• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Sei operai morti per le esalazioni. pulivano la vasca ...
    11
    giu.
    2008

    Sei operai morti per le esalazioni. pulivano la vasca di un depuratore

    Condividi su:   Stampa

    da Corriere.itLa tragedia è accaduta a Mineo, a 53 chilometri da Catania. CATANIA - Sono ancora nel fondo della cisterna del depuratore di Mineo dove hanno perso la vita i sei operai che stavano lavorando per pulire un filtro. Sul posto è appena arrivata una squadra speciale dei vigili del fuoco, la Saf (Speleo alpino fluviale), per tentare di recuperare le salme. Intanto emerge una prima ricostruzione di quella che potrebbe essere stata la dinamica dell'incidente. Due operai avrebbero calato una scala in alluminio nella vasca che ogni mercoledì veniva ripulita e sarebbero entrati con un tubo che immette acqua ad alta pressione. A quel punto, per motivi che ancora non sono accertati con sicurezza, i due si sarebbero sentiti male e gli altri quattro sarebbero via via intervenuti per aiutarsi a vicenda.

    MERCOLEDI’ MATTINA – Questo sarebbe accaduto in mattinata. L’episodio è confermato dal sindaco Giuseppe Castania: «Ogni mercoledì mattina – ha detto – ci sono dei controlli al depuratore e gli operai non sono tornati a casa. Così alle 15,30 alcuni dei loro familiari sono venuti al Comune per chiedere informazioni. Un loro collega è andato sul posto a verificare e li ha trovati morti. Ha dato subito l’allarme e poi è stato colto da malore, ha avuto un violento choc emotivo dal quale si è ripreso».
    LA DINAMICA – I sei operai non indossavano alcuna protezione per le vie aeree. A confermarlo è il comandante dei Vigili del Fuoco di Catania, che coordinale operazioni per il recupero dei cadaveri. I soccorritori li hanno trovati riversi in una vasca di sedici metri per 5 metri di profondità, coperti dalla melma che affluisce dalle due vasche adiacenti. La griglia di protezione era stata asportata. L’ipotesi più accreditata al momento è quella di un intossicazione da esalazioni mortali. Anche se non si esclude la possibilità di una scossa elettrica che avrebbe colpito il primo operaio e a catena gli altri intervenuti per soccorrerlo. Sarà in ogni caso l’autopsia a far luce sulle cause della morte.
    ABBRACCIATI – «Sono morti abbracciati uno con l’altro, quasi certamente nel tentativo di salvarsi a vicenda». La drammatica testimonianza è di Don Minè Valdini, parroco della chiesa di Sant’Agrippina, patrono di Mineo, che ha visto le sei vittime all’interno del depuratore dove è avvenuta la tragedia. «Sono morti – ha aggiunto il sacerdote, trattenendo a stento la commozione – con un gesto d’amore. Un atto di generosità che purtroppo non è servito a nulla».
    OPERAI COMUNALI – Dei sei operai morti mentre lavoravano nel depuratore consortile di Mineo quattro erano dipendenti comunali, due di un’azienda privata. I nomi dei dipendenti comunali sono: Salvatore Pulici, Giuseppe Zaccaria, Natale Sofia e Giuseppe Palermo. I dipendenti comunali erano tutti sposati e con bambini.
    FAMILIARI – «Voglio vedere Giovanni, e fatemi vedere subito mio figlio, non ci posso credere…». Si dispera e piange in continuazione la mamma di Giovanni Sofia, uno dei sei operai deceduti nell’incidente del lavoro nel depuratore di Mineo. La donna sostenuta da due familiari cerca di varcare il cancello, controllato da carabinieri e vigili urbani, ma inutilmente. Sulla stradina che si inerpica verso Mineo, tra rovi e fichi d’india selvatici e piccole strade sterrate il dolore dei familiari delle vittime è evidente ma sommesso, quasi controllato. Tutti si abbracciano forte di loro cercando di darsi inutilmente conforto e sostegno a vicenda. La moglie di una delle vittime, giovanissima, urla: «Perchè proprio a me, mio Dio non è possibile». Attorno al depuratore ci sono decine e decine di familiari. «Sulla sicurezza del lavoro – grida uno di loro – nulla è imprevedibile, anche in questo caso evidentemente».
    IMPIEGATI SCONVOLTI – Nel comune di Mineo gli impiegati sono sconvolti. Al telefono una donna tra le lacrime dice: «Tra i morti vi sono quattro nostri colleghi. Il sindaco appena appresa la notizia è andato al depuratore dov’è avvenuta la tragedia». Mineo, 5700 abitanti, si trova nell’entroterra catanese, a 53 km dal capoluogo, tra Caltagirone e Palagonia. È un paese di tradizioni agricole, vi sono molti produttori di olive, con un centro storico medievale. A Mineo nacque lo scrittore Luigi Capuana, uno dei padri del «verismo».
    I PARENTI – Scene di dolore quando sono giunti sul luogo della tragedia i parenti dei sei lavoratori. La polizia municipale ha transennato l’area, dove ci sono anche mezzi dei vigili del fuoco, ambulanze e carabinieri. «Nel depuratore erano in corso lavori di manutenzione», dice Nuccio Valenti, segretario Cgil nel comprensorio del Calatino, appena giunto nella zona della tragedia. L’impianto depura le acque della rete fognaria del comune e si trova a circa quattro chilometri dal centro abitato.
    AREA SOTTO SEQUESTRO – Il capo della procura di Caltagirone, Onofrio Lo Re, ha aperto un’inchiesta e ha sequestrato l’area del depuratore consortile di Mineo dove sono morti i sei operai. Sul posto sono in azione anche i reparti specializzati anti-batteriologici e il Nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco. la pista privilegiata resta quella del decesso provocata dalle esalazioni tossiche sprigionate dalla vasca che raccoglieva le acque fognarie del territorio.
    IL PREMIER – «Ho appreso di questa grave notizia di un incidente in cui sono morti 6 lavoratori. Ho cercato personalmente il ministro del Lavoro per chiedergli di recarsi sul luogo per verificare la dinamica dell’incidente. Alle famiglie vanno le condoglianze e l’aiuto concreto mio personale e del governo». Così il premier Silvio Berlusconi, a Napoli, commenta la tragedia avvenuta a Mineo, nel Catanese.
    SCHIFANI – Il Presidente del Senato, Renato Schifani, ha informato l’Assemblea di Palazzo Madama della morte dei sei operai. Dopo aver espresso il cordoglio del Senato, il Presidente ha invitato l’intera Assemblea ad un minuto di silenzio.
    GIORNATA LUTTO IN SICILIA – Il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, «ha proclamato una giornata di lutto in Sicilia per dare un segno immediato dell’adesione di tutti i siciliani allo strazio delle famiglie». Lombardo, «appresa la notizia della morte dei sei operai», ha chiesto all’assessore al lavoro Carmelo Incardona di raggiungere immediatamente il luogo dell’incidente. Lo stesso presidente, impegnato in un’altra zona della Sicilia, si è subito messo in movimento per raggiungere Mineo».
     

     commenti
    Commenti
    0

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook