• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Lavoro e intermediazione/caporalato/pizzo
    21
    mag.
    2008

    Lavoro e intermediazione/caporalato/pizzo

    Condividi su:   Stampa

    Salve, propongo il seguente argomento (mi sarebbe piaciuto a radiozorro): l'intermediazione di lavoro in Italia sta dilagando, al nord come al sud, nonostante che solo le agenzie di lavoro interinale siano autorizzate per questo.

    Milioni di lavoratori si vedono sottrarre almeno il 30% del loro stipendio da, come possiamo chiamarli: faccendieri, intermediari, papponi, gente che si prende il pizzo?Nel mio settore (l’informatica) ALMENO il 50% dei lavoratori lavora tramite intermediari, e non è raro che questi siano più di uno. La settimana scorsa un’azienda che chiameremo A, mi ha mandato a fare un colloquio presso l’azienda B (un gruppo di 21 aziende, che occupa circa 1000 lavoratori, di cui il 95% presso clienti esterni), che mi avrebbe ‘girato’ bellamente a C come fossi un dipendente di C. Il contratto però sarebbe stato (a progetto, chiaro), con A. Praticamente ‘Arlecchino servitore di 3 padroni’. Sarebbe interessante fare un colloquio con un registratore e poi tornare a chiedere lumi.A tutto ciò sembra che non siano interessati i seguenti enti (cui ho mandato mail senza ricevere risposta):- il ministero del lavoro- l’ispettorato centrale del ministero del lavoro – i sindacati – la confindustria (che strano) – le agenzie di lavoro interinale, che (per quieto vivere?) si lasciano tagliare fuori da un mercato da milioni di euro questo mentre tutti continuano a ripetere che i dipendenti guadagnano troppo poco.Sull’argomento c’è una vera e propria censura, nessuno ne parla (tranne, un poco, Report).Distinti salutiP. DV.

     commenti
    Commenti
    2
    Lascia un commento
    Anonymous non tanto .
    11/09/2016 alle 10:48
    tante delle agenzie interinali sono società di copertura dei servizi, deviati, e non. massoneria e altro. Il caporalato è solo la punta dell'iceberg, dietro tutto questo c'è di peggio, ovvero la possibilità facile (e praticata) di decidere le sorti (percorso lavorativo) di chi deve vivere per lavorare e di chi deve lavorare per vivere, e di chi invece deve controllare, dirigere dominare (i figli della casta). Infine come accade spesso nella storia, quando non basta il giochino del bastone e della carota per far capire al lavoratore chi domina, assistiamo ai suicidi stimolati di alcuni esperti informatici, cosi in italietta cosi all'estero. Il problema di fondo è sempre lo stesso, esiste una classe di incompetenti manovrata da poteri antichi, di derivazione militare a cui non piace cedere il potere. Tuttavia la velocità con la quale il progresso avanza ci farà assistere ad un ribaltamento mai accaduto prima nella storia dell'uomo, dove non sarà piu la forza militare o il potere economico a controllare e dominare, ma sarà la nascente classe di esperti informatici che acquisiranno il controllo dell'informazione. Anonimo sardo, senza lavoro da anni per avere preso a calci in culo agenzie di copertura governative estere e italiane spaciate per agenzie informatiche.
    rientrato tardi .
    Signor P. DV. mi dispiace informarLa che e' da quasi un decennio che va avanti questa storia (quella da lei raccontata). Su internet c'e' un'ampia letteratura sul caporalato informatico (e non). A seconda delle persone che incontrera', in futuro, le risposte che ricevera' a tale proposito saranno , piu' o meno, le seguenti: 1)Risposta del solito stronzo (la bella speranza mai diventata venerato maestro) dirigente di azienda statale con posto fisso: “Se sei bravo come sembra apri una partita IVA e mettiti in proprio! Mio nipote ha fatto cosi' ed ha fatto una barca di soldi!” ( NB: Il nipote ha di solito un appalto trentennale in qualche Ministero, Regione, Provincia o ASL e in piu' fa qualche consulenza, cosi' tanto per gradire, ad aziende fornitrici dell'azienda statale dello zio). 2)Risposta del parassita che si becca piu' del 30% del tuo stipendio: “La mia vocazione e' trovare lavoro agli altri...me la vorrai riconoscere si o no? E poi non farla tanto lunga perche' cio' la fila fuori piena di ingegneri del sw indiani,cinesi, magrebini e vietnamiti con quattro masters pronti a lavorare per me per un piatto di riso!” 3)Risposta del solito raccomandato dal “Mastella” di turno: “Io sono entrato come precario e dopo sei mesi hanno visto che non potevano fare a meno di una figura come la mia e mi hanno assunto. Bisogna avere la passione e sapersi rendere necessari” (Con un PIL al zero virgola nulla “rendersi necessari” a che cosa rimane pero' un mistero. Per quanto riguarda la “passione” La rimando alla lettura della ormai famosa "Domenica del Duca" e del suo guga-guga http://wricet.blogspot.com/2007/12/standing-ovation.html ) 4)La BALLA che non fa piu' ridere del politico di turno: “Quasi il 70% dei precari nel giro di poco tempo vengono stabilizzati” (Leggasi: Tu fai parte del 30% di sfigati che nessuno vuole ed io sono qui non per darti un soluzione ma solo per farti sentire in colpa mentendo spudoratamente in televisione con dati taroccati) 5)Risposta del trollone finto arricchito che racconta di avere un panfilo attraccato a S.Margherita Ligure che lo aspetta, ma che il Venerdi' notte e' ancora sul forum ( tipo quello di Punto Informatico, ad e esempio) a bisticciare con un lammer: “Ma sei ancora li a fare il precario?! Ma noo dai! Guarda, io appena laureto sono andato a lavorare a Londra” (Londra e' piena di neolaureati che non sanno fare un tubo ma sono tutti dirigenti...mistero... dirigeranno il traffico...) “poi sono stato in Irlanda per otto mesi e ancora un anno a New York. Ora” (dopo tutto sto girare) “sono tornato a casa “(da mamma e papa' che vivono nell'appartamento accanto) “e ho aperto un'azienda” (cioè' una porcata tipo il 2) messa su forse dal papa' ma un po' piu' professionale) “e guadagno i miei 200k euri netti l'anno...chi non guadagna quelle cifre e' uno sfigato” (NB: Se gli si chiede nome e cognome o indirizzo della sua azienda sparisce per una decina di giorni dal forum poi dopo un po' ritorna perche' entra in crisi di astinenza da trolling) 6)Risposta (fuori tema) dell'imprenditore del Nord-Est: “Linux? Cosa e'? Lo tiri su dal naso? No? Ma allora cosa e'? Fa i pompini? No? allora non mi interessa, e' troppo caro, poi quest'anno devo cambiare il Suv e devo farmi tature una freccia arabescata sul culo ed inchiodare la lingua...troppe spese...” Altri al momento non mi vengono in mente, ma la strada della vita e' lastricata da molte tipologie di stronzi che non si possono elencare tutte qui. PS: Se vi urta il linguaggio di questa cruda realta' cancellate pure il commento: non la riterro' una censura e la mia stima per Beha rimarra' inlterata. Saluti

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook