• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Euromalelingue / siamo tutti ucraini
    30
    giu.
    2008

    Euromalelingue / siamo tutti ucraini

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, pubblicato su l'Unità del 30 giugnoNon hanno fatto in tempo a finire questi Europei un po’ svizzeri e molto austriaci, lodati per una serie di ragioni espresse anche qui recentemente, che “naturalmente” si è già all’opera per buttare a mare ciò che di buono questi Europei sono stati. L’edizione a 16 squadre è stata giustamente selettiva regalando la maggior parte di partite più che vedibili, oltre a qualche match davvero soddisfacente? E allora già pensano di allargare il lotto a 24 modello Mondiali, ovviamente sempre e solo per motivi economici, soprattutto di diritti tv. Gli stadi dei due Paesi ospitanti sono stati all’altezza? Ecco che invece siamo già a chi rischia di non fare in tempo per la puntata del 2012, affidata per “penetrazione rotondocratica” a Polonia e Ucraina: la Polonia è legata a un filo, l’Ucraina sta già gettando la spugna. Non ci sarebbero i tempi, i soldi, gli stadi. Così si riaprono le fauci spalancate dell’Italia, già bocciata nell’aprile 2007 dall’Uefa di Platini, pronta a contendere alla Germania, che sarebbe pret a porter dopo i Mondiali 2006, l’organizzazione della prossima edizione.

    Quindi niente Ucraina, Polonia in forse ma stoppata dalla defezione del Paese partner, via a chi offre di più per l’ennesimo show. Si spera che la situazione generale del nostro Paese sconsigli quella che sarebbe un’avventura e un diversivo da esigenze e necessità molto più pressanti. Lo so,di solito organizzare un evento sportivo internazionale – e l’Italia negli ultimi vent’anni ha ospitato di tutto e di più manco fosse la Rai… e difatti, difatti… – è una stupenda chance per affari e finanziamenti paralleli della politica, c’è una sterminata letteratura naturalmente non solo italiana  su tutto ciò. Il movente “sportivo”, in tutta la ricchezza semantica dell’aggettivo, è l’ultima o la penultima delle preoccupazioni. Ma a maggior ragione, non si facciano scherzi. Non qui e ora, per favore. Magari quando ci saremo ripresi (dopo i Mondiali di nuoto a Roma, ecc. ecc.), vedremo. Siamo tutti ucraini, almeno per ora.
     

     commenti
    Commenti
    1
    Lascia un commento
    Chip En Sai .
    Uno non può cominciare a sperare che...

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook