono superuomini”, o vengano semplicemente venduti, spacciati, consumati, utilizzati come tali. La busta paga di un (quasi) milionario mensile, sia pure solo per un margine ridotto di anni, è alla fine una sorta di autodafè del capitalismo, serve o servirebbe per discutere di che società facciamo parte. Ma oggi non vorremmo perdere Totti non essendo stata trovata finora una ragionevole contropartita.
     

     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    luigi vlllani .
    1 a 92 è il rapporto tra il reddito di un panchinaro e quello di un medio normale essere umano ben stipendiato. 92 anni di un comune mortale per un anno di un panchinaro. Può darsi che il comune mortale, dopo anni di duri sacrifici, dopo avere studiato tanto, dopo essersi privato di tanto tempo libero, dopo essersi meritato il lavoro al quale è stato assegnato, dopo tanto, può darsi che consigli a suo figlio di entrare nella fabbrica dello sviluppo dei muscoli e delle gambe piuttosto che nella fabbrica dello sviluppo del pensiero umano. Può darsi. E ogni volta che ciò accade sarà un duro colpo per il futuro dell'uomo, per il futuro della scienza. Per la dignità umana.
    Chip En Sai .
    300 mila euro al mese a disposizione di un "panchinaro"?!... e che problema c'è?!... sicuramente... "lontano" dalle responsabilità dei risultati della propria squadra... ragionerà meglio di chi è titolare!... e... magari... godendo di una maggiore serenità... mentre osserva dall'esterno le varie fasi di gioco... sogna... progetta e pianifica il proprio futuro meglio di tanti fuoriclasse!... Forse avrà più tempo per pensare anche ai problemi di parenti e amici meno fortunati!... sarà più buono e migliorerà il mondo anche se non avrà mai promesso niente a nessuno!... Quindi... se non se li fosse davvero guadagnati... tutti quei soldi... in qualche modo... forse... un giorno se li meriterebbe più di tanta gente che se li è presi con promesse false!... C'è qualcuno che si incarica di seguire il percorso di questo fiume di denaro?!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook