• Biografia
  • articoli
  • scrivimi
  • Oliviero Beha
     
    Home > articoli > Oltre mutu, tra gli alberi…
    29
    lug.
    2008

    Oltre mutu, tra gli alberi…

    Condividi su:   Stampa

    di Oliviero Beha, pubblicato su l'Unità del 25 luglioC’è una lezione da trarre dal recente caso-Mutu buona per tutto il mondo del pallone? Una considerazione che vada oltre la banale osservazione dei calciatori “tutti mercenari”, delle bandiere che non sventolano più,delle dichiarazioni di eterno affetto smentite il giorno dopo e riaffermate il giorno dopo ancora? E oltre la rassegnata disamina dello stato dell’informazione sempre o quasi prona nei confronti del potere o di quello che si ritiene al momento essere il più forte, senza attenzione alcuna alla logica, ai valori, all’indipendenza di giudizio di chi racconta e recensisce le avventure “teatrali” del pallone (come peraltro del resto)?Vediamo. Non vi è chi non veda che la vicenda del famoso “divin giostraio” romeno, idolo fenomenologico di Firenze fino a quando non è sembrato sul punto di andarsene non per soldi ma per denaro, non torna.Da nessun punto di vista. Adesso si affretteranno tutti a tappare i buchi della questione, il club ovviamente, la stampa,gli stessi tifosi che hanno una voglia smisurata di cauterizzare la ferita perché non butti più sangue umorale in vista del preliminare di Champions League ormai a giorni. Ma qualcosa è accaduto. E’ accaduto che proprietà, funzionario preposto, tecnico e fuoriclasse con procuratore incorporato si siano mossi scompostamente, nei tempi e nei modi, come se ognuno andasse per conto suo.

    In un certo senso la prima e ultima ratifica ufficiale (comunicato di Andrea Della Valle a parte) della confusione sotto il cielo pallonaro di Firenze e Roma lo ha dato ier l’altro la Consob,l’autorità di controllo di Piazza Affari che ha richiamato all’ordine la Roma quotata così che desse formalmente la notizia dell’intenzione di acquistare Mutu e della relativa offerta alla Fiorentina.Altrimenti il titolo saliva all’impazzata senza motivo apparente,come invece è sceso ieri con un minimo di ragione,appunto la notizia che i Della Valle bros. avevano tolto il romeno dal mercato.Ora,se si pensa che è difficile immaginarsi due ambienti più opachi finanziariamente,diciamo così, del calcio e della Borsa,e che quindi il combinato disposto dei due può generare qualunque tipo di mostri nel sonno della ragione, non è difficile alla Andreotti ipotizzare che qualcuno ci abbia guadagnato.E chi,se non qualcuno tra coloro direttamente a conoscenza dell’andamento della vicenda?Questo aspetto lo lascio aperto.E invece vorrei rimarcare le varie figure sul palcoscenico fiorentino: è evidente-se non dobbiamo pensare a una recita collettiva- che nessuno aveva detto a Prandelli che avrebbero venduto Mutu a due settimane dal debutto in Champions.Come è evidente che per Mutu o si è mosso il direttore sportivo senza avvisare la proprietà,oppure erano d’accordo e la proprietà saggiamente ha fatto marcia indietro.Ma non era evitabile questa manfrina?E soprattutto se si vuole attuare (da attore…) sull’odierno palcoscenico calcistico ridotto a colabrodo in modo diverso,non va tenuto conto di questi aspetti di logica comunicazionale,ormai importanti quasi (!?) quanto l’acquisto di un campione nei rapporti con i tifosi e con l’opinione pubblica? Immagino l’obiezione: le notizie arrivano alla stragrande maggioranza dei tifosi e all’opinione pubblica attraverso l’informazione,internet compresa,e lì se ci sai fare puoi controllare in varie maniere che cosa deve o è utile o è promettente che esca,oppure no.Ma tutto ciò non è “sano”.Specie quando basterebbe rispettare la logica e remare da una stessa parte tutti quanti,in un contesto che parla di “progetto nuovo” a ogni piè sospinto.E la logica  è quella che non esclude affatto la vendita di giocatori,come del resto è accaduto alla Fiorentina in questi anni in cui, mentre la squadra per mano di Prandelli funzionava benissimo, tutt’intorno sembrava stare agli “arrivi e partenze” di Fiumicino,assai più che di Firenze Peretola (altro problema,credo…).Solo che la logica non prevede il vendere il giocatore più quotato alla vigilia di un impegno importante,né contempla che si faccia il possibile e l’impossibile,il lecito e il meno lecito per addossare la responsabilità di tutto al solito “mercenario”.Perché,intorno a lui c’è il poverello d’Assisi?Per tornare alla lezione più generale del caso Mutu e del caso cupidigia rotondolatrica,se vengono commessi errori marchiani  almeno di comunicazione come questo da un club che si vuole (lo scrivo da tifoso assai più critico verso la Fiorentina degli “estranei” ad essa, come forma di passione rispettosa) all’avanguardia in un calcio malato,che volete che mi aspetti dagli altri?Le “spiate” di Tavaroli?Appunto…

     commenti
    Commenti
    9
    Lascia un commento
    margherirosa .
    e invece “qui ti sbagli di grosso...”, caro Chip, come direbbero giustappunto quelli dell’arcaperduta del primitivocabaret; il mio computer sta in piedi quasi per misericordia, chiamasi ‘scascione’; non si sfascia perché intelligente com’è ha capìto che non potrei permettermene un altro anche per fargli compagnìa…; e come ti ripeto è nella tua stessa sigla secondo me, il tuo nick, la decifrazione di tale “mistero” telematico, se così si può chiamarlo / considerarlo….; di conseguenza, e come computer, non ti manca nulla, stài a posto come tantissimi altri…; piuttosto ciò che ti manca [e non è un grave appunto che ti faccio, che ti ribadisco] è comunque il tantino di apertura-vera verso gli altri: sembri addirittura quasi trincerato [più che stare comodamente su di una sorta di “piedistallo” forse-dorato, di cui ad esempio di avevo chiesto la natura, se marmo o altro; ma non mi hai risposto]; così come sulla mia amica brunetta che ti piaceva così tanto [e tu potresti rispondermi che, invece ti piacciono le bionde…, tanto per gelare il dialogo così pure banale] infatti non hai battuto ciglio / risposto..; [a proposito lo sapevi già che le ciglia e il ciglio a volte si possono battere, tranquillamente; ma a volte le ciglia è meglio non sbatterle troppo, il che è infatti tutta un’altra cosa…?]; e poi non hai spiegato ad esempio il significato del tuo nick: non è di certo obbligatorio farlo, ma quantomeno un segno / gesto di pura e semplice apertura verso il mondo…; e via discorrendo. Ma tu guarda: starei sì quasi per dire che meriteresti un bel sette-in-condotta, intesa telematicamente parlando, è ovvio...[e qui il mio computer mi corregge sempre in telepatìa che è pure quella tutt’ altra faccenda….] e così via… Come sempre, quindi: pazienza; ci siamo nati, e poi viviamo, [e crepiamo], nell’incomprensione… È ovvio [e magari succedesse] che se un qualcuno, super-esperto di computer, di tutte le diavolerie ivi annesse e connesse, ci volesse dare una spiegazione tecnica su quanto sopra, gliene sarei grato e riconoscente per……; e penso invece che a te non te ne xxxxxxxxxxx più di tanto, perché è proprio questo l'atteggiamento-base che è nele tue cosidette corde, o mi sbaglio…? [e-mail delle 22.00 passate]. Saluti. antonio
    Chip En Sai .
    Antonio... credo proprio che il tuo computer abbia qualcosa che a me manca!... quindi... salvo questo... non c'è nulla da capire da parte mia! .-)
    margherirosa .
    emerito Chip, benedetto figliolo, e oserei pure dire quasi « tesòro »...[e capiscimi bene quando dico ciò, ovvero “tesòro”…], se tu non fossi così preso da te stesso e imparassi o avessi imparato / stessi più attento a ciò che molto semplicemente e garbatamente ti dicono gli altri…, avresti capìto da un pezzo ciò che ti sto dicendo…; per l’ultima volta quindi: quando sul mio computer il cursore arriva all’altezza del tuo nick, ecco che sul banner [sai che cos’è il banner…? è quella riga in basso dove c’è segnata la pagina, riga, colonna etc., e pure la lingua appunto in cui si sta scrivendo; perché, se lo sò io..., che cos’è il banner, e sì di computer ne sò davvero poco..., ti garantisco che dovresti già saperlo anche tu cos’è…] dalla riga posta sùbito sotto, e sottolineo “sùbito sotto” al tuo nick appare sul banner il segnale di chi da quella riga in poi sta per scrivere / lèggere, non più in italiano, ma in francese…; molto al di sotto, e al di sopra, del tuo nick è tutto a posto-regolare; se poi si preme ad esempio più volte il tasto di invìo, infatti quella scritta-segnalazione francese rimane fino a quando si passa allo scritto di e-mail sottostante, [di un altro nick], o di per converso si torna al di sopra del tuo nick in questo caso. È un probabile “errore di lettura”, solo del mio computer, forse; ciò a esser sincero non lo so, perché come ti ripeto non me ne intendo. Ti ho solo segnalato la “anomalia”. Deve essersi creata una disfunzione minima, probabilmente // forse, proprio nel mio computer, che traduce la tua sigla come scritta in “francese” o che da quel momento in poi si entra nel vocabolario o linguaggio francese; e tutto ciò per un motivo che non conosco; e pertanto il nick è segnato come tale: francese ! Capìto adesso...? Spero di sì…! Ciò nondimeno tu sei un tantino “ francès’ ”, come dicesi a Napoli certe volte, proprio in certe occasioni-situazioni, e questa è appunto una di quelle volte-situazioni. È ovvio che non è “colpa” tua, per così dire, come ti sto ripetendo e ripeto da sempre; e già manco mia, se è per quello…, è ovvio…. E per il resto non posso che augurarmi che tu riesca sopratutto a meglio sintonizzarti con il resto del mondo, me compreso; a ascoltare gli altri, a concentrarti su ciò che dicono, e via discorrendo… [Quanto a quella mia amica, gran bella figliola, che ti piaceva così tanto…, tu hai fatto un pò “l’indiano”, hai poi fatto finta di niente, di sei trincerato, hai nicchiàto, il che vorrebbe dire che nel frattempo devi esserti sistemato diversamente e sì molto bene lo stesso, e buon per te. Come vedi lo scherzo, la cèlia, e quant’altro non mancano, nonostante la nuova ondata di caldo, la stanchezza, la spossatezza che purtroppo comportano, sia a bambini, giovani , adulti, e cosidetti “matusa” di ieri /// seniores di oggi]…. Eh, quanto è difficile capirsi al giorno d’oggi….!! Saluti. antonio
    Chip En Sai .
    Antonio... circa il mio nick... non so ancora di cosa parli!... faccio passare sopra di esso il cursore... ma non mi appare nessuna scritta... né in francese né in italiano!... per cui non so cosa risponderti!
    margherirosa .
    Chip, mi spiace per te, ma dopo la esplicitazione del “caso”, del tuo nick, [che hai cercata, e avuta, per l’ennesima volta], non ti sei ancòra espresso, e non hai chiarito...; il che significa che, ti piaccia o no, resterai per certi versi quello anche detto “ o’ francés’ ” così come a volte si identificano certi ceffi proprio-dei-brutti-ceffi, della mala, sia locale, internazionale e non, che amano farsi appellare in un certo modo, con un nomignolo di battaglia appunto perché magari così si riscuote più rispetto e anche considerazione, credibilità, di cattivo, tra la mala e tra la stessa gente comune // normale... E a proposito di starnuti, in effetti, oltre ai normali saluti di rìto // prammatica, talora ci si potrebbe anche firmare con un più simpatico / inusuale Starnuti Cari, ovvero etcì-etcì, e a cui poi si risponde e quasi obbligatoriamente Salute!! [ma più o meno solo per educazione…]. E inoltre per far venir i vetri lucidi, ma proprio lucidi, dopo anche un solo starnuto, è sufficiente strofinarli / asciugarli con della carta di buon-giornale, e vedrai…!! E poi al borbonico, ormai stagionato e sic fuori dai tempi, preferisco un bel barboncino, di quelli intelligenti, che se gli si insegna come comportarsi, ti danno anche molte soddisfazioni e non rompono i convenevoli più di tanto; senza dimenticarne la fedeltà! e allo stesso tempo senza manco dimenticare la importante strategia ambientale, legata sì ai famosi “Regi Lagni” [ideati proprio da quei borbonici, appunto], e a Sarno…, e alle tante altre “sarno” e a quant’altro di ambientalisticamente [e non solo] iper-correlato… E poi mi manca la famosa “matita rossa-e-bleu”, quella di chi dà / sembrerebbe dare “lezioni” agli altri…, e chiunque essi sìano, e più o meno lagnosi-lamentevoli o di per converso distaccati / strafottenti / ipercritici o chissà cos’altro che possano realmente essere /// pur lontanamente sembrare….[?]. È chiaro infine e manco a dirlo, che chi i vetri se li rompe, poi se li ricompra...; e si deve stare pure zitto, per certi versi e per così dire; e sì i cosidetti “cocci”, magari li può tranquillamente riciclare… [e una domanda finale: perché siamo sempre di meno...?]. Tante belle cose, quindi. antonio
    Chip En Sai .
    Una nuova "lezione"?!... c'è sempre da imparare!... mi viene uno starnuto... di quelli che scuotono i vetri!
    margherirosa .
    e per la serie: non tra gli alberi ma “tra i posters, tra i manifesti politici, e in questo periodaccio”..., a quanto pare le cosidette grandi manovre, quelle politicamente intese, “di postazione”, sono in un continuum con l’andazzo generale, che lascia, già e per così dire, “ben sperare” [!] per il futuro più immediato…; a livello Nazionale ad esempio si parla del Convegno di Gran Classe organizzato da tale Ferdinando [non quello borbonico, per carità!; molto più moderno] politico di razza, Adornato [!] [anche se personalmente, e al confronto, preferirei sempre uno borbonico, ma guarda un pò…], che invoca un bipartitismo più compiuto ? o forse qualcos’altro ? forse non lo sà manco lui stesso; sta di fatto che Televideo di quanto detto ci rendiconta puntualmente [Mediavideo, invece, dorme] : la Fondazione Liberal di Adornato, appunto, invita a discutere di un bipartitismo che non c’è; c’è poi chi dice di un livello attuale di condizioni e costrizioni che non sono più sostenibili; Rutelli da par suo parla di un Centro come Cantiere da verificare e misurare sulle idee per il Paese; infine poi il già redivivo Mastella non si sa se minaccia il suicidio o altro perché ci dice che è pronto per quel grande salto in Paradiso [ovvero come diceva la famosa canzone “Destinazione…” di quel tale..?]. Dubbi che evidentemente sono legati al sempre difficile linguaggio di certa gente ed al politichese comunque dietro l’angolo e…, e sopratutto di chi si trova adesso in una condizione di purgatorio-tendenzialmente-Inferno…; come dire che, dai “Regi Lagni”, alle lagne, di tali-poveri-cristi, ce ne passa e ce ne passa…! ma tant’è. Dicevo poi, di Mediavideo che ad esempio tace di tutto ciò che è politica non-del-Pdl-in-senso-stretto [perché ciò fà rima forse con quel Ponte sullo Stretto, o forse più perché è indice di vera loro ristrettezza-e-cattiveria-mentale e poi anche-politica] e rilancia già simpatiche notizie del tipo di un americano multato per aver sparato ad un tosaerba! ma non fà più notizia il Silvio che ne spara tutti i giorni, di cotte e di crude: vedi vicenda-Alitalia….? problema è che Lui se ne esce comunque da impunìto, se non premiato…!; viceversa v’avevo già ragguagliato circa quel manifesto spuntato in queste mie lande, sempre e comunque bizantine, che la dice lunga sulla ricerca della costruzione di quel cosiddetto “terzo polo” di cui peraltro si diceva da tempo…. Ma c’è una cosa che adesso mi sovviene: a suo tempo ovvero 15 anni addietro, quando era di voga, forse e già sopratutto in Basilicata, quel movimento nascente di Alleanza Democratica che vedeva appunto in Adornato il suo leader principale…; venne anche in queste lande, e tantissimi andarono anche a sentirlo; quasi-parteciparono all’inizio di fondazione di quel qualcosa che doveva far fondo e forza a Forza Italia; ebbene tra i pochi che misero appena-appena il naso, come suol dir, nella sala di quel convegno, ci fu il sottoscritto che immediatamente sentì odore di bruciato; e tanti-tantissimi invece misero firme e contro-firme, convinti, prima di accorgersi, dopo, della bufala che si vendeva. Ciò non significa che sono più intelligente di altri, ma non sono poi così fesso….! Solo questo.…E “tra gli alberi”, ma anche “tra i posters”, in-fondo-in-fondo…, così spesso poi cosa cambia…? Già, solo il tipo di scimmietta che scimmiotta…; delle volte addirittura se stessa ? è un pò il massimo… Saluti, [per adesso],…. antonio
    zetazeta .
    Ho piacere di sapere che il dominus di questo blog ha una qualche "forma di passione rispettosa" il che,in altre parole,mi sembra una contraddizione in termini.Ma,di questo, me ne farò una ragione. In concreto sul caso "Mutu".Penso che sia stata una questione gestita malissimo dalla Fiorentina,dalla sua dirigenza e dal giocatore. Ma se da Adrian Mutu me lo posso pure aspettare,conoscendo le trite e ritrite liturgie del Dio Pallonaro,con il corollario di "influenze",di "scelte di vita","la città affascinante" ecc.ecc.,meno comprensibile mi sembrano le posizioni della fam.Della Valle. Insomma o hanno ragione i Della Valle e allora Pantaleo Corvino,direttore sportivo,si è comportato in modo scorretto e allora deve essere licenziato,oppure i Della Valle hanno mentito quando hanno affermato che la Roma non ha mai trattato con la società.Delle due,una. Che la Fiorentina fosse nei preliminari di CL,credo che la società lo sappia da parecchio tempo,che Mutu fosse il giocatore simbolo,penso fosse cosa nota......eppure...eppure non si è esitato a mettere sul tappeto una versione di comodo che è stata peggiore del buco che doveva tappare. Ma i fratelli Della Valle hanno quell'appeal che gli permette di fare,con classe quello che ad un Gaucci qualunque,sarebbe permesso con la sufficienza di chi guarda ad povero zotico. I golfini viola di cachemere su di un bel blazer blù e con quelle scarpe fanno sicuramente (?) un presidente elegante, è sull 'uomo che ho delle perplessità. Quanto a Mutu....ci poteva risparmiare i saltelli al grido "chi non salta romanista è..è" . Anche in questo caso è tristissima la figura del giocatore costretto a fare la scimmia per accontentare il tifoso. Ma il povero Mutu nella sua vita ha già combattuto che ben altre scimmie a Londra,spero per lui che la lezione sia servita.Augurissimi.
    renfio .
    Il giorno in cui verrà fermato il campionato, riscritte le regole, pareggiato i bilanci, pagate le tasse senza dilazioni così come le pago io, smesso di morire per stupidità allora e solo allora io sarò felice; ed alla riapertura(dopo un anno) il primo che fà il cretino ferma tutto per un'altro anno. Non m'interessa se ci sono immezzo capitali e posti di lavoro meglio un pò di dieta e guadagnare in sicurezza lealtà e onestà che rimetterci tutto per il "vil denaro".

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

     
    Newsletter
    Resta sempre aggiornato sulle novità del sito di Oliviero Beha
    * Questo campo è obbligatorio
    Facebook