• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Qui rimbalza solo il pallone…
    14
    mag.
    2008

    Qui rimbalza solo il pallone…

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, pubblicato su l'Unità del 14 maggio 2008Il popolo degli interisti si preoccupa: non finirà come è finita troppo spesso nell’ultima generazione? Scendono in campo i vip nerazzurri e chiosano. Il popolo dei romanisti fa le fiche dantesche: speriamo nel miracolo! Si schierano con la cabala il colto e l’inclita. Il popolo dei calciomani esulta per il solo fatto che il pallone rimbalzi fino all’ultimo, e ci possa essere pur sempre una sorpresa. Di adrenalina c’è sempre bisogno. Ma il popolo italiano di che altro si può sorprendere, che cos’altro vede rimbalzare negli spicchi di realtà,  sui teleschermi, sui giornali ecc. ,  di che cosa si può davvero stupire per dedicare pathos e cervello a qualcosa?Del cosiddetto “caso Travaglio” che eventualmente sarebbe piuttosto un “caso Schifani”? Già visto, già sentito, anche se allora si trattava,  anni fa, era-Luttazzi,  dell’azionista di maggioranza e amministratore unico del Paese e della tv. Oppure della Rai,  che si sospetta essere "in mano ai partiti” meglio se di maggioranza? Ma via, non scherziamo, anche nel tasso d’ipocrisia del sangue ci dovrebbe essere un limite, altro che la glicemia… O ancora di cosa deve o non deve, può o non può,  sa o non sa fare un conduttore tv con milioni di telespettatori, dissociato o pentito che sia quasi lo si ritenesse uno spaventato brigatista dell’etere? Anche qui, niente di nuovo e tutto di vecchio, con una tendenza commovente all’indifferenziato, all’indistinto, tra intervista e conversazione, intrattenimento e cabaret ecc., tanto che tutti sono abilitati a far tutto e invitano gli ospiti con il criterio del “casino mediatico” e possibilmente degli ascolti, Sgarbi docet.

    Magari si potesse ragionare davvero su come funziona l’informazione, la tv, il rapporto malato e stradipendente con la politica a partire dal caso in questione, o da qualunque altro pretesto/sintomo. Macché: non vi fate fregare, non c’è in ballo il diritto/dovere all’informazione e all’informazione corretta, bensì tutto il resto che ne vuole prescindere. Schifani deve poter fare tranquillamente Schifani,  “perché è stato eletto” ed è la seconda carica dello Stato, il resto non conta, la memoria serve solo per gli altri e la moglie di Cesare è da un pezzo sulla strada. O è per caso sorprendente che il Consiglio Superiore della Magistratura stia sul punto di defenestrare/rimuovere/trasferire il Gip Clementina Forleo? Alzi la mano chi si meraviglia di tali sviluppi della questione “scalate bancarie e commistioni di partito” malauguratamente intercettate telefonicamente (tranquilli, con una legge tra poco sarà tutto a posto). Ma alzi la mano anche solo chi si ricorda chiaramente, nel flusso di notizie che si sovrascrivono,  di che cosa sia stata davvero la vicenda-Forleo. Ed è davvero sorprendente l’apertura di dialogo di Berlusconi a Veltroni, per cominciare la legislatura pacatamente, in serenità, tra un governo-ombra e un’ombra di governo, per cui adesso è tempo non di barricate antiberlusconiane bensì di “fioretto e ironia” (dapprincipio avevo addirittura equivocato sull’uscita del Presidente del Consiglio, pensando al fioretto come opera di bene e sacrificio…)? Ma scusate,  perché dovrebbe essere sorprendente? Intanto in un qualunque Paese civile il dialogo tra maggioranza e opposizione è non una stranezza ma la normalità; poi il dialogo si misura sulle cose da fare e non da dire; infine Berlusconi è sempre stato formidabile nel tirare e allentare le briglie, è un mestiere, è legittimo,  e lo sa far bene. Il punto sono le decisioni, le leggi, i comportamenti. Il resto è “ammuina”, quindi il contrario dello stupore e del rimbalzo. E qualcuno è per l’appunto caduto dalla sedia leggendo di Papa Benedetto XVI che prendeva di mira la legge sull’aborto? Non ci posso credere. Anche questo è un classico: dai tempi di Pasolini, trentacinque anni fa, quando limpidamente sosteneva due cose insieme sacrosante e non contraddittorie, cioè  di essere sì contro l’aborto (chi può essere a favore dell’aborto in nome di Dio ma allora anche del Comitato Centrale?) ma a favore della sua legalizzazione,  dai tempi di Pasolini dicevo periodicamente quando la situazione politica si presta di più o viene fiutata come adatta, qualcuno, a partire dalle gerarchie vaticane e poi giù per li rami fino ai panzer in libertà,  profitta per minare la 194. Discussione sempre politica spicciola, mai davvero etica, culturale, politica in senso pieno. Per non scendere giù fino al caso Sgarbi, non nel senso televisivo dello scandalo travagliesco anche se i due non hanno nulla in comune, bensì in quello dell’assessore sbolognato dal sindaco di Milano e ribolognato da quello di Roma: davvero ritenete sorprendente, straordinario, intrigante un risvolto simile della vicenda ? Ma via…Mi fermo qui. E così ci resta il pallone,  e il fatto che tutto ciò che sembrava deciso da settimane con fenomenali interessi economici dietro venga ribaltato in un fiat da un rigore ( per di più concesso con criteri aziendal-padronali…) sbagliato. E il pallone sia dunque destinato a rimbalzare ancora una volta domenica prossima, incrociando i destini di squadre e tifosi, di piccole patrie in mutande, sciarpe, berretti di tradizione medieval-comunale in giro in lungo e in largo per la penisola (meno i romanisti bollati dal Viminale come agenti di pericolo), facendo finta tutti quanti in una strabiliante recita che ancora tutto possa accadere, che la palla sia rotonda e il pallone rimbalzi con l’autenticità che altrove non c’è più. Pensare che giusto due anni fa un governo ancora in via di giuramento al Quirinale si accompagnava allo scandalo già sfatto di Calciopoli: come sapete,  successivamente nulla di nulla, prima nel pallone ancora tutto da rivedere a parte i “cinghialoni espiatori”, poi nel governo finito come è finito,  in entrambe le situazioni probabilmente senza sorpresa. E invece siamo qui, al discorso di fiducia del Berlusconi IV che si augura come tutti ci auguriamo – ma nella realtà, non nella sua rappresentazione – una meterologia migliore, visto il maltempo che ci opprime. E nell’assenza di suspence,  affidati a un’ultima “domenica da brividi” per riossificare il resto della settimana.  Da “Rialzati,  Italia !” a “Rimbalza, pallone !”,  insomma: non c’è che dire, non ci possiamo davvero lamentare. (P. S. Non so se questa nota favorisca il dialogo oppure no, ma confesso che la cosa, almeno nei termini ambigui in cui ormai  viene presentata  quasi dappertutto, mi lascia di un disinteresse che ha del subumano).

     commenti
    Commenti
    7
    Lascia un commento
    fedcba100 .
    salve sono 1 sign.ra con 1figlio invalido al 100 per cento,l"anno scorso mi arrivò 1lettera dalla uniriscossioni dove mi dissero che avevano messo 1 ipoteca sull"appartamento dove viviamo,senza nessun avviso o solleciti o perlomeno io non ho ricevuto,per bollettini di mense scolastiche,notare che partono dal 1998 e sebbene i miei figli da ormai anni che non usufruiscono più da 1200 euro che secondo il loro calcolo dovrei hanno richiesto la bellezza di 3700 euro più l"ipoteca,trovate giusto che se 1persona non può pagare mettono l"ipoteca e fanno arrivare il conteggio alle stelle?per giunta sulla pelle di1ragazzo invalido poichè era lui che ne usufruiva?già sono piena di problemi e preoccupazioni poichè non so come fare a risolverla potessi almeno pagare 1pò per volta ma loro mi dicono che non si può cosa devo fare per non perdere il mio piccolo alloggio?c"è qualcuno che può aiutarmi?grazie
    Chip En Sai .
    Beh... mi sembra ora... prima che questo post *sparisca* nell'archivio (scripta manent?!... salvo la legge dell'entropia!)... darò le risposte promesse!... 1) Schifani non poteva non avviare una querela!... in caso contrario... Travaglio avrebbe continuato con "... avete visto?!... se non mi ha neppure querelato..."... ecc.!... Una mossa forzata (come si dice negli scacchi!)... con la quale... se non altro si riesce a durare di più!... e... bisogna dire... che questo tipo di mosse non sono sempre vincenti per chi le impone... anzi!... 2) Non credo che gli avvocati di Schifani baseranno tutto sulla trasmissione televisiva di Fazio!... circolano altri documenti in rete... molto più importanti e decisivi!... Credo che questa volta Travaglio non se la caverà senza molta fatica!... ma... se Schifani è davvero un brava persona... lo dovrà dimostrare soprattutto nel caso dovesse prevalere in un'eventuale causa!... al suo ruolo istituzionale si addicono la temperanza e la magnanimità!... Vinca il migliore!... anche se io (non so perché!) tifo per Marco! :-)
    ippodrillo .
    Bene chip en sai proverò a dare un contributo. Intanto nei giorni passati mi ero un pò stupito del fatto che sul suo sito il dott. Beha non avesse accennato al caso"annozero", leggo ora il p.s. dello stesso sul presente articolo e intuisco (anche se posso sbagliare) un certo sconforto. Sembra tutto un gioco vero dott. Beha? Mi trovo perfettamente concorde in merito alla presenza di Sgarbi nel programma di Santoro. La presenza del critico d'arte è stata voluta solo per ragioni di audience proprio perchè ci si aspettava che facesse quel che ha fatto. Come si dice a Roma "buttarla in caciara" perchè buttarla in caciara fa audience. Sgarbi non si è tirato indietro, ma ha fallito in un certo senso perchè come si dice a Roma "s'è fatto sgamare." Un comportamento palesemente artificioso. Spero solo che Travaglio abbia semplicemente dovuto sottostare al gioco e non se ne sia reso partecipe. Certo però che se io avessi ricevuto così tanti insulti gratuiti non avrei certo indugiato nel presentare una bella querela per diffamazione, ma ognuno di noi è mondo a se. Caso Schifani. Credo che l'unica cosa a cui si potranno attaccare è il lombrico e la muffa. Tutto il resto dichiarato da Travaglio mi sembra sinceramente non censurabile poichè rispondente a verità. Non si può pretendere di celare determinati fatti per evitare che il pubblico compia deduzioni logiche sfavorevoli. Non possono trattarci come infanti senza cervello. Bene ha fatto Travaglio, gli si può semmai e tuttavia muovere la critica di non aver meglio precisato gli anni intercorsi fra gli accadimenti riportati.
    renfio .
    Qualcuno già dice che Travaglio è stato amico di un mafioso...........peccato che Travaglio non occupa posto politico ma giornalistico e se ciò fosse vero sarebbero eventualmente problemi suoi ed al massimo della giustizia. Non si può sempre dire che spoco io sporco lui allora va bene così. Non funziona così non ci si divide tra più o meno disonesti ma tra onesti e disonesti quindi se Travaglio avesse commesso un illecito non giustifica nessuno nel commetterne altri. Chiunque delinque è disonesto. Attenti che finisce male il futuro non lo vedo felice.............
    zetazeta .
    Benedetto XVI,Materazzi,Schifani,Spalletti,Travaglio,Berlusconi,Veltroni...e poi ancora,Fini,Sgarbi...dimenticato qualcuno? Sicuramente si. Comunque,partendo da questo,sicuramente,si ha la sensazione che tutto sia una brodaglia immangiabile,dove c'è tutto e il contrario di tutto.La "pax berlusconiana" ormai domina il paese e guai a chi rompe il "dialogo"tra il Papa e Materazzi o chi getta ombre sinistre(?) tra Schifani e Spalletti. Caro Chip En Sai tra poco chiuderrano anche L'Accademia della Crusca.Hai visto mai.....? Nuoce al dialogo sulle riforme........ma mi faccia i piacere......
    Chip En Sai .
    Va be'... aspettando l'Accademia della Crusca... proverò io ad avviare il dialogo (nella vecchia accezione!) o... meglio... la discussione!... Prendo spunto dal primo tema che hai toccato!... e lo chiamo il "caso Travaglio-Schifani"... per concedere al dibattito... almeno all'inizio... una formale quanto doverosa equidistanza da parte mia (essendo io il proponente!)!... Più avanti dirò come la penso o come scoprirò di pensarla... anche alla luce dei contributi di chi vorrà intervenire!... Propongo questo tema non perché l'hai sfiorato per primo... ma perché prevedo (con facilissima profezia!) che esso riempirà le pagine dei giornali e il dibattito televisivo fino almeno all'eventuale sentenza definitiva di un probabile processo a carico di Marco Travaglio!... Partirò da due domande... 1) Ha fatto bene Schifani ad avviare una querela contro Travaglio?... 2) Abbiamo elementi sufficienti per dire già oggi come andrà a finire?
    Chip En Sai .
    A me non resta neanche il pallone!... in quanto al "dialogo"... è vero... stante il Veltrusconi... dobbiamo sospenderlo ed attendere la nuova definizione dell'Accademia della Crusca!

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook