• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > La birmania chiede di nuovo aiuto
    08
    mag.
    2008

    La birmania chiede di nuovo aiuto

    Condividi su:   Stampa

    UN'ECATOMBE. SI TEMONO PIÙ DI 50MILA MORTIda Articolo21.infoUna catastrofe naturale e umanitaria senza precedenti in un paese già martoriato da decenni di durissima dittatura militare. Un paese in ginocchio. Oltre 24 milioni di persone, quasi la metà della popolazione birmana sopravvive da sempre nella regione del delta dell’Irrawaddy. Il grande fiume birmano, circondato da villaggi di pescatori e contadini. Anche la ex capitale birmana Rangoon è stata colpita duramente dal ciclone. Centinaia di migliaia di persone sono rimaste senza tetto, senza acqua, senza cibo e senza prospettive.

    Anche il famigerato carcere di Insein a Rangoon, dove sono detenute migliaia di  persone tra cui centinaia di prigionieri politici è stato colpito dal ciclone che ha scoperchiato i tetti di una parte degli edifici. L’emergenza umanitaria è drammatica Se la situazione non fosse così catastrofica, ci sarebbe di che ridere. Purtroppo però nel paese con un esercito di oltre 500.000 soldati:  tra i primi 15 al mondo per dimensione del settore difesa il regime sembra essersi dileguato. Tutto intenta confermare il suo referendum che si terrà il 10 maggio prossimo per l’approvazione della costituzione scritta a sua immagine e somiglianza, la giunta ha concesso  solo 14 giorni in più per gli abitanti delle zone colpite dal ciclone. Infatti, per gentile concessione, in questa regione il referendum è stato spostato al 24 maggio prossimo. Un segnale chiaro di  come non riesca neanche in questa situazione a pensare minimamente al bene del

    suo popolo.Un esercito che ha continuato a reclutare forzatamente migliaia di giovani e di bambini soldato durante e dopo la repressione delle pacifiche manifestazioni  dell’autunno scorso, oggi si è squagliato come la neve al sole. Le strade a quattro giorni dal ciclone continuano ad essere completamente ostruite dai detriti e dagli alberi caduti. La gente vaga senza poter trovare alcuna forma di assistenza. Mentre durante lo tsunami la giunta aveva rifiutato gli aiuti internazionali oggi, considerate le dimensioni devastanti del ciclone ha dovuto arrendersi e ha chiesto il sostegno delle organizzazioni internazionali della famiglia dell’ONU.ma questi aiuti potranno essere convogliati solo attraverso il governo e le proprie organizzazioni. Ad oggi poi rimane incerta la possibilità per i funzionari ONU di poter ottenere i visti di accesso al paese. E ancor più difficile rimane ottenere informazioni sulla dimensione delle zone colpite e sul numero delle persone coinvolte. Un quadro veramente terribile rispetto al quale l’opposizione democratica birmana a partire dal Consiglio Nazionale dell’Unione Birmana: NCUB  hanno lanciato appelli alla comunità internazionale per chiedere aiuto. La CISL ha raccolto questo appello e ha  lanciato una raccolta fondi che verranno destinati alle vittime attraverso le organizzazioni sindacali clandestine e il Consiglio Nazionale dell’Unione Birmana.  Infatti se le restrizioni imposte dalla giunta rimarranno tali, si porrà  un grosso problema di trasparenza nella gestione degli aiuti. Tutti sanno come funzionano in Birmania le organizzazioni gestite dal regime. Tutti conoscono il livello di corruzione. Un paese che era considerato la ciotola di riso dell’Asia  e che prima del ciclone era stato piegato dalla miseria e dall’abbandono oggi è prostrato dal dolore e dalla disperazione di questa tragedia.  Alcune settimane fa è stato lanciato un appello in vista del referendum per sostenere la riapertura di 4 radio che operano clandestinamente in Birmania. Nessuno o quasi ha raccolto questo appello. Oggi speriamo che la solidarietà  italiana si faccia viva e si svegli dal torpore in cui cade ogni qual volta  si esce da una situazione di emergenza. Tutti a settembre scorso erano diventati un pochino birmani. Poi si è passati ad altro. Oggi la Birmania bussa di nuovo alla nostra porta. Dobbiamo augurarci che qualcuno apra e  contribuisca nel modo giusto a far arrivare dove serve veramente un contributo finanziario ma anche politico. Per questo è bene chiedere che gli aiuti dati dalla UE vengano devoluti anche alle organizzazioni dell’opposizione birmana, per due ordini di motivi. Uno politico: bisogna dare il segnale che in quel paese non c’è solo la giunta militare, l’altro pratico: questo è anche un modo per far arrivare a tutti, indistintamente dalla loro appartenenza politica, il sostegno necessario a rimettere in piedi il paese.www.birmaniademocratica.org
     

    Postato da Editor1
     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook