• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Malelinguelettorali / né avidi né fannulloni, sempli...
    21
    mar.
    2008

    Malelinguelettorali / né avidi né fannulloni, semplicemente lotofagi

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, pubblicato su l'Unità del 21 marzoHa ragione il Presidente italiano in trasferta cilena: i parlamentari non sono “avidi fannulloni” come vengono rappresentati. E il voto non è mai inutile, leggi alla voce Democrazia. Casomai doveva precisare che i parlamentari non sono né avidi né fannulloni, per non ingenerare l’equivoco che possano essere o avidi o fannulloni, distintamente.Quisquilie. In realtà sono semplicemente mangiatori di loto, dei “mostri” senza memoria. Ve lo dimostro al volo. Casini dice che “il voto utile è quello libero” e ringrazia Napolitano. Berlusconi gli rinfaccia: ”Ma come, questa legge l’hai voluta tu e adesso fai tutti questi straveri?”. Come sono andate davvero le cose? Ce lo dice Marco Follini, oggi Pd, in una lettera a Repubblica del 15/11/2006: ”…la legge elettorale fu il cuore di un baratto sul finire della scorsa legislatura. Il baratto era il seguente: l’Udc incassava la proporzionale e Berlusconi la ricandidatura. Di quello stesso baratto facevano parte alcune clausole della legge (porcellum, ndr.). Che non vi fossero preferenze. Che le liste fossero quindi bloccate. Che i leader si potessero presentare dappertutto governando le opzioni a favore dei loro cari…”. Capito l’antifona? E’ “Italiopoli” ragazzi, un luogo dove la memoria non ha diritto di cittadinanza.

     commenti
    Commenti
    3
    Lascia un commento
    astronik .
    ... poi si lamentano che tanti italiani è schifata da questa politica e vorrebbe disertare le urne...... Dove sta scritto che dobbiamo avallare le porcate che una stretta oligarchia di partiti che ci propina. O mangiate sta minestra o .......
    luigi vlllani .
    Io credo che la stragrande maggiornaza degli italiani non sa nulla di ciò che stiamo disquisendo. Sono pochi coloro che seguono la politica, ancora di meno coloro che la seguono in modo critico. Alla fine passano i grandi messaggi. Quelli televisivi. I messaggi che entrano direttamente nelle case dei cittadini italiani senza chiedere il permesso. Esiste una forte censura. Una censura che non permette il passaggio di alcuni messaggi. Il voto utile o inutile è solo una inutile discussione poco interessante. Così come per il messaggio degli "avidi fannulloni". Gli intaliani non sanno che ci snon altri messaggi che alcuni candidati minorie non candidati cercano di far passare e che non passano. Messaggi molto più utili al cittadino. Alcune trasmissioni televisive proprio nel momento in cui qualcuno dei convenuti vuole parlare di problemi scottanti, come quello della mafia e del malaffare di cià che mangiamo oppure dei vari conflitti di interessi, improvvisamente, per stroncare il tentativo sul nascere, simanda la pubblicità. Alla ripresa della pubblicità, stranamente, di ciò che è stato introdotto non se ne parla più. Siamo come nel fascismo. Peggio, perchè la censura e il regime esercitato in democrazia ha effetti ancora più devastanti convinti come siamo di essere liberi. Invece subiamo quotidianamente un sistema coercitivo dell'informazione che si va sempre più affinando e che non ha avuto eguali, ad oggi, nella storia delle democrazie moderne. La pillola velenosa della disinformazione, o della non informazione, che ingoiamo tutti i giorni e che ci sta omologando tutti verso il basso.
    Chip En Sai .
    VOTOPOLI!... è ora di aggiungere qualche neologismo!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook