• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Riunioni fatte in casa e amarezza
    23
    apr.
    2008

    Riunioni fatte in casa e amarezza

    Condividi su:   Stampa

    Vorrei far notare che la forma è anche sostanza nel caso di Berlusconi che riunisce il suo gabinetto a casa sua. Lui è il padrone di casa e gli altri sono soltanto suoi ospiti. Chi non si comporta bene non viene più onvitato e cambia ministro al Governo.Lui è diventato padrone, o c'è nato con la mentalità di padrone. Un capo stato di Stato normale usa le sedi istituzionali per discutere i problemi del Paese, lui usa casa sua per discutere i problemi personali, leggi affari, interessi, imbrogli, raccomandazioni, marchette, ecc.Post inviato da: Cesare Beccaria

    Caro Beha, sono uno di quelli che piange sul latte versato. Ho votato Veltroni per contrastare Berlusconi, ho votato malvolentieri e nei giorni precedenti alle alezioni non ho mai parlato di quello che pensavo, di quello che avrei fatto, con parenti e conoscenti. Ho deciso domenica mattina, già in cabina. Ero in dubbio sull’astenermi, ma poi ho fatto quello che sentivo. Bene, forse se tutti noi avessimo discusso di più, ragionato di più, analizzato più a fondo la situazione e utilizzato la democrazia per cambiare le cose, beh forse ora non staremmo così. Siamo tutti anestetizzati, rendiamocene almeno conto. Facciamo in modo che sia quantomeno un deperimento consapevole. Quanta amarezza.Post inviato da: Giorgio Boccassini

     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    melomelonis .
    Caro Beha, perchè te ne andasti? Perchè mi devo sorbire i vari Aldo Forbice, Falcetti etc... che hanno cucito addosso trasmissioni che giorno dopo giorno sono come degli anestetici per gente che soffre (alias: pensa)? A proposito di Aldo Forbice con il suo Zapping serale: sono rimasto di stucco come ha trattato e bloccato, nella sera del 29 aprile, un radio ascoltatore appena questi ha pronunciato il nome di Beppe Grillo (persona che, pur non convidendone molte iniziative, apprezzo) e come abbia offeso, tacciandoli per allocchi, tutti quelli che danno ascolto al comico. E' proprio vero, al peggio non c'è mai fine.
    sil lan .
    Caro Giorgio, io non ho votato Veltroni, ho votato Di Pietro, ma con le stesse motivazioni e gli stessi dubbi : oltre a ciò, la stessa amarezza...

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook