• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Il partito che non c’è
    18
    apr.
    2008

    Il partito che non c’è

    Condividi su:   Stampa

    Di Tutto questo SUI GIORNALI OGGI NON SE NE PARLA PROPRIO...!!! Il partito che non c’è!Finalmente Queste le cifre che NON Vi Dicono :Camera: italiani aventi diritto di voto: 47.126.326.Voti validi: 36.452.305. Astenuti + schede bianche e nulle: 10.674.021, il 22,6%. Senato: italiani aventi diritto di voto: 43.133.946. Voti validi: 32.771.227. Astenuti + schede bianche e nulle: 10.362.719, il 24%. (La diminuzione più importante) Rispetto alle elezioni del 2006, meno 2.109.734, si è avuta al Senato. Quasi un italiano su quattro ha rifiutato le elezioni incostituzionali.E' il terzo partito italiano... e NON ci Informano ancora sulle famose schede "RIFIUTATE"...!!Sandro P.

     commenti
    Commenti
    11
    Lascia un commento
    renfio .
    Scrivo per rivolgermi a Montuschi ma vorrei che tutti i lettori dessero un contributo in modo da allargare il dibattito. Io sono uno di coloro che hanno votato IDV, non per condivisione dei valori, ma per evitare di associarmi ai PD ed esercitare il mio diritto di voto contro la destra. Sicuramente sarò criticabile ma penso che una cattiva sinistra sia meglio della migliore destra. Certo avrei potuto non votare o rifiutare la scheda, ma in quel caso, avrei favorito Berlusconi e la sua cordata di poco trasparenti eletti e questo non me lo sarei mai perdonato; grazie a circa il 24% degli italiani, legittimi, è stato possibile la vittoria della destra ed ora ci aspettano almeno 5 anni sì ulteriori vessazioni. Per quanto riguarda la fatidica frase, del mitico Andreotti, non è altro che la rivisitazione del più popolare detto “la volpe quando non arriva all’uva dice che tanto è acerba” e, se mi permettete, direi che il soggetto è una vecchia volpe. Vorrei terminare col dire che noi Italiani siamo abituati a delegare, per poi 5 minuti dopo a sollevare un mucchio di critiche, ma nessuno si propone per dare una mano a cambiare le cose lasciando terreno a coloro che si fanno poi eleggere e combinano i guasti che sono sotto gli occhi di tutti. E’ ora di darsi una mossa. Basta critiche! Bisogna passare alla politica attiva e dare ognuno il proprio contributo; questa è democrazia non populismo massimalista. Per finire non criticare datti da fare. Un cordiale saluto
    montuschi .
    Salve Renfio , innanzitutto trovo che sia appassionante questa discussione a due sul tema della nuova politica. Per mettere in chiaro subito una cosa , l'idea del partito democratico non è da buttare visto che c'è nell'aria un forte vento di richiesta di cambiamento. Dal mio modesto punto di vista ovvero di una persona che non fa politica ma la segue e la critica spassionatamente, credo che sia un peccato che quel vento sia orientato nella direzione populista e massimalista anzichè verso la semplice e sana democrazia. Ti do atto che se questo è , il merito non sta dalla parte di chi ha vinto , ma sicuramente di chi ha perso per proprio demerito appunto , proprio come mi ha ben spiegato nella sua precedente risposta. In ultima analisi credo che sia ora di restare un pochino ad attendere alla finestra perchè è troppo presto per prendere delle iniziative . Lo stesso Beppe Grillo sta pagando nella credibilità delle sue seppur nobili cause. Io credo più nella rinascita della democrazia dalla democrazia e quindi nel rinnovamento fisiologico che solo il tempo può determinare.Per concludere , cito una nota frase di Andreotti:"...il potere logora chi non ce l'ha ..." che vale solo da noi in Italia dove la democrazia non è preferita alla mafia. Cordiali saluti.
    renfio .
    Montuschi davvero sei convinto che PD ed IDV siano partiti da prendere in considerazione e votare? li ritieni davvero partiti democratici? IDV è un partito che pur di avere un voto in più ha aperto le liste ai più disparati, incluso una parte del movimento delle liste civiche nazionali, con un paio di richiami uno basato sulla lotta alle caste e l'altro sulla legalità dentro e fuori dai partiti; io personalmente lo ritengo un pò pochino mi sarei aspettato di più. Mentre il PD è un partito bulgaro dove, fin da due mesi prima delle fatidiche primarie, si sapeva che Veltroni e Franceschini sarebbero stati alla testa del comando (altro che primarie!), tutto fumo, per non parlare poi della politica che " sarà dal basso". Prima cosa che fà da eletto Veltroni cerca accordo con Silvio sulle riforme bell'esempio di politica dal basso. Per non parlare della campagna elettorale che peggio di così non poteva andare; anzichè attaccare i destristi su tutto ciò che di buono ha fatto questo governo e togliersi dall'angolo aggredendo, con le nuove riforme all'insegna della continuità di una politica di sinistra, è stato muto e con il suo silenzio ha danneggiato il suo rivale Prodi. Per questo io non ho votato PD un'altra farsa della nostra politica è ora di riprendersi la leggittimità del consenso e creare nuove forze per abbattere questa politica personalistica e mirata solo a se stessi conro gli elettori e contro la morale. Basta caste, lobby, corporativismi, gruppi di varia natura da quelli gay a quelli religiosi, da quelli economici a quelli sociali. Bisogna iniziare a fare cose che siano di comune interesse nazionale o non se ne viene fuori. Questa è per me la nuova politica. Un saluto
    montuschi .
    Per rispondere anche a Renfio , quel 24% se si fosse aggiunto a chi votava , ripeto , votava , e avesse votato PD IDV , la maggioranza sarebbe stata quella che avrebbe cambiato subito la legge elettorale , ma così , andando divisi tra chi ci credeva e chi non ci credeva , la frittata è stata fatta e ci terremo il regime finchè campano Silvio e Umberto . Poi ricordo la mitica frase di Veltroni : "mafiosi , non votate per noi..." . DETTO , FATTO , nel segno dell'omertà!
    renfio .
    Esisteva un referendum che proponeva il bipolarismo promosso dalla maggioranza dei cittadini lo ricordate? Bene siamo passati ad una fammentazione di una ventina di partiti in barba a tutti gli Italiani ed al rispetto del loro voto. Poi, con la scusa di eliminare il voto di scambio, siamo passati alle liste dalle segreterie mediante legge di Berlusconi e Calderoli definita "Porcellum" in onore al fautore che, il giorno dopo la votazione in aula l'aveva definita una porcata. Nonostante la legge " Porcellum" sia stata data come incostituzionale è stata comunque utilizzata per queste elezioni. A mio avviso è sicuramente più oltraggioso, nei confronti dei padri della democrazia Italiana e dei morti che ci sono stati per essa, l'uso della democrazia fatta da questi politicanti che il 24% circa degli elettori, con le più svariate motivazioni, si rifiutino di andare a votare o rifiutino la scheda. Saluti
    Chip En Sai .
    O Montuschi... per la miseria... mi hai scoperto!... E' vero... non essendo un "ladro"... sono una "spia"!... Bravo!... e tu di quale "controspionaggio" fai parte?! :-D
    montuschi .
    Penso di non sbagliarmi se dico che piuttosto che protestare al seggio o scegliere di non votare era sufficente andare a votare per chi si era prodigato a promettere di cambiare la legge elettorale come ad esempio tutti i partiti di centro sinistra più l' udc. Purtroppo la gente ha scelto di votare pdl e lega che sono i fautori di questa legge incostituzionale. Fra coloro che hanno contribuito a questa debacle c'è anche chi non ha votato legittimando la vittoria .
    achillide .
    x montuschi. Guarda non hai ragione, la protesta di Chip En Sai oltre ad essere legittima rappresenta quanto di più alto e democratico una persona civile poteva fare in un contesto assolutamente antidemocratico come queste elezioni. Non lo dico io ma i Costituzionalisti che questa è una legge elettorale anticostituzionale. Credo che Ciampi ha fatto un grosso errore a suo tempo nel firmarla. La protesta se in forme civili e democratiche è sempre civile, è incivile mandare ai seggi Presidenti e scrutatori che non fanno rispettare le leggi. Sai per loro è un contrattempo far verbalizzare, alla fine devono fare un sacco di verbali in più e per questo trovano delle scuse per non far fare una legittima protesta. Quello di Chip non era un gesto anarchico ma un gesto di totale rispetto della democrazia. Poi per votare un politico bisognerebbe essere liberi di votarlo,mi dici come potevi sceglierlo con questa legge? Ciao.
    montuschi .
    PER RISPONDERE A Chip En Sai CHE VOLEVA CERTIFICARE IL NON VOTO. QUEL GESTO DA ANARCHICO LO POTEVI FARE SOLO QUI IN ITALIA DOVE CI SI PUO' PRENDERE GIOCO ANCHE DEL SACRIFICIO PER LA PATRIA PAGATO CON LA VITA . SIAMO IN DEMOCRAZIA . CHI VUOL VOTARE VOTA ED ESPRIME UN PROPRIO DIRITTO SCEGLIENDO LIBERAMENTE UN POLITICO O UNA POLITICA GIUSTA O SBAGLIATA CHE SIA. CHI NON VUOL VOTARE , NON VOTA E BASTA. CHI VA OLTRE, ESCE DAL CAMPO LEGALE E RISCHIA DI ANDARE CONTRO LA LEGGE , PERCHE' LA PROTESTA E' LEGITTIMA SIA PRIMA CHE DOPO IL VOTO , MA NON DURANTE , ALTRIMENTI SI DELEGITTIMA LA DEMOCRAZIA STESSA.
    montuschi .
    Quasi un italiano su quattro è ANARCHICO o non ha ancora capito che qualunque legge elettorale ci sia in Italia è una legge ottenuta in democrazia. Se la legge non piace no è colpa di chi l'ha fatta , ma di chi ha votato i politici che l'hanno fatta , in democrazia. Fino al mese scorso c'era al governo chi voleva cambiare la legge. Io seguivo il blog di Beppe Grillo e lo sostenevo quasi sempre . Pensavo che Beppe Grillo facesse POLITICA ma da quando ha incitato i suoi sostenitori a non votare mi sono sentito come se mi mancasse la terra da sotto i piedi e improvvisamente mi si sono aperti gli occhi e ho capito che veramente mi trovavo a seguire l'ANTIPOLITICA se non l'ANARCHIA. Ho criticato duramente con messaggi nel blog chi non voleva votare e poi chi non ha votato come Beppe Grillo stesso: sono stato bannato e ora non riesco neppure a mandare altri messaggi per coltivare ed esprimere la mia opinione liberamente nel suo blog. CHI USA IL NON VOTO IN DEMOCRAZIA O E' UN LADRO O E' UNA SPIA.
    Chip En Sai .
    Breve storia di un voto non voto!... Avevo deciso di non votare!... ma di farlo recandomi al seggio... manifestando l'intenzione di rifiutare la scheda e chiedendo di verbalizzare le mie motivazioni!... L'ho scritto qui sul blog qualche giorno prima e qualcuno mi ha chiesto di recarmi presto... così gli avrei potuto far avere notizie in merito... poiché lui sapeva che la legittimità di questo tipo di azione era controversa!... Così... domenica mattina... mi sono recato presto presso il seggio!... Sono entrato per primo ed ho subito dichiarato di non voler accettare la scheda ovvero di rifiutarla!... Immediatamente la commissione ha rivelato le proprie difficoltà e impreparazione!... mentre io sostenevo che il ministro avesse previsto il rifiuto come cosa fattibile e non illegittima!... Un membro della commissione ha quindi impugnato un volumetto per cercare riferimenti scritti!... e... mentre sfogliava qualche pagina... ha accennato a sanzioni che mi avrebbero riguardato!... Di colpo ho visto al mio fianco un carabiniere che mi ha chiesto quale fosse il problema!... contemporaneamente colui che leggeva le norme ha affermato che la presenza del carabiniere era necessaria!... quindi ho risposto al militare che per me non c'era alcun problema e che stavo lì ad aspettare che il membro della commissione si aggiornasse sul regolamento!... così dicendo... glielo ho indicato mentre quello era tutto immerso nella lettura!... Nonostante fosse presto... cominciava a formarsi un po' di fila!... perciò... ritenendomi io stesso parzialmente responsabile di un eventuale intralcio... ho proposto di ritornare più tardi... quando la commissione fosse stata in grado di sapere come procedere!... Colui che leggeva... però... ha risposto che ormai non potevo più uscire dal seggio!... ma ho prontamente replicato che c'era gente che aspettava e che io stesso mi ero recato presto non certo per intralciare qualcuno ma perché avevo altri impegni!... Ho fatto notare che ancora non si era provveduto a registrare i miei dati… e che… quindi sarebbe convenuto a tutti che ritornassi in un momento di più calma… dando il tempo alla commissione di informarsi e informarmi meglio sul da farsi!… Una scrutatrice mi ha perfino ringraziato… mentre mi si permetteva di andarmene!… Ero già fuori della scuola… sede di seggio… quando lo stesso carabiniere mi ha chiamato per annotare i miei dati su un suo registro!… Erano circa le otto e dieci!… Tornato a casa ho subito inviato una mail a chi mi aveva chiesto notizie circa il rifiuto della scheda!… Ecco il testo della mail… “Ciao Xxxxxx… Sono appena tornato dal seggio di Xxxxxxxx (XX)… dove… presso la sez. n. x… mi sono presentato per primo… alle ore otto!… Ho subito consegnato tessera e documento… dichiarando di voler rifiutare la scheda!… Gli scrutatori si sono dimostrati impreparati… perché hanno cominciato a consultare le norme!… […] Ho quindi proposto di ritornare un altro momento… visto che ancora si stavano consultando le norme!… e che i miei dati non erano stati registrati. […] Ciao!”!… Lunedì… verso le 13 e un quarto… sono ritornato al seggio!… Secondo l'interpretazione del presidente… non ritirare la scheda e la matita sarebbe equivalso a turbare il regolare svolgimento delle operazioni di voto!… quindi… per evitare fastidi… ho optato per il ritiro con immediata riconsegna sia della matita che della scheda… senza però entrare in cabina!… e nulla a verbale!… L’unica conseguenza diversa dal voto in cabina è stata che la scheda non è stata infilata nell'urna ma messa da parte per una diversa catalogazione!… Perché non ho più chiesto di verbalizzare la motivazione?… Perché… da un po’ di tempo… mi sono convinto che certe “verba” rimangono di più o volano di meno di incerte “scripta”!… Un esempio fra tutti… il “Vaffanculo”! FINE

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook